Skip to content

Le strategie di crescita delle banche locali

Informazioni tesi

  Autore: Angela Maria Fiore
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Foggia
  Facoltà: Economia
  Corso: economia aziendale / management
  Relatore: Stefano Dell'atti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 170

Il settore bancario italiano, a partire degli anni Novanta, è stato interessato da un intenso processo di concentrazione.
Nel periodo compreso tra il 1991 e il 2006 sono state realizzate oltre 500 operazioni di fusione e acquisizione . Le stesse hanno determinato una netta riduzione del numero di banche operanti in Italia.
La tendenza alla globalizzazione comporta un elevato rischio, quello che venga meno il rapporto tra banca locale e territorio.
In altri termini, conduce alla perdita di una serie di legami storici ed economici tra comunità e banca locale e al venir meno di un rapporto diretto, di conoscenza e fiducia, tra banca ed il mondo della piccola e media impresa.
In questo contesto, interessanti sono gli spazi di operatività per le banche locali. Tali banche sarebbero in grado di favorire un ritorno al rapporto personale con il cliente.
Si assiste ad un rinnovato interesse per il concetto di localismo, che esaltando l’attività dell’intermediario bancario locale, conduce ad una ri-personalizzazione del rapporto bancario.
La banca locale può essere considerata come “categoria analitica autonoma” , ossia una particolare formula imprenditoriale che, rispetto ad altri tipi di banca, possiede caratteri di spiccata autonomia. Quest’ultima si sostanzia nel ruolo specifico che svolge all’interno dei processi di produzione e di comunicazione delle informazioni nei sistemi locali.
A ben vedere, il concetto di banca locale si coglie guardando al modus operandi della banca, senza confonderlo con quello di banca di minori dimensioni.
Una banca si considera locale quando la sua attività “viene condotta secondo logiche di stretta correlazione con il tessuto economico - sociale di insediamento” . Elementi caratteristici della banca locale sono rappresentati dal forte radicamento territoriale, dalla stabile relazione con il territorio di vocazione e dal supporto offerto agli operatori economici locali.
La banca locale ha un ruolo predominante nel nostro sistema imprenditoriale, in quanto è chiamata ad istaurare delle relazioni di lungo periodo con la piccola e media impresa e a far fluire una gamma di offerta, appositamente studiata, per le esigenze e per i profili socio - economici delle realtà locali.
La vicinanza tra banca locale e piccola e media impresa (PMI) porta a molteplici vantaggi sia per la banca che per l’impresa. Per la banca, il beneficio sta nel valutare con maggior precisione i rischi degli affidamenti (sia in fase di screening che di monitoring), per la PMI, è ricondotto alla risoluzione delle difficoltà legate all’approvvigionamento delle risorse finanziarie.
Quest’ultimo è un aspetto rilevante; in assenza di banche locali tali imprese potrebbero rimanere escluse dal circuito creditizio, pena il mancato sviluppo economico dell’area in cui esse insistono.
La vocazione locale della banca, pertanto, conduce ad una convergenza di interessi con le imprese operanti nel territorio. Accade, infatti, che le banche locali siano percepite, dagli operatori economici dell’area di riferimento, come dei centri per la crescita economica di tali aree.
In questo modo è accentuato il ruolo delle banche locali, intese come “banche di riferimento” che possono fungere da volano per la crescita del territorio.
Ciò implica un ridisegno dell’organizzazione funzionale, secondo approcci diversi rispetto a quelli del recente passato. In altre parole, si richiede alla banca locale di regolare la sua operatività in funzione del territorio di riferimento.
La banca locale dovrà dimostrare di saper rispondere agli stimoli esterni, rivisitando i modelli strategici originari, senza perdere mai di vista i vantaggi legati alle proprie caratteristiche.
Il presente lavoro si propone di delineare le opzioni strategiche, che la banca locale è chiamate ad attuare in un contesto che le impone rilevanti sfide.
I repentini mutamenti nelle esigenze dei clienti, l’impatto della regolamentazione prudenziale, l’aumentata concorrenza nel mercato di tradizionale operatività, il modello di banca multicanale, sembrano rendere più difficile la sopravvivenza della banca locale.
Il lavoro è corredato da un’analisi empirica volta a descrivere le strategie di crescita di una banca locale che è riuscita a mantenere l’indipendenza e a preservare la sua identità. BancApulia spa è una banca locale pugliese, che negli ultimi anni ha conseguito importanti risultati. E’ riuscita a correlarsi ai mutamenti di contesto e, nel contempo, a mantenere vivo l’interesse per il suo territorio di vocazione. La Banca, partita nel 1924 con una dimensione monocellulare, è oggi presente in nove regioni e diciotto province, nonché, a capo di un gruppo di società tra cui una, Apulia prontoprestito, quotata al Mercato Expandi di Borsa Italiana.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Il settore bancario italiano, a partire degli anni Novanta, è stato interessato da un intenso processo di concentrazione. Nel periodo compreso tra il 1991 e il 2006 sono state realizzate oltre 500 operazioni di fusione e acquisizione1. Le stesse hanno determinato una netta riduzione del numero di banche operanti in Italia. La tendenza alla globalizzazione comporta un elevato rischio, quello che venga meno il rapporto tra banca locale e territorio. In altri termini, conduce alla perdita di una serie di legami storici ed economici tra comunità e banca locale e al venir meno di un rapporto diretto, di conoscenza e fiducia, tra banca ed il mondo della piccola e media impresa. In questo contesto, interessanti sono gli spazi di operatività per le banche locali. Tali banche sarebbero in grado di favorire un ritorno al rapporto personale con il cliente. Si assiste ad un rinnovato interesse per il concetto di localismo, che esaltando l’attività dell’intermediario bancario locale, conduce ad una ri-personalizzazione del rapporto bancario. La banca locale può essere considerata come “categoria analitica autonoma”2, ossia una particolare formula imprenditoriale che, rispetto ad altri tipi di banca, possiede caratteri di spiccata autonomia. Quest’ultima si sostanzia nel ruolo specifico che svolge all’interno dei processi di produzione e di comunicazione delle informazioni nei sistemi locali. A ben vedere, il concetto di banca locale si coglie guardando al modus operandi della banca, senza confonderlo con quello di banca di minori dimensioni. Una banca si considera locale quando la sua attività “viene condotta secondo logiche di stretta correlazione con il tessuto economico - sociale di 1 M.Anolli, G.Petrella, “Banche locali e banche globali: la partita è tutta da giocare”, in Vita e Pensiero, n.5, 2007. 2 A. Trotta, op.cit, p. 10, 1998.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bancapulia
banche
banche locali
basilea 2
fusioni bancarie
globalizzazione
localismo banche
piccole e medie imprese
strategie crescita banche

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi