Skip to content

I distretti industriali: un caso di successo dell'economia italiana

Informazioni tesi

  Autore: Gennaro Giordano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze economiche
  Relatore: Marcello D'amato
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 185

Nel presente lavoro è riportato uno studio approfondito sui distretti industriali italiani.
Alla fine del lavoro viene dimostrata la tesi iniziale che presenta i distretti industriali come un caso di successo dell’economia italiana.
Partendo da un’analisi teorica basata sulla Nuova geografia Economica (NEG), che rappresenta un ramo delle scienze economiche spaziali, esposta nel 1° Capitolo, si è poi passati nel 2° Capitolo ad inserire in tale contesto il fenomeno dei Distretti Industriali quale entità economica di agglomerazione di tipo marshalliano.
Il 3° Capitolo è costituito da un’ampia e dettagliata panoramica di 10 anni di evoluzione dei distretti italiani basata su una serie di studi (IPI Istat, Censis) tra cui il più recente è quello dell’IPI (L’esperienza Italiana dei Distretti italiani) che si è preso come riferimento principale in quanto a sua volta comparativo degli altri.
In Appendice è riportato anche un caso locale di distretto industriale di successo (Distretto Nocera - Gragnano).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
31. La Nuova Geografia Economica 1. Geografia economica e commercio internazionale La tradizionale teoria del commercio internazionale, fondata su una serie di contributi che vanno da Ricardo ad Ohlin, tendeva ad interpretare gli scambi fra economie come risultato della loro specializzazione produttiva. Tale specializzazione veniva spiegata o sulla base di loro differenti tecnologie o sulla base di diverse dotazioni di fattori, come ad esempio risorse naturali e popolazione, e dei conseguenti vantaggi relativi nella produzione di beni diversi. I mercati dei beni erano caratterizzati, di norma, da piena mobilità, mentre quelli dei fattori produttivi da mobilità nulla. Pur essendone riconosciuta l’importanza, nessun ruolo veniva attribuito ai costi di trasporto ed alla concentrazione delle imprese rispetto ai mercati. Come sottolinea Krugman 1 , la tendenza degli studiosi di economia internazionale a chiudere gli occhi davanti al fatto che i paesi occupano spazio ed esistono nello spazio, non è un buon presupposto per capire il funzionamento dell’economia internazionale stessa poiché si ignora quello che accade all’interno dei paesi: se s’intende spiegare le differenze tra i tassi nazionali di crescita, un buon punto di partenza sta nell’esaminare le differenze nella crescita regionale. Una delle tesi dell’economista americano è che l’economia internazionale dovrebbe essere un aspetto particolare della geografia economica. Se ci chiediamo qual è il carattere che della geografia dell’attività economica colpisce di più, la risposta più breve è sicuramente la concentrazione. Si pensi agli Stati Uniti, dove la maggior parte della popolazione di un paese vasto e fertile abita alcuni tratti delle due coste e la regione dei Grandi Laghi; in queste fasce si possono poi identificare un pugno di aree urbane densamente popolate in cui la concentrazione è ancora più alta; queste aree urbane sono a loro volta altamente specializzate, cosicché la produzione di molte industrie è notevolmente concentrata nello spazio. È possibile, perciò, affermare che tale concentrazione è la prova evidente dell’onnipresente influenza di qualche genere di rendimenti crescenti o economie di scala. Ed ecco il problema; per dire qualcosa sulla concentrazione è necessario abbandonare l’approccio basato sui rendimenti costanti e la concorrenza peretta, visto che considerando la possibilità di rendimenti crescenti, le grandi 1 KRUGMAN, “Geografia e commercio internazionale” Ed. Garzanti, 1995.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Per tradurre questa tesi clicca qui »
Scopri come funziona »

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

agglomerazione
clusters
distretti industriali
forze di agglomerazione
marshall
nuova geografia economica
rendimenti crescenti
istat
scienze economiche spaziali
censis
neg
nocera-gragnano
ipi
commercio internazionale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi