Skip to content

Analisi statistica del mercato immobiliare

Informazioni tesi

  Autore: Dario Di Capua
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Domenico Viola
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 120

Il mercato immobiliare ed il settore del real estate, svolgono ormai da tempo un ruolo di primaria importanza nell’economia italiana.
Il reddito annuo generato dal patrimonio immobiliare esistente, è stimato del valore di 120 miliardi di euro.
Il contributo dell’immobiliare alla tenuta dell’economia italiana è stato ed è fondamentale: gli investimenti immobiliari nel nostro Paese hanno raggiunto i 18,2 miliardi dei 21,5 miliardi di euro del valore degli attivi; inoltre l’Italia ha guadagnato diverse posizioni nell’indice di trasparenza immobiliare, piazzandosi al ventunesimo posto nella classifica mondiale.
L’abitazione è un bene di fondamentale importanza per il soddisfacimento di alcuni dei bisogni primari dell’uomo. La necessità di disporre di un luogo chiuso che offra, per sé e per la propria famiglia, riparo dalle intemperie e protezione dai pericoli della realtà esterna ha da sempre costituito lo stimolo principale verso la ricerca di una casa.
Ancora oggi l’esigenza del consumo dei servizi propri di un’abitazione rappresenta il fattore che generalmente guida la domanda immobiliare. Tuttavia, qualora vi siano aspettative di crescita del valore delle abitazioni, può divenire prevalente nell’acquisto il desiderio di cogliere l’opportunità di un vantaggioso investimento.
Non solo il settore immobiliare è considerato un ottimo investimento per via diretta, ma si stanno facendo strada anche nel nostro Paese forme di investimento in immobili indiretta: i fondi immobiliari di investimento.
Un’alternativa all’investimento diretto in immobili e soprattutto al mercato mobiliare, troppo volatile e con poche garanzie.
Scopo di questa tesi è descrivere l’evoluzione dei due mercati presi in considerazione, immobiliare e dei fondi immobiliari, il loro andamento e le loro prospettive future.
Nel primo capitolo vengono prese in considerazione alcune componenti della domanda di immobili in Italia (in particolar modo fenomeni demografici come il “baby boom” degli anni Sessanta e l’immigrazione) e viene descritto il ciclo immobiliare che ha caratterizzato l’ultimo decennio.
Nel secondo capitolo viene effettuata un’analisi statistica del mercato immobiliare, con riferimento ai diversi settori (residenziale, commerciale e terziario) e alle diverse macroregioni del nostro Paese.
Gli indici che vengono utilizzati per l’analisi statistica del mercato degli immobili, sono: l’NTN, l’IMI e lo stock.
L’ NTN è l’indice relativo alle compravendite, ed è dato dal rapporto tra il volume delle compravendite per settore e il volume totale delle compravendite al netto delle cartolarizzazioni.
L’IMI, l’indicatore dell’intensità del mercato immobiliare, si ricava dal rapporto tra il numero delle compravendite e lo stock .
Nell’ultima parte del secondo capitolo vengono fatte alcune considerazioni sull’andamento dei prezzi, sui fattori che lo determinano e sono presentate le prospettive dell’andamento futuro del mercato immobiliare nel nostro Paese, secondo alcuni dei più autorevoli operatori del settore.
Nell’ultimo capitolo vengono descritti i fondi immobiliari di investimento, i fattori che ne hanno permesso l’introduzione in Italia, le loro caratteristiche e le diverse tipologie di fondi esistenti.
Viene presentato il loro trend, secondo le tipologie di fondo, le aree geografiche e i settori nei quali vengono effettuati gli investimenti.
Per analizzare il comportamento dei fondi dal loro esordio nel nostro Paese, si fa riferimento al numero di fondi esistenti, al numero di SGR (le società di gestione del risparmio) e al patrimonio che queste gestiscono.
Inoltre vengono analizzati i principali indicatori economici dei fondi immobiliari, sulla base degli andamenti registrati negli ultimi quattro anni di industria dei fondi immobiliari. In particolare viene proposta l’analisi aggregata dei seguenti indicatori economici: il Roe, il Roa e l’Rmll.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE Il mercato immobiliare ed il settore del real estate, svolgono ormai da tempo un ruolo di primaria importanza nell’economia italiana. Il reddito annuo generato dal patrimonio immobiliare esistente, è stimato del valore di 120 miliardi di euro. Il contributo dell’immobiliare alla tenuta dell’economia italiana è stato ed è fondamentale: gli investimenti immobiliari nel nostro Paese hanno raggiunto i 18,2 miliardi dei 21,5 miliardi di euro del valore degli attivi; inoltre l’Italia ha guadagnato diverse posizioni nell’indice di trasparenza immobiliare, piazzandosi al ventunesimo posto nella classifica mondiale. L’abitazione è un bene di fondamentale importanza per il soddisfacimento di alcuni dei bisogni primari dell’uomo. La necessità di disporre di un luogo chiuso che offra, per sé e per la propria famiglia, riparo dalle intemperie e protezione dai pericoli della realtà esterna ha da sempre costituito lo stimolo principale verso la ricerca di una casa. Ancora oggi l’esigenza del consumo dei servizi propri di un’abitazione rappresenta il fattore che generalmente guida la domanda immobiliare. Tuttavia, qualora vi siano aspettative di crescita del valore delle abitazioni, può divenire prevalente nell’acquisto il desiderio di cogliere l’opportunità di un vantaggioso investimento. Non solo il settore immobiliare è considerato un ottimo investimento per via diretta, ma si stanno facendo strada anche nel nostro Paese forme di investimento in immobili indiretta: i fondi immobiliari di investimento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

fondi immobiliari
fondi retail
fondi riservati
fondo chiuso
imi
mercato immobiliare
mutui subprime
ntn
residenziale
sgr
siiq
stock immobiliare

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi