Skip to content

Il ruolo degli investitori istituzionali nel processo di sviluppo delle Pmi. Il caso di una società operante nel settore fotovoltaico.

Informazioni tesi

  Autore: Salvatore Bologna
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2005-06
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economico-aziendali
  Relatore: Antonella Angelini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 242

Analizzando il successo di alcune grandi imprese, si può osservare come tutte avessero un comune denominatore. Realtà aziendali quali Microsoft, Apple Computer, Netscape Communications, solo per citarne alcuni, illustrano che il più importante asset di una nuova impresa deve essere una buona idea, ma questo può anche non bastare, infatti, pensare un idea è ben diverso che costruirla in larga scala, è chiaro che la seconda richiede un ammontare elevato di capitali non indifferente. Gli operatori che si trovano più a suo agio in investimenti di questo tipo sono i venture capital, che aiutano le imprese nella fase “adolescenziale”.
Il concetto di venture capital si è comunque evoluto. Agli inizi degli anni Ottanta, con il termine venture capital si definiva l'apporto di capitale azionario, o la sottoscrizione di titoli convertibili in azioni, da parte di operatori specializzati, in un'ottica temporale di medio-lungo termine, effettuato nei confronti di imprese non quotate e con elevato potenziale di sviluppo in termini di nuovi prodotti o servizi, nuove tecnologie, nuove concezioni di mercato. Nel corso degli anni, pur rimanendo invariati i presupposti di fondo, le caratteristiche dell'attività di investimento istituzionale nel capitale di rischio sono mutate, diversificandosi in funzione del sistema imprenditoriale di riferimento e del grado di sviluppo dei diversi mercati e offrendo, oggi, una più variegata gamma di possibilità di intervento. Di fatto, il comune denominatore rimane l'acquisizione di partecipazioni significative in imprese, in ottica di medio lungo-termine, e il conseguente obiettivo di sviluppo finalizzato al raggiungimento di una plusvalenza sulla vendita delle azioni, ma la presenza delle ulteriori caratteristiche ha assunto connotati molto variabili. Sul fronte prettamente terminologico, oggi, secondo la prassi più diffusa negli USA, l'attività di investimento istituzionale nel capitale di rischio, definita nella sua globalità attività di "private equity", viene suddivisa, in funzione della tipologia di operatore che la pone in essere, tra venture capital e operazioni di buy out, come illustrato nel primo capitolo dove viene fornita una carrellata dei vari interventi, in base al tipo di situazione aziendale.
Il secondo capitolo spiega come avviene l'attività di questi operatori, analizzando le attività di richiesta di fondi, e le modalità di valutazione del fondo, passando per una dettagliata analisi del mercato.
I capitoli successivi danno un taglio analitico, rispetto ai primi due, viene, infatti, descritto il processo di investimento e relativo disinvestimento, analizzando anche i relativi problemi che nascono in sede di valutazione dell'enterprise value.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione. Analizzando il successo di alcune grandi imprese, si può osservare come tutte avessero un comune denominatore. Bill Gates e Paul Allen fondarono Microsoft nel 1975, mentre entrambi avevano 20 anni. Undici anni dopo Microsoft veniva offerta al pubblico per 21 dollari ad azione che salirono immediatamente a 35. Bill Gates da quella operazione guadagnò circa 350 milioni di dollari. Nel 1976, altri due studenti, Steve Jobs e Steve Wozniak, vendettero una coppia di calcolatori e con il ricavato crearono una piccola fabbrica di computer in un garage. Nel 1980, quando Apple Computer fu offerta al pubblico le azioni furono vendute a 22 dollari, che in breve tempo salirono a 36. A quel punto il valore delle azioni dei due fondatori era di circa 414 milioni di dollari. Nel 1994 Marc Andreesen, un ventiquattrenne dall’ University of Illinois, conobbe un investiore, James Clark, insieme fondarono Netscape Communications. Solo un anno dopo le azioni di Netscape furono offerte al pubblico a 28 dollari e immediatamente salirono a 71 dollari. Dall’operazione James Clark guadagnò circa 566 milioni di dollari, mentre Marc Andreesen circa 245 milioni. Queste storie illustrano che il più importante asset di una nuova impresa deve essere una buona idea, ma questo può anche non bastare, infatti, pensare un idea è ben diverso che costruirla in larga scala, è chiaro che la seconda richiede un ammontare elevato di capitali non indifferente. L’imprenditore allora può chiedere prestito ad una banca, ma questo non è sufficiente per fondare il successo. I venture capital sono operatori specializzati nel fornire capitale alle prime fasi e aiutare le imprese nella fase “adolescenziale” Il padre fondatore dei venture capital è Arthur Rock. Nel 1957 un gruppo di otto scienziati, disincantati dello stile di gestione del loro capo, William Shockley, prevedevano che il loro prodotto poteva cambiare il mondo, ma a loro necessitava il denaro per creare una nuova società. Gli "otto traditori", che sono diventati noti, hanno arruolato l'aiuto di un banchiere di investimento visionario di New York, Arthur Rock.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aifi
beta
business angels
business plan
buy-out
disinvestimento
due diligence
enterprice value
equity value
finanziatori istituzionali
flussi di cassa
fondo chiuso
incubatori
internal rate of return
metodi assoluti
metodi relativi
private equity
start up
sviluppo aziendale
venture capital

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi