Skip to content

Storia, crollo e ristrutturazione del debito estero argentino

Informazioni tesi

  Autore: Saverio Doccini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze politiche e delle relazioni internazionali
  Relatore: Maurizio Vernassa
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 64

Il presente lavoro analizza l’evoluzione recente del debito estero argentino con l’obiettivo di studiare la storia e le dinamiche che hanno condotto il Paese latino-americano alla crisi del dicembre 2001 e alla successiva ristrutturazione.
L’elaborato inquadra l’indebitamento nella globalizzazione finanziaria analizzando i fattori chiave della crescita imponente del debito; a tale proposito è posto l’accento sul ruolo svolto dal Fondo Monetario Internazionale e dalla Banca Mondiale. Questi organismi hanno imposto fin da subito privatizzazioni, deregolamentazioni, tagli alla spesa pubblica e la svalutazione della moneta perseguendo il fine di aggiustamento del bilancio interno per favorire l’entrata di capitali privati esteri attratti dalla possibilità di un consistente profitto. L’analisi empirica dimostrò, però, il fallimento delle sue politiche, infatti, la quasi totalità dei paesi che hanno eseguito in maniera ortodossa le politiche consigliata si sono ritrovate con un debito enorme e l’economia disastrata. La volontà di ricercare le cause del fallimento argentino ci porta all’analisi delle politiche macroeconomiche attuate negli anni ottanta e novanta; nella prima fase d’indebitamento è perseguito lo scopo di una crescita economica, ma la presenza simultanea di deficit strutturali, aggravarono un’inflazione già endemica al sistema. Dal 1989 si ebbe un fenomeno iperinflazionista, per combattere il quale nel 1991, si attuò il Piano Convertibilità che prevedeva un cambio fisso tra il peso e il dollaro stabilito per legge. La moneta nazionale fu sopravvalutata, i disequilibri indotti da tale scelta rimarranno in incubazione fino al 1998, quando l’Argentina, segnata da un’apparente stabilità macroeconomica, subì gli shock delle crisi finanziarie registrate nel sud est asiatico e in Russia che determinarono un deflusso di capitali e un incremento dei tassi d’interesse. Il settore pubblico cadde in una spirale debitoria che lo costrinse ad indebitarsi ulteriormente ed a tassi d’interessi sempre maggiori. Gli squilibri fiscali e della bilancia corrente, uniti all’incremento degli interessi e al deflusso di capitali determinarono la crisi del 2001. Il FMI, il quale aveva sempre promosso la politica argentina, si ritirò in disparte temendo l’anarchia nel paese. L’Argentina, libera di attuare una politica pragmatica tesa alla stabilizzazione del tasso di cambio e all’eliminazione dei deficit strutturali riuscì ad invertire la tendenza risollevando l’economia; tuttavia, nel 2003 è stato concordato un nuovo accordo con il FMI che prevedeva l’implementazione delle vecchie fallimentari politiche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
ABSTRACT Il presente lavoro analizza l’evoluzione recente del debito estero argentino con l’obiettivo di studiare la storia e le dinamiche che hanno condotto il Paese latino- americano alla crisi del dicembre 2001 e alla successiva ristrutturazione. L’elaborato inquadra l’indebitamento nella globalizzazione finanziaria analizzando i fattori chiave della crescita imponente del debito; a tale proposito è posto l’accento sul ruolo svolto dal Fondo Monetario Internazionale e dalla Banca Mondiale. Questi organismi hanno imposto fin da subito privatizzazioni, deregolamentazioni, tagli alla spesa pubblica e la svalutazione della moneta perseguendo il fine di aggiustamento del bilancio interno per favorire l’entrata di capitali privati esteri attratti dalla possibilità di un consistente profitto. L’analisi empirica dimostrò, però, il fallimento delle sue politiche, infatti, la quasi totalità dei paesi che hanno eseguito in maniera ortodossa le politiche consigliata si sono ritrovate con un debito enorme e l’economia disastrata. La volontà di ricercare le cause del fallimento argentino ci porta all’analisi delle politiche macroeconomiche attuate negli anni ottanta e novanta; nella prima fase d’indebitamento è perseguito lo scopo di una crescita economica, ma la presenza simultanea di deficit strutturali, aggravarono un’inflazione già endemica al sistema. Dal 1989 si ebbe un fenomeno iperinflazionista, per combattere il quale nel 1991, si attuò il Piano Convertibilità che prevedeva un cambio fisso tra il peso e il dollaro stabilito per legge. La moneta nazionale fu sopravvalutata, i disequilibri indotti da tale scelta rimarranno in incubazione fino al 1998, quando l’Argentina, segnata da un’apparente stabilità macroeconomica, subì gli shock delle crisi finanziarie registrate nel sud est asiatico e in Russia che determinarono un deflusso di capitali e un incremento dei tassi d’interesse. Il settore pubblico cadde in una spirale debitoria che lo costrinse ad indebitarsi ulteriormente ed a tassi d’interessi sempre maggiori. Gli squilibri fiscali e della bilancia corrente, uniti all’incremento degli interessi e al deflusso di capitali determinarono la crisi del 2001. Il FMI, il quale aveva sempre promosso la politica argentina, si ritirò in disparte temendo l’anarchia nel paese. L’Argentina, libera di attuare una politica pragmatica tesa alla stabilizzazione del tasso di cambio e all’eliminazione dei deficit strutturali riuscì ad invertire la tendenza 64

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

argentina
capitali privati
crisi 2001
crisi argentina
crisi finanziarie
debito estero
deficit strutturali
deregolamentazioni
economia argentina
fmi
fondo monetario internazionale
inflazione
ipereinflazione
istituti finanziari internazionali
menem
neoliberismo
nuovi accordi fmi
piano convertibilità
politiche macroeconomiche
politiche ortodosse
privatizzazioni
schock economici
squilibri bilancia corrente
squilibri fiscali

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi