Skip to content

Repertori plurilingui in contesti minoritari: problemi di politica e pianificazione linguistica in Catalogna.

Informazioni tesi

  Autore: Marina Bonfanti
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Bergamo
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze dell'educazione e della formazione
  Relatore: Federica Guerini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

Questo lavoro vuole essere un approfondimento della tematica delle minoranze linguistiche e, nello specifico, del caso catalano, la cui scelta è scaturita da alcune motivazioni ed esperienze personali.
L’esperienza vissuta durante l’anno accademico 2005-2006 in Catalogna nell’ambito del progetto Erasmus che l’Università degli Studi di Bergamo gestisce in collaborazione con l’Universitat Autònoma di Barcellona si è concretizzata, accanto alla possibilità di frequentare i corsi della facoltà di Ciencies de l’Educació, nell’opportunità di svolgere il tirocinio previsto nel percorso formativo universitario presso la Fundació Social del Raval, un centro per minori immigrati situato nel quartiere più antico e allo stesso tempo più ricco, dal punto di vista interculturale, della capitale catalana.
In secondo luogo, lo stimolo maggiore si è sviluppato a partire dalle differenze che si sono potute riscontrare durante questa esperienza: differenze tra la realtà abituale, quella di provincia, e quella nuova di una metropoli bilingue, Barcellona, divenuta nell’ultimo cinquantennio uno dei centri più importanti a livello economico, culturale e artistico della Spagna; differenze riguardanti la percezione che gli abitanti della Catalogna hanno delle loro radici culturali e linguistiche rispetto all’atteggiamento che è possibile riscontrare in Italia; differenze legate alle condizioni e alle problematiche di un contesto divenuto nell’ultimo decennio meta di un alto numero di migrazioni da numerose regioni del mondo.
Il presente lavoro si propone dunque di affrontare e descrivere alcune delle questioni più attuali in materia di politica linguistica sul territorio della regione catalana. Come è noto, in questa regione della Spagna si trovano in stretto contatto da secoli due lingue neolatine: castigliano e catalano.
Le due lingue, entrambe appartenenti al gruppo delle lingue romanze della famiglia indoeuropea, si differenziarono dal latino tra il XI e XV secolo, periodo in cui il castigliano divenne la lingua ufficiale dello stato spagnolo e strumento di assimilazione linguistica nei territori conquistati. Attraverso i secoli, il catalano ha sempre rivestito il ruolo di lingua subordinata, instaurando con la lingua dominante rapporti di natura anche molto diversa: basti pensare all’assoluto divieto di utilizzo della lingua catalana durante l’epoca franchista, in opposizione alla promozione di tale lingua implementata dalle istituzioni negli ultimi anni.
All’interno del primo capitolo ci si concentrerà sull’introduzione delle problematiche generali che la presenza di minoranze linguistiche sul territorio nazionale può comportare. Tali problematiche derivano, nella maggior parte dei casi, dalla concezione romantica ottocentesca della lingua come espressione dell’unità di un territorio nazionale. In tale prospettiva, la presenza di minoranze linguistiche sul territorio nazionale era avvertita come un minaccia alla coesione della nazione, e doveva pertanto essere contenuta o, se possibile, eliminata. In questo primo capitolo si discuteranno inoltre alcuni concetti di carattere sociolinguistico utili ad inquadrare la questione e a delineare la tipologia dei repertori plurilingui presenti in territorio spagnolo.
Nel secondo capitolo si cercherà di illustrare l’evoluzione delle differenti lingue presenti sul territorio iberico e gli interventi realizzati in materia di politica linguistica attraverso i secoli, a cominciare dai primi insediamenti umani fino alla caduta del regime franchista. Per comprendere la storia di tale sistema linguistico, verrà proposta un’interpretazione dal punto di vista sociale attraverso la teoria dell’accomodazione comunicativa, secondo la quale i gruppi sociali comunicherebbero seguendo processi convergenti o divergenti.
Infine, nel terzo capitolo, dopo aver percorso la storia della politica linguistica che ha riguardato la penisola iberica, si cercherà di analizzare i cambiamenti che gli interventi di politica e di pianificazione linguistica hanno indotto negli ultimi quattro decenni nella regione catalana. L’analisi si focalizzerà sull’odierna situazione della Comunità Autonoma Catalana, tenendo conto degli ultimi cambiamenti di tipo legislativo. In ultima analisi, si verificherà quali siano stati fino ad ora i progressi ottenuti grazie alla politica di normalizzazione linguistica e quali altri parametri meritino di essere considerati al fine di assicurare un futuro alla lingua catalana, e soprattutto, ai parlanti che in essa si identificano.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione È più facile capire le cose quando si è sulla linea di confine. P. Hoeg, I quasi adatti (1997) Questo lavoro vuole essere un approfondimento della tematica delle minoranze linguistiche e, nello specifico, del caso catalano, la cui scelta è scaturita da alcune motivazioni ed esperienze personali. In primo luogo, un interesse nei confronti della diversità, delle identità, dell’incontro con l’altro e dell’esperienza formativa che nasce da tale contatto. Entrare in relazione con altre lingue e culture significa avere l’occasione di sviluppare una maggiore consapevolezza della propria identità, che si traduce in un arricchimento reciproco. L’esperienza vissuta durante l’anno accademico 2005-2006 in Catalogna nell’ambito del progetto Erasmus che l’Università degli Studi di Bergamo gestisce in collaborazione con l’Universitat Autònoma di Barcellona si è concretizzata, accanto alla possibilità di frequentare i corsi della facoltà di Ciencies de l’Educació, nell’opportunità di svolgere il tirocinio previsto nel percorso formativo universitario presso la Fundació Social del Raval, un centro per minori immigrati situato nel quartiere più antico e allo stesso tempo più ricco, dal punto di vista interculturale, della capitale catalana. In secondo luogo, lo stimolo maggiore si è sviluppato a partire dalle differenze che si sono potute riscontrare durante questa esperienza: differenze tra la realtà abituale, quella di provincia, e quella nuova di una metropoli bilingue, Barcellona, divenuta nell’ultimo cinquantennio uno dei centri più importanti a livello economico, culturale e artistico della Spagna; differenze riguardanti la percezione che gli abitanti della Catalogna hanno delle loro radici culturali e linguistiche rispetto all’atteggiamento che è possibile riscontrare in Italia; differenze legate alle condizioni e alle problematiche di un contesto divenuto nell’ultimo decennio meta di un alto numero di migrazioni da numerose regioni del mondo. 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

barcelona
bilinguismo
castellano
castigliano
català
catalano
catalogna
catalunya
diacrolettia
diglossia
dilalia
intercultura
lingua dominante
lingua minoritaria
lingue minoritarie
lingue neolatine
lingue neoromanze
linguistica
minoranze
minoranze linguistiche
pianificazione linguistica
politica linguistica
regime franchista
sociolinguistica

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi