Skip to content

La televisione italiana nel contesto europeo: il difficile processo di integrazione

Informazioni tesi

  Autore: Graziana Tondini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze della politica
  Relatore: Giorgia Nesti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 258

La tesi si occupa della regolazione del settore radiotelevisivo in Europa e in particolare dell'Italia, data la peculiarità o anomalia che lo caratterizza: da oltre dieci anni il maggiore proprietario di emittenti private nazionali è anche un influente uomo politico, per due volte a capo del Governo, senza per questo rinunciare al possesso di tre tv commerciali.
La tesi, partendo da questa anomalia riscontrabile nello stretto rapporto tra potere politico, mediatico ed economico, valuta se la regolazione dei media italiani ha risentito o meno dell'influenza delle direttive europee di settore, se le politiche e le norme nazionali si sono modificate di conseguenza, se lo Stato italiano ha reagito conformandosi o rifiutando gli stimoli provenienti dall'U.E. In conclusione, se nel campo delle politiche per le televisioni, c'è stata europeizzazione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE “Chi ha detto che la televisione fa male alla cultura? Ogni volta che qualcuno l’accende, io vado in un’altra stanza a leggere un libro” Groucho Marx Oggi più che nei decenni scorsi la televisione si colloca con un ruolo di primo piano tra la vita privata e la vita pubblica degli individui. Guardando alla vita quotidiana delle persone, fin dalla più remota antichità è possibile scorgere in essa l’intreccio fra una dimensione privata, domestica e familiare e una dimensione sociale e pubblica. Quest’ultima comprendeva, sia la partecipazione alla vita pubblica, sia l’intrattenimento collettivo nella forma di sagre e feste, giochi, spettacoli teatrali e circensi. Aspetti privati e pubblici sui quali sempre l’individuo – prima del peso assunto dalla televisione – ha potuto con discreta facilità tracciare un perimetro di confine, separazione, distinzione. Un margine che è invece notevolmente cambiato man mano che la televisione ha assunto nella vita degli individui un ruolo forte e a volte ingombrante. Va precisato che nei secoli scorsi soltanto ristrettissime élites potevano permettersi il lusso di portare gli spettacoli nel loro domicilio, nei castelli e nelle corti. La possibilità di intrattenere con divertimenti di vario tipo gli ospiti e i familiari rappresentava di certo un privilegio ed un fattore di distinzione sociale: consentiva in pratica, un potere di controllo e di gestione sull’altro e sullo spazio personale di divertimento altrui. Fino al secolo XVIII la partecipazione alla vita pubblica e allo spettacolo rimase limitata a chi viveva nelle città: le grandi masse contadine continuavano ad essere escluse dal flusso degli eventi e vivevano un tempo ciclico, legato a quello delle stagioni, alle semine e ai raccolti. Le rare occasioni di intrattenimento avvenivano in occasione delle festività religiose o dei periodici appuntamenti di fiere e mercati. Un ciclo insomma di ricorrenze e stagionale determinato in modo ritmico dalla natura e dal succedersi delle stagioni climatiche che, in definitiva, delimitavano il tempo per la maggior parte delle

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

berlusconi
commissione europea
costituzione europea
europeizzazione tv
legge gasparri
legge gentiloni
mediaset
ministero comunicazioni
parlamento europeo
rai
televisione
televisione senza frontiere
tv europea
tv italia
unione europea

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi