Skip to content

I Modelli Economico-Aziendali: la previsione di insolvenza alla luce di Basilea 2

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Antonio Feo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Prof. Valerio Antonelli Antonelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 219

La tesi, nell'affrontare un argomento così ampio e complesso, cerca di offrire una panoramica che percorra idealmente il processo di evoluzione delle metodologie di previsione dell’insolvenza in un unicum che ne analizza le cause, le modalità di identificazione, i modelli di analisi e previsione e, infine, gli strumenti di gestione alla luce delle recenti regolamentazioni internazionali.
L’obiettivo perseguito con il presente lavoro è quello di illustrare il contributo che può essere reso dall’applicazione delle recenti tecniche di misurazione del rischio di credito al processo di valutazione delle imprese, con particolare riferimento al tessuto principale dell’economia italiana, e cioè, le PMI.
Il lavoro è stato strutturato in cinque capitoli. Il primo capitolo si apre con una disamina sui concetti di insolvenza, di orizzonte di rischio e di rischio di credito, termini che a prima vista possono apparire scontati, ma che in realtà racchiudono diverse interpretazioni e significati che devono essere analizzati e chiariti.
Nel secondo capitolo, vengono presentati i modelli di previsione dell’insolvenza. Partendo dalle fasi relative alla loro costruzione, si distinguono i vari tipi di modelli e si illustrano le tecniche base di computazione, in particolare l’analisi discriminante e le reti neurali. Nella seconda parte viene costruita una procedura-modello per l’analisi dei fattori qualitativi che, assieme ai dati quantitativi, devono accompagnare i modelli al fine di ottenere una valutazione completa dell’azienda.
Nel terzo capitolo si discute dei livelli di analisi della previsione del rischio di credito. Infatti, questa può essere svolta a due livelli distinti. Da un lato, si può intervenire sulle caratteristiche delle singole esposizioni per ridurre le perdite che potrebbero scaturire da ognuna di esse, dall’altro è necessario intervenire sulla struttura complessiva del portafoglio crediti della banca per mantenerne sotto controllo il grado di diversificazione. Analizzando tale secondo aspetto si entra nell’ambito dello studio dei modelli basati sul Value at Risk, e cioè, i modelli sviluppati dalle maggiori istituzioni finanziarie.
Il quarto capitolo entra, invece, nel merito degli Accordi di Basilea, tema quanto mai attuale data l’entrata in vigore, gennaio 2007, delle novità introdotte dal Nuovo Accordo sul Capitale e vengono posti in evidenza i limiti della precedente formulazione del 1988. Le varie crisi che si sono succedute nei mercati internazionali a partire dagli inizi degli anni ’90 fino ad oggi, hanno indotto il Comitato di Basilea ad elaborare una proposta di revisione che potesse permettere di superare i precedenti limiti, e tale proposta è stata oggetto di numerosi studi suggeriti dai timori che il Nuovo Accordo ha generato sul presunto razionamento del credito che potrebbe derivarne per le PMI.
L’ultimo capitolo è il caso pratico della tesi, contiene l'elaborazione di una procedura di valutazione e attribuzione di rating frutto dell’esperienza condotta presso la Banca del Cilento, BCC operante nel territorio del Cilento-Vallo di Diano. Oltre a tale elaborazione, si analizzano anche il Fondo di Garanzia introdotto con la legge 662/96 e gli elementi principali del nuovo sistema di classificazione dei rischi di credito, CRC-BCC, sottoposto alla validazione da parte della Banca d’Italia, che le Banche di Credito Cooperativo inizieranno ad utilizzare a partire dal prossimo anno.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione La tesi, nell'affrontare un argomento così ampio e complesso, cerca di offrire una panoramica che percorra idealmente il processo di evoluzione delle metodologie di previsione dell’insolvenza in un unicum che ne analizza le cause, le modalità di identificazione, i modelli di analisi e previsione e, infine, gli strumenti di gestione alla luce delle recenti regolamentazioni internazionali. L’obiettivo perseguito con il presente lavoro è quello di illustrare il contributo che può essere reso dall’applicazione delle recenti tecniche di misurazione del rischio di credito al processo di valutazione delle imprese, con particolare riferimento al tessuto principale dell’economia italiana, e cioè, le PMI. Il lavoro è stato strutturato in cinque capitoli. Il primo capitolo si apre con una disamina sui concetti di insolvenza, di orizzonte di rischio e di rischio di credito, termini che a prima vista possono apparire scontati, ma che in realtà racchiudono in se diverse interpretazioni e significati che devono essere analizzati e chiariti. Nel secondo capitolo, vengono presentati i modelli di previsione dell’insolvenza. Partendo dalle fasi relative alla loro costruzione, si distinguono i vari tipi di modelli e si illustrano le tecniche base di computazione, in particolare l’analisi discriminante e le reti neurali. Nella seconda parte viene costruita una procedura-modello per l’analisi dei fattori qualitativi che, assieme ai dati quantitativi,

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

662/96
analisi discriminante
attribuzione del rating
banche
basilea
bcc
credit portfolio view
creditmetrics
creditrisk+
fondo di garanzia
insolvenza
kmv
modelli di previsione dell'insolvenza
pmi
previsione dell'insolvenza
rapporto banca-impresa
rating
reti neurali
rischio di credito
var

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi