Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Medea oggi - Antropologia e psicopatologia dell'infanticidio e figlicidio materno

L'interesse che oggi suscitano i delitti in famiglia soprattutto quelli rivolti ai figli e soprattutto quelli commessi dalle madri mi ha spinto a compiere una ricerca per verificare se, come sembra dal clamore mass mediatico intorno a questi casi, siano effettivamente in aumento. L'interesse maggiore si è poi concentrato sulla storia e sulla diverse concezioni di tali delitti in altre culture. Termino con una ricerca effettuata presso l' OPG di Castiglione delle Stiviere (MN) sulle madri affette da patologie che hanno ucciso i figli.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Non tutte le mamme hanno Il talento di trasformare la vita Dei loro figli in percorsi di felicità. Se tutte fossero buone Non ci sarebbero figli infelici Feriti a vita UCCISI A. Bernardini de Pace (Mamma non m’ama. Le madri cattive esistono Sperling & Kupfer, Milano 2005) L’idea di proporre come argomento, per la mia dissertazione di laurea, quello delle madri che uccidono è nata dal fatto che il ritrovamento del cadavere del piccolo Samuele Lorenzi avvenuto a Cogne, un piccolo paese della Valle d’Aosta, il 30 gennaio 2002, ed i successivi eventi che hanno visto coinvolta la madre, ha suscitato, nell’opinione pubblica una curiosità quasi morbosa sull’argomento del figlicidio e dell’infanticidio. Dopo questo drammatico avvenimento, forse perché di quelli di cui i mezzi di comunicazione di

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Formazione

Autore: Maria Clotilde Fangarezzi Contatta »

Composta da 122 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 15076 click dal 23/03/2006.

 

Consultata integralmente 45 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.