Skip to content

Un'indagine su equità, diseguaglianza e crescita economica

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Tageo
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2005-06
  Università: Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Andrea Boitani
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 178

Nel corso dell’ultimo quarto di secolo, la distribuzione delle risorse economiche tra gli individui e tra le nazioni, è tornata a rappresentare una questione cruciale tanto nel dibattito politico nazionale quanto sulla scena delle relazioni internazionali, ma anche l’oggetto di un rinnovato interesse da parte della comunità scientifica.
L’approccio alle questioni distributive appare completamente rivoluzionato: la diseguaglianza non viene più letta come l’esito dell’interazione di altre variabili fondamentali, ma acquista la dignità di protagonista delle dinamiche economiche, causa ed effetto al tempo stesso di tutta una serie di fattori, le scelte degli agenti, il progresso tecnologico, la crescita del prodotto, il ruolo svolto dalle istituzioni e le politiche da esse implementate.
Partendo dal presupposto che non è possibile parlare del modo in cui la ricchezza di una collettività è distribuita tra i suoi membri, senza chiedersi se quel determinato assetto distributivo sia giusto o ingiusto, equo o iniquo, il primo capitolo è dedicato alle più importanti teorie della giustizia sociale, che nel corso dei secoli hanno forgiato l’idea di diseguaglianza e la sua presunta soglia di accettabilità nel pensiero delle persone e negli indirizzi politici dei governi che le rappresentano. La prima tappa del nostro viaggio ideale è stata, dunque, un’immersione nell’aspetto normativo della questione distributiva.
Passando in rassegna lepiù importanti linee di pensiero dell’etica economica e sociale, dall’utilitarismo al libertarismo, dal pensiero di Marx all’egualitarismo liberale di Rawls, si è cercato di mettere in luce in che modo ciascuna di esse abbia contribuito al dibattito sulla giustizia sociale, fornendo le premesse etiche e filosofiche per lo sviluppo di nuove teorie e di nuovi concetti di equità e di benessere. E’ d’obbligo, a questo proposito, il riferimento in particolare al noto approccio delle capabilities di Amartya Sen, che oltre ad essergli valso il premio Nobel, è diventato l’asse portante di tutta la letteratura recente sulla giustizia distributiva.
Prescindendo dalla differenze riguardanti la propensione all’altruismo, il concetto personale di merito e di bisogno o il colore delle preferenze politiche individuali, al giorno d’oggi la connotazione negativa attribuita alla presenza di diseguaglianze (o, per lo meno, di eccessive diseguaglianze) nelle nostre società può ritenersi un’idea largamente accettata. La diseguaglianza, in quanto tale, viola infatti il senso di giustizia individuale, gli insegnamenti della maggior parte delle più importanti filosofie politiche e i precetti delle grandi religioni della terra, nonchè l’universalità del riconoscimento dei diritti umani fondamentali, sul quale si impernia il sistema di valori comuni che è auspicabile diventino il cemento della moderna comunità globale. Il dibattito sulla giustizia sociale del terzo millennio, quindi, non può e non deve più essere incentrato sulla contrapposizione tra fautori e non di una maggior equità distributiva, bensì sull’individuazione di un concetto di eguaglianza, che sia al tempo stesso praticamente realizzabile e il più largamente condiviso possibile: compito quest’ultimo tutt’altro che semplice per due ragioni fondamentali. Da una parte, si potrebbe incorrere nel rischio di minimizzare le ricadute sociali della diseguaglianza economica, e quindi il problema in sè, enfatizzando quella parte delle disparità dei redditi e delle ricchezze attribuibile alle differenze nei gusti e nelle scelte personali o semplicemente al caso, fattori che invece sono in grado di spiegare soltanto una minima parte della diseguaglianza e della povertà osservabili. Dall’altra, preso atto del fatto che le ingiustizie distributive caratteristiche del nostro tempo sono ben lontane dall’essere meramente l’esito delle decisioni e delle preferenze individuali (diseguaglianza dei risultati), ci si ritrova, però, a dover definire un concetto piuttosto astratto ed elusivo quale è quello di diseguaglianza delle opportunità.
Tuttavia, al di là dalla definizione stessa del concetto di opportunità e delle sue determinanti (i beni primari di Rawls, le capabilities di Sen o le caratteristiche innate, individuate da Dworkin e da Roemer, per le quali gli individui non possono essere ritenuti responsabili), riteniamo sia importante sottolineare come proprio l’evoluzione delle teorie della giustizia sociale abbia contribuito a spostare progressivamente l’attenzione dai risultati alla opportunità.
Oggi ogni cittadino, ogni comunità, ogni policy maker, abbracciando una determinata idea di giustizia sociale, ha infatti una propria peculiare visione di cosa sia necessario affinchè siano garantite a tutti e indistintamente eguali opportunità.
Il segnale più forte di novità viene forse dall’ultimo World Development Report della Banca Mondiale (2006), nel quale si riconosce l’importanza intrinseca dell’equità.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Introduzione Nel corso dell’ultimo quarto di secolo, la distribuzione delle risorse eco- nomiche tra gli individui e tra le nazioni, è tornata a rappresentare una questione cruciale tanto nel dibattito politico nazionale quanto sulla scena delle relazioni internazionali, ma anche l’oggetto di un rinnovato interesse da parte della comunità scientifica. Ci si può accostare ai temi dell’equità e della diseguaglianza da parecchi punti di vista, percorrendo strade e utilizzando strumenti an- che molto diversi tra loro. Ambiti del sapere e della ricerca scientifica, che siamo soliti cosiderare come comparti indipendenti e raramente co- municanti, quali la filosofia, l’etica, l’economia, la statistica, il diritto, la psicologia, la religione o la scienza politica, condividono un interesse comune per la questione della diseguaglianza, motivato chiaramente da scopi e bisogni molto diversi: dall’esigenza di formulare giudizi e trovare argomenti per accettare, rifiutare o giustificare la presenza di diseguaglianze nelle nostre società, alla necessità di affinare le tec- niche per misurarle e analizzarle; dall’approfondimento delle loro de- terminanti e delle loro conseguenze economiche allo studio degli effetti prodotti sul comportamento e sulle scelte degli individui dal fatto di vivere in una società più o meno nettamente divisa tra ricchi e poveri; dall’universalità del precetto religioso di eguaglianza di fronte a dio al principio giuridico, non altrettanto universale, di eguaglianza di fronte alla legge. Il presente lavoro vuole porsi come una sorta di “viaggio” nel vasto panorama degli studi e delle riflessioni, alle quali il fascino ritrovato dalle problematiche distributive tra gli economisti ha dato vita. E pro- 3

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi