Skip to content

Muhammad Yunus: il banchiere dei poveri. Organizzazione e società.

Informazioni tesi

  Autore: Domenico Marra
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Messina
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'Educazione
  Relatore: Luigi Rossi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 113

Il Banchiere dei poveri di Muhammad Yunus è uno dei testi più importanti degli ultimi anni dal punto di vista sociale, politico e culturale ed è bene sottolineare come si tratti di un libro di fatti e non solo di idee. L’autore ci fa vedere come sia possibile conciliare due aspetti della vita umana spesso considerati agli antipodi: da una parte la forza dei sogni, delle utopie, della speranza, e dall’altra il pragmatismo e l’attenzione verso la realtà così come è. L’obiettivo da cui è partito Yunus è quello di “abolire” la povertà e il titolo originale dell’opera -Verso un mondo senza povertà- evidenzia con più forza il concetto. Molti di noi pensano che la povertà non sia estinguibile del tutto, e alcuni pensano che la povertà sia un prezzo da pagare e qualsiasi sforzo atto ad eliminarla non farebbe altro che peggiorare le cose.. Le banche tradizionalmente non sono disposte a dare prestiti per cifre molto piccole (quelle che necessitano per acquistare poche materie prime o attrezzi di lavoro) perché il costo dell’apertura della pratica è sproporzionato rispetto all’entità del credito stesso, e non sono disposte a fare prestiti ai poveri perché non hanno garanzie patrimoniali da offrire per la loro solvibilità.Ma come fanno ad avere garanzie se sono poveri? E come fanno a non essere più poveri se non ottengono i prestiti necessari? A queste domande, il professor Yunus ha dato risposta attraverso Grameen, dimostrando che la garanzia più forte per un povero è la voglia di uscire dalla miseria . Se ad un diseredato viene data fiducia, egli farà di tutto per ripagarla e rimborserà il prestito anche grazie ad azzeccate modalità quali la restituzione attraverso tante piccole rate invece di un’unica rata a lunga scadenza. La scommessa del Banchiere dei Poveri è andata a buon fine, dimostrando che un’attività commerciale - Grameen è una banca a tutti gli effetti che genera profitti- può agire seguendo valori sociali. “Il Banchiere dei Poveri” è un libro estremamente gradevole da leggere: tutto nasce dalla ferma convinzione di Yunus che la povertà si può eliminare e che, se ci si pone questo come obiettivo concreto, si ottengono risultati ottimi a tutti i livelli: condizioni di vita, condizioni economiche, grado di istruzione, consapevolezza personale, dignità, indipendenza, libertà. Yunus vede i poveri come persone molto capaci, perché, nonostante abbiano tutte le condizioni avverse, riescono a sopravvivere: egli li vede – soprattutto- come esseri reali, singoli individui, ognuno con le proprie particolarità e con la propria dignità a priori, per diritto di nascita . Yunus dimostra che i poveri sono solvibili, che si può prestare loro del denaro e ricavarne un profitto. Secondo Yunus ogni essere umano che nasce, grava sulla società in quanto consumatore, ma come imprenditore può avere incalcolabile importanza per la società. Una delle regole di Grameen, la banca dei poveri, è che chi aderisce al programma del microcredito ed ottiene un prestito, si impegna a mandare i figli a scuola. E’ evidente l’importanza che si dà all’istruzione come strumento per affrancarsi dalla povertà, dalla passività, dalla dipendenza. Nei paesi in via di sviluppo l’analfabetismo è ancora molto diffuso , soprattutto fra le donne, ma anche nei paesi avanzati ci sono bambini che abbandonano la scuola, c’è sfruttamento minorile, magari da parte di organizzazioni criminali. Chissà, magari si scopre che, la famosa “arte di arrangiarsi” , con cui molti sopravvivono, con un facile accesso al credito e con le regole di Grameen, può diventare in poco tempo crescita, imprenditorialità diffusa, lavoro indipendente e creativo. Grameen attraverso la sua azione è riuscita anche in una rivoluzione culturale e sociale nelle zone in cui ha operato. Facendo accettare il fatto che una donna possa essere protagonista del proprio destino, attraverso l’ottenimento di prestiti per progetti personali , Yunus ha ottenuto un altro risultato straordinario. Basta volerlo e crederci.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione Il Banchiere dei poveri di Muhammad Yunus è uno dei testi più importanti degli ultimi anni dal punto di vista sociale, politico e culturale ed è bene sottolineare come si tratti di un libro di fatti e non solo di idee. L’autore ci fa vedere come sia possibile conciliare due aspetti della vita umana spesso considerati agli antipodi: da una parte la forza dei sogni, delle utopie, della speranza, e dall’altra il pragmatismo e l’attenzione verso la realtà così come è. L’obiettivo da cui è partito Yunus è quello di “abolire” la povertà e il titolo originale dell’opera -Verso un mondo senza povertà- evidenzia con più forza il concetto. Molti di noi pensano che la povertà non sia estinguibile del tutto, e alcuni pensano che la povertà sia un prezzo da pagare e qualsiasi sforzo atto ad eliminarla non farebbe altro che peggiorare le cose. Yunus non la pensava e non la pensa così e, scendendo dal suo trono dorato di accademico, è andato tra i poveri, nei villaggi più miseri, per capire la povertà. L’unico modo che i poveri hanno di sopravvivere è quello di fare i contadini o fare i piccoli artigiani. A causa della miseria quest’ultimi non hanno come pagare le materie prime e sono costretti a chiedere prestiti ad usurai dalla quale schiavitù non riusciranno più a venirne fuori. Le banche tradizionalmente non sono disposte a dare prestiti per cifre molto piccole (quelle che necessitano per acquistare poche materie prime 5

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi