Skip to content

Il mock-documentary e la decostruzione del genere documentario

Informazioni tesi

  Autore: Luca Franco
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Giovanni Spagnoletti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 215

La caratteristica dei cosidetti finti documentari (o più precisamente mock-documentary, documentari beffardi, burloni con una non casuale sottolineatura sul carattere scherzoso e traditore del termine) è quella di utilizzare la “forma” del documentario per veicolare contenuti che “veri” non sono. In alte parole l’elemento di fiction viene trattato come se fosse un elemento reale, appartenente cioè a quella parte di realtà che è teoricamente possibile catturare con la macchina da presa o con la telecamera.
Ma qual è la forma del documentario?
O meglio quali sono le forme del documentario?
Quali sono le sue caratteristiche principali?
E’ una risposta complessa perché il cosidetto documentario non solo ha cambiato forma e aspirazioni nel corso degli anni, ma è ormai sempre più soggetto a un processo di contaminazione con la cosidetta fiction.
Nella presente tesi non cercheremo di dare una risposta diretta alle domande che ci siamo appena posti, ma procederemo in senso inverso: attraverso l’analisi di un gruppo particolare di mock-documentary individueremo le caratteristiche del documentario che vengono disattese e decostruite in questi testi.
Per inquadrare correttamente il problema ci avvaleremo del supporto di un testo importantissimo Faking it. Mock-documentary and the subversion of factuality .
Questo libro, oltre a tracciare un interessante percorso dal documentario al mock-documentary, avvalendosi del contributo dei più sagaci studiosi del genere, introduce e mette a disposizione dello studioso un altro importantissimo strumento: il mock grade, traducibile provvisoriamente in italiano come gradiente di finzione.
La traduzione è approssimativa perché l’aggettivo “mock” in inglese indica sì qualcosa di finto ma anche qualcosa di ironico, più vicino allo scherzo e alla trappola che alla mistificazione. E la caratteristica beffarda, oltre a quella decostruttiva è proprio quella fondante del mock-documentary che decostruisce il genere, attraverso una irresistibile ironia. Questa ironia non è una caratteristica accessoria ma fondamentale perché nasconde una sottintesa comunicazione con il pubblico. Il mock-documentary, infatti, è forse l’unico genere di “spettacolo” che pretende una partecipazione “attiva” del suo pubblico. Potremmo quindi affinare la nostra traduzione in livello d’ironia o meglio in livello di beffardia.
Jan Roscoe e Craig Hight individuano tre livelli di beffardia nell’analisi del mock-documentary: il primo livello (mock grade 1) è costituito dalla parodia e comprende la stragrande maggioranza dei testi, il secondo livello (mock grade 2) è caratterizzato dalla critica quei testi che operano una critica feroce alla comunicazione e spettacolarizzazione operata dai media.
Infine troviamo il livello più alto (il mock grade 3), dove secondo la studiosa australiana e lo studioso neozelandese si opera una vera e propria decostruzione del genere, capovolgendo completamente tutte i suoi elementi fondanti.
I testi con queste ultime caratteristiche sono molto rari, i tre più importanti sono Dave Holzman’s Diary (USA, 1967, 73’) di Jim Mc Bride, The falls (GB, 1980, 185’) di Peter Greenaway e Il cameramen e l’assassino (C’est arrivé près de chez vous, Belgio, 1992, 95’) di Remy Belvaux, André Bonzel e Benoît Poelvoorde..
Una volta analizzati questi tre testi fondamentali e aver estrapolato le loro caratteristiche di decostruzione tenteremo di portare la nostra analisi più avanti, aggiungendo qualcosa di nuovo a ciò che fin qui è stato detto.
Cercheremo cioè di individuare le caratteristiche di un nuovo genere che che a differenza degli altri possiede solo il nome di ciò che intende rappresentare, la realtà.
La struttura di questo lavoro sarà organizzata come segue; nel capitolo 1 verrà esposta una panoramica dei finti documentari, nel capitolo 2 si esporranno le recenti trasformazioni del documentraio e si introdurrà il concetto di mock grade, che sarà analizzato in dettaglio nel capitolo 3
Nel capitolo 4, saranno analizzati in tre testi prescelti e ne sarà proposto un quarto, ovvero Tribulation 99. Alien Anomalies Under America (USA, 1992, 48’) di Craig Baldwin Infine nel saranno esposte le conclusioni del lavoro, ovvero l’ipotesi che il mock-documentary in ultima analisi disveli la nascita di un nuovo genere proprio più che del cinema, dei mezzi di comunicazione di massa, vale a dire la realtà.
Seguirà una filmografia di tutti i finti documentari prodotti fino alla stesura della tesi e un’ appendice con un’ampia documentazione sulla trasmissione alla televisione neozelandese del mock-documentary Forgotten Silver di Peter Jackson, una rassegna stampa su Il cameramen e l’assassino all’epoca della sua uscita in Italia e il resoconto della corrispondeza via e-mail con Craig Hight per l’inserimento del film Tribulation 99. Alien Anomalies Under America tra i testi di categoria mock grade 3.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Luca Franco Il mock-documentary e la decostruzione del genere documentario 4 Introduzione La caratteristica dei cosidetti finti documentari (o più precisamente mock- documentary, documentari beffardi, burloni con una non casuale sottolineatura sul carattere scherzoso e traditore del termine) è quella di utilizzare la “forma” del documentario per veicolare contenuti che “veri” non sono. In alte parole l’elemento di fiction viene trattato come se fosse un elemento reale, appartenente cioè a quella parte di realtà che è teoricamente possibile catturare con la macchina da presa o con la telecamera. Ma qual è la forma del documentario? O meglio quali sono le forme del documentario? Quali sono le sue caratteristiche principali? E’ una risposta complessa perché il cosidetto documentario non solo ha cambiato forma e aspirazioni nel corso degli anni, ma è ormai sempre più soggetto a un processo di contaminazione con la cosidetta fiction. Nella presente tesi non cercheremo di dare una risposta diretta alle domande che ci siamo appena posti, ma procederemo in senso inverso: attraverso l’analisi di un gruppo particolare di mock-documentary individueremo le caratteristiche del documentario che vengono disattese e decostruite in questi testi.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi