La comunicazione televisiva. Aspetti organizzativi delle tv locali.

Prima Parte. La differenza tra Paleotelevisione e Neotelevisione, lo sviluppo del palinsesto, l'affermazione dei vari generi televisivi, la nascita di un programma televisivo, la globalizzazione nel settore della comunicazione, il modello pubblico e commerciale, il sistema pubblicitario.
Seconda Parte. Analisi degli aspetti organizzativi delle tv locali di Avellino e provincia.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Non credo sia molto semplice affrontare un tema vasto e complesso come quello della comunicazione televisiva. Tra analisi tecniche e giudizi di costume, i cambiamenti e le evoluzioni che hanno interessato i contenuti, le forme, il linguaggio e gli scopi del mezzo televisivo si sono susseguiti, nel corso del tempo, con una rapidità straordinaria che ha creato, a mio avviso, non pochi problemi alle varie generazioni, soprattutto da un punto di vista strettamente legato alla formazione della propria identità e personalità. I rapporti con gli altri, le occasioni per confrontare opinioni, idee e stati d’animo, trovano, nelle possibilità offerte dalla comunicazione televisiva, un ricco terreno nel quale cercare, magari da lontano, non solo una migliore comprensione della realtà circostante, ma anche delle risposte in relazione a fatti ed avvenimenti che invadono la nostra vita, si proiettano nel futuro ed appaiono, a volte, ingiustificati e ingiustificabili agli occhi di un paese, di una nazione, del mondo. La prima parte di questo lavoro, (Elementi della comunicazione televisiva), riguarda, con particolari riferimenti al caso italiano, una serie di tematiche; alcune di carattere prettamente “tecnico” se vogliamo, altre legate più alle motivazioni e ai riflessi che caratterizzano i messaggi televisivi e le intenzioni di chi fa comunicazione. La differenza tra Paleotelevisione e Neotelevisione, per indicare le diverse funzioni svolte dalla televisione italiana dagli anni ’50 ad oggi, è la prima questione presentata. In relazione a questa “dicotomia”, lo sviluppo del palinsesto e l’affermazione dei vari generi fanno da sfondo ad un altro elemento, la

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Gianluca Ferrara Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2979 click dal 27/11/2007.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.