La regolamentazione degli Stati Uniti d'America dei prodotti alimentari geneticamente modificati. Aspetti giuridici, economici ed etici.

Laurea liv.I

Facoltà: Economia

Autore: Cinzia Stancato Contatta »

Composta da 82 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1658 click dal 02/04/2007.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Nel presente studio ho analizzato la normativa, le linee guida e i principi statunitensi in materia di sviluppo, produzione, commercializzazione di prodotti alimentari GM.
Un "organismo geneticamente modificato" è un essere vivente il cui patrimonio genetico è stato modificato con le tecniche dell'ingegneria genetica, introducendo, eliminando o inattivando uno o più geni dell'organismo in questione o dei suoi progenitori.
Gli obiettivi perseguiti dalla biotecnologia sono numerosi, alcuni rispondenti a soli fini economici altri invece volti al miglioramento della salute, delle condizioni di vita umana e dell’ambiente.
Gli organismi viventi sono quindi manipolati geneticamente per ridurre i tempi di selezione e conservare le caratteristiche più vantaggiose dell’organismo originario, aumentare la produttività, creare organismi resistenti ad ambienti ostili ed all’attacco di parassiti o ad erbicidi, così da ottenere anche un risparmio economico sull’utilizzo di diserbanti ed antiparassitari oppure per salvare specie a rischio o creare farmaci e vaccini alimentari.
La tesi, in particolare, approfondisce la normativa statunitense in materia di sicurezza alimentare e commercializzazione dei prodotti alimentari frutto della bioingegneria, sottolineando le profonde differenze tra l'approcio statunitense e comunitario.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO I Origine, storia ed evoluzione delle biotecnologie. 1.1. Definizione ed applicazione La “biotecnologia” consiste nello studio delle applicazioni tecnologiche alla biologia .Tra le varie definizioni, la più completa sembra essere quella data dalla Convenzione sulla Diversità Biologica 1 : “la biotecnologia consiste in tutte le applicazioni tecnologiche che utilizzano sistemi biologici, organismi viventi o loro derivati, per produrre o modificare prodotti o processi per un uso specifico”. Nel linguaggio corrente è maggiormente diffuso il termine al plurale per indicare gli svariati campi di applicazione attualmente in via di sviluppo. In ambito europeo, invece, la European Federation of Biotechnology 2 dà una propria definizione di biotecnologia intesa come “l’integrazione delle scienze naturali, ed inoltre di organismi, cellule, loro parti o analoghi molecolari, nei processi industriali per la produzione di beni e servizi”. 1 La Convenzione sulla Diversità Biologica, o CBD, adottata a Nairobi, Kenia, il 22 Maggio 1992, è stata ratificata ad oggi da 190 paesi. La Convenzione è stata aperta alla firma dei paesi durante il Summit Mondiale dei Capi di Stato di Rio de Janeiro, nel giugno 1992, insieme alla Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici ed alla Convenzione contro la Desertificazione, per questo denominate le tre Convenzioni di Rio.La CBD ha tre obiettivi primari: “la conservazione della diversità biologica, l'utilizzazione durevole dei suoi elementi e la ripartizione giusta ed equa dei vantaggi derivanti dallo sfruttamento delle risorse genetiche, mediante, tra l'altro, un accesso adeguato alle risorse genetiche e un trasferimento opportuno delle tecnologie pertinenti, tenendo conto di tutti i diritti su tali risorse e tecnologie, e mediante finanziamenti adeguati”. Si veda in proposito il sito ufficiale della Convenzione: www.biodiv.org. In particolare per “diversità biologica” la CBD intende: “la variabilità degli organismi viventi di qualsiasi fonte, inclusi, tra l'altro, gli ecosistemi terrestri, marini e gli altri ecosistemi acquatici e i complessi ecologici dei quali fanno parte; essa comprende la diversità all'interno di ogni specie, tra le specie e degli ecosistemi”. 2 EFB, Federazione Europea della Biotecnologia, istituita nel 1978, un’associazione senza scopo di lucro di società istruite, università, istituti, aziende, individui che sono interessati nella promozione della biotecnologia in Europa e non solo. Per maggiori informazioni si rimanda al sito ufficiale: http://www.efb-central.org/.