Skip to content

L'acqua come diritto umano e principio di autodeterminazione

Informazioni tesi

  Autore: Simone Grillo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Antonio Papisca
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 99

Il dibattito sul diritto all’acqua ha assunto negli ultimi anni un tono sempre più significativo, al punto da far ritenere diversi autori ed esperti che in futuro le guerre verranno combattute proprio per la gestione di questa risorsa.
Già oggi molti conflitti sono legati alla gestione delle risorse idriche, ma questa causa viene poco analizzata, quasi dimenticata, e lasciata fuori dal grande dibattito sulla pace in diverse aree del mondo.
La società civile, continua ad impegnarsi in ogni parte del mondo per sottrarre la gestione delle politiche idriche alle decisioni esclusive dei governi, specie quando gli esecutivi sono sottomessi alle politiche della World Bank e dell’International Monetary Found.
Questa azione così decisa, che in questa tesi viene analizzata con diversi esempi, mostra una chiara presa di coscienza, rispetto a istituzioni sopranazionali ancora molto restie a definire l’acqua come un diritto umano, a governi e partiti politici nazionali incapaci di farsi davvero portavoce degli interessi dei cittadini.
Spetta così a gruppi di pressione ed ONG il compito di dialogare con le istituzioni, di opporsi a scelte mercificatici, di proporre soluzioni giuridiche, politiche e gestionali capaci di garantire un governo democratico dell’acqua, attraverso un azione che mostri la reale capacità di autodeterminazione dei popoli, in quanto soggetti capaci di muoversi politicamente in maniera autonoma e di collaborare internazionalmente tra loro per la promozione dei propri diritti e della solidarietà internazionale.
L’azione della società civile si basa sulla definizione del diritto all’acqua, già stabilito in maniera implicita dal Patto sui Diritti Civili e Politici e quello sui Diritti Economici Sociali e Culturali, meglio conosciuti come i Covenants del 1966; un diritto implicitamente richiamato nella definizione del diritto alla vita, alla salute e allo sviluppo, diritti sanciti da strumenti internazionali di diritto cogente e dalle Costituzioni nazionali di tutti i paesi del mondo. Inoltre va considerato come il diritto all’acqua sia già esplicitamente sancito nei principali strumenti di diritto internazionale umanitario, nella Convenzione dei diritti del Fanciullo e nella Convenzione contro ogni forma di discriminazione nei confronti della donna.
Queste basi giuridiche essenziali, mostrano la costruzione di un diritto all’acqua, forte di diversi richiami, creatisi in diversi ambiti del diritto cogente, nonché nel soft law, il quale ormai si dimostra capace di rappresentare uno strumento politico validissimo (come dimostra la decisione di Boliva, Cuba, Uruguay e Venezuela di non firmare la dichiarazione ministeriale della quarta conferenza mondiale sull’acqua) e di portare verso la definizone di hard law.
Sostanzialmente, appare evidente come il diritto all’acqua si basi sulla cooperazione tra stati, che dimostra la necessità di cogestione di questa risorsa, necessaria per evitare lo scatenarsi di conflitti. Un diritto che deve avvalersi del contributo gestionale degli utenti, che deve prevedere una tariffazione progressiva e un quantitativo minimo gratuito di acqua disponibile per ogni singolo cittadino.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 1.PREMESSA Il dibattito sul diritto all’acqua ha assunto negli ultimi anni un tono sempre più significativo, al punto da far ritenere diversi autori ed esperti che in futuro le guerre verranno combattute proprio per la gestione di questa risorsa. Già oggi molti conflitti sono legati alla gestione delle risorse idriche, ma questa causa viene poco analizzata, quasi dimenticata, e lasciata fuori dal grande dibattito sulla pace in diverse aree del mondo. La società civile, continua ad impegnarsi in ogni parte del mondo per sottrarre la gestione delle politiche idriche alle decisioni esclusive dei governi, specie quando gli esecutivi sono sottomessi alle politiche della World Bank e dell’International Monetary Found. Questa azione così decisa, che in questa tesi viene analizzata con diversi esempi, mostra una chiara presa di coscienza, rispetto a istituzioni sopranazionali ancora molto restie a definire l’acqua come un diritto umano, a governi e partiti politici nazionali incapaci di farsi davvero portavoce degli interessi dei cittadini. Spetta così a gruppi di pressione ed ONG il compito di dialogare con le istituzioni, di opporsi a scelte mercificatici, di proporre soluzioni giuridiche, politiche e gestionali capaci di garantire un governo democratico dell’acqua, attraverso un azione che mostri la reale capacità di autodeterminazione dei popoli, in quanto soggetti capaci di muoversi politicamente in maniera autonoma e di collaborare internazionalmente tra loro per la promozione dei propri diritti e della solidarietà internazionale. L’azione della società civile si basa sulla definizione del diritto all’acqua, già stabilito in maniera implicita dal Patto sui Diritti Civili e Politici e quello sui Diritti Economici Sociali e Culturali, meglio conosciuti come i Covenants del 1966; un diritto implicitamente richiamato nella definizione del diritto alla vita, alla salute e allo sviluppo, diritti sanciti da strumenti internazionali di diritto cogente e dalle Costituzioni nazionali di tutti i paesi del mondo. Inoltre va considerato come il diritto all’acqua sia già esplicitamente sancito nei principali strumenti di diritto internazionale umanitario, nella Convenzione dei diritti del Fanciullo e nella Convenzione contro ogni forma di discriminazione nei confronti della donna. Queste basi giuridiche essenziali, mostrano la costruzione di un diritto all’acqua, forte di diversi richiami, creatisi in diversi ambiti del diritto cogente, nonché nel soft

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi