Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Aspetti giuridici della regolamentazione all'accesso delle informazioni disponibili su Internet: analisi delle normative vigenti in Italia, paesi europei e Nordamerica

Si tratta di una esaustiva panoramica su alcune delle principali problematiche giuridiche riguardanti Internet. La tesi è focalizzata in particolare su questi argomenti:
1) Privacy
2) La responsabilità dei soggetti operanti su Internet
3) Il diritto d'autore
4) La pubblicità
5) La libertà d'espressione

Mostra/Nascondi contenuto.
7 1.1. Introduzione alle problematiche della privacy sulla rete La nozione di privacy, cioè la sfera privata delle persone, ha assunto connotazioni diverse dal significato originario dopo l'esplosione di Internet, in quanto l'uso di nuovi strumenti telematici pongono il problema in maniera completamente diversa e nuova. Allora alla luce di queste nuove problematiche, possiamo definire come diritto alla privacy, il diritto di costruire la propria sfera privata 1 , ossia come il diritto di ogni persona ad avere il dominio esclusivo sulle informazioni che la riguardano, anche quando queste vengono condivise da altre persone e/o raccolte in banche dati. A questo proposito, DAN FARMER, apprezzato ricercatore americano nel settore della sicurezza dei sistemi informatici, ha iniziato nell’aprile del 1995 una ricerca i cui risultati sono stati e sono tuttora molto discussi. Farmer con l’ausilio di un programma creato con l’aiuto di alcuni amici denominato “SATAN” 2 , acronimo di “Security Administrator Tool for Analyzing Networks”, ha cominciato ad attaccare i sistemi di sicurezza di svariati tipi di utenti, con il dichiarato intento di consentire agli amministratori di rete di identificare ed eliminare le falle nei sistemi di sicurezza. Mettendo alla prova circa 2200 siti è risultato che 1/3 è risultato molto vulnerabile agli attacchi, un altro terzo è risultato vulnerabile ma in misura minore, ed solo il restante 30% è risultato sufficientemente sicuro (per i risultati completi dell’indagine consultare il sito http://www.trouble.org/survey/ ). Ora considerando che i siti prescelti come vittime erano tutti di alto livello si può ben capire quale enorme importanza abbia la privacy in un sistema come Internet. Se non sono al sicuro i dati in banche dati di 1 O. Torriani, S.Parise, "Internet e diritto", ed. Il Sole 24 ore, Milano, 1998 pag. 33

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Gianluca Arcolini Contatta »

Composta da 345 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6531 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.