Skip to content

I processi di esternalizzazione: tra interesse dell'impresa e tutela del lavoratore

Informazioni tesi

  Autore: Marco Ciardi
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale / L.S. Direzione del Personale
  Relatore: Federico Frediani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 255

Gli attuali contesti competitivi richiedono alle aziende caratteri di flessibilità sempre più marcati. I processi di outsourcing rappresentano una soluzione particolarmente efficace per assecondare bisogni di questo tipo.
Se da una parte però la tendenza all’esternalizzazione costituisce un’ esigenza quasi fisiologica per l’impresa, dall’altra occorre considerare che tali operazioni comportano molto spesso, per i lavoratori coinvolti, un peggioramento del proprio trattamento economico e normativo; conseguenza, quest’ultima, che in alcuni casi può pericolosamente costituire l’unica o principale finalità perseguita da parte datoriale.
Nella regolamentazione delle fattispecie giuridiche attraverso le quali si può realizzare processi di esternalizzazione occorre, dunque, riuscire a bilanciare bene gli interessi in gioco, in modo da disincentivare atteggiamenti fraudolenti da parte dell’aziende, senza però penalizzare la realizzazione di fisiologici processi di riorganizzazione aziendale ispirati alle logiche della lean production e dell’organizzazione a rete.
Con tale approccio, dunque, si procede all’analisi di due distinte fattispecie giuridiche il cui collegamento negoziale costituisce nel nostro paese la principale modalità di realizzazione di processi di outsourcing: il trasferimento di ramo d’azienda, con il quale l’impresa esternalizza il complesso di beni e rapporti di lavoro necessario per l’espletamento di una singola attività o funzione aziendale; e l’appalto di opere e servizi, che consente all’impresa di riappropriarsi dei risultati dell’attività esternalizzata.
Le due fattispecie giuridiche saranno analizzate con atteggiamento critico e propositivo alla luce delle recenti innovazioni apportate dal D.Lgs. n. 276/2003, così come modificato dal D.Lgs. n. 251/2004.
La ricerca si conclude con l’analisi delle principali soluzione elaborate in passato da parte delle rappresentanze sindacali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I I PROCESSI DI ESTERNALIZZAZIONE 1.1 Evoluzione dei modelli organizzativi e decentramenti produttivi A partire dai primi anni settanta, l’organizzazione del sistema produttivo è stata assoggettata a trasformazioni talmente forti, da parlare di una “nuova rivoluzione industriale”, il cui principale vettore di cambiamento si è dimostrato lo sviluppo tecnologico e, in particolare, i notevoli progressi in campo informatico. Il modello organizzativo predominante fino a quel periodo, era quello fordista, caratterizzato dalla presenza di imprese di notevoli dimensioni altamente integrate, che svolgevano al proprio interno tutte le attività, sia principali che sussidiarie, proprie di una specifica industria. Il modello, che aveva trovato conferme in un contesto economico di grande espansione, entrò poi in difficoltà proprio all’inizio degli anni settanta, in seguito alla prima crisi petrolifera e al conseguente periodo di recessione che caratterizzò l’economia nazionale di molti paesi. Si vennero così a creare per l’imprese, esigenze di flessibilità, specializzazione, innovazione tecnologica, caratteri difficilmente riscontrabili in aziende di grandi dimensioni e fortemente integrate. A tal fine iniziarono a diffondersi nuovi modelli organizzativi, definiti appunto post-fordisti, caratterizzati da una elevato grado di specializzazione su singole attività e volti principalmente alla ricerca di due distinti obiettivi: flessibilità,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

appalto
decreto legislativo 276/2003
divieto di interposizione
esternalizzazione
legge biagi
outsourcing
trasferimento ramo d'azienda

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi