The Beatlesongs: per una lettura sociologica della canzone di massa

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione

Autore: Valerio Mattei Contatta »

Composta da 338 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5875 click dal 17/01/2006.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Le canzoni dei Beatles: una delle eredità culturali
di massa più longeve e memorabili del XX secolo.
Hanno assorbito e rappresentato la cultura, la società e la storia del loro tempo diventando oggetto di grande interesse sociologico.
La musica e il carisma dei Beatles sono vivi, sono presenti: dai rotocalchi, ai quotidiani, alle riviste specializzate, ai siti internet di tutto il mondo.
Si sublimano e si riproducono nelle pubblicità, nella moda e in ogni forma della comunicazione visuale e acustica contemporanea.
Dai primi scatenati rock’n’roll ai brani più surreali e introspettivi, la rapida ed intensa evoluzione del gruppo è entusiasmante.
Pur sperimentando e inaugurando soluzioni sonore innovative per l’epoca, la Beatlesong è rimasta sempre fedele ad un progetto di canzone che può essere definita “di massa”: non tanto e non solo per la quantità di persone che la conoscono, la amano e la acquistano, ma soprattutto per l’atteggiamento estetico ex ante, propriamente popular, che ha caratterizzato uno dei più fortunati repertori del pop- rock moderno.

Mostra/Nascondi contenuto.
10 INTRODUZIONE Ispirandomi ad un neologismo introdotto da W. Dowling nel 1989, ho dedicato la mia Tesi di Laurea alle Beatlesongs, 3 le canzoni dei Beatles, una delle eredità culturali di massa più longeve e memorabili del XX secolo. Questa analisi ha una motivazione a carattere prevalentemente sociologico. Mi sono proposto di analizzare un prodotto (le canzoni), per capire come esse abbiano assorbito e rappresentato la cultura, la società e la storia del loro tempo. Credo che il principio che ha ispirato il mio lavoro, sia espresso perfettamente da F. Ferrarotti quando dice che i prodotti culturali «non nascono naturalmente dal nulla e non si sviluppano nel vuoto sociale. Né sono soltanto specchi morti, riflessi speculari e inerti della realtà che vive e si muove intorno ad essi. Non sono meri epifenomeni del sociale né possono pretendere un’assoluta, in- temporale originalità. Essi piuttosto testimoniano, rappresentano, fanno rivivere e danno in ogni caso sollievo alle caratteristiche fondamentali, sia armoniose che contraddittorie e conflittuali, dell’ambiente sociale in cui sorgono.» 4 3 Beatlesongs è un neologismo per indicare la tipica canzone dei Beatles. Vedi W. Dowling, 1989: Beatlesongs, Fireside, New York 4 F. Ferrarotti, 1998, Libri, lettori e società, Liguori, Napoli, p. 62- 63