Skip to content

Privacy e Diritto alla Salute devono convivere! Il ruolo della formazione

Informazioni tesi

  Autore: Michele Raineri
  Tipo: Tesi di Master
Master in Management e Coordinamento delle Professioni Sanitarie
Anno: 2007
Docente/Relatore: Franco Bochicchio
Istituito da: Università Telematica TEL.M.A.
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 67

Applicare una normativa come quella della privacy, già di per suo conto complessa ed articolata, all’interno del sistema sanitario mette in evidenza immediatamente la particolarità dei dati, quelli di salute, che si trovano ad essere oggetto di tutela.
Questi dati sono connotati dall’essere molto delicati da gestire perché la loro divulgazione potrebbe portare un serio pericolo di discriminazione per i soggetti di riferimento. Quindi i dati sulla salute richiedono una tutela rafforzata, ponendo altresì problemi di gestione e di raccolta del tutto particolari.
La privacy in campo sanitario viene ritenuta una tematica tra le più importanti oramai dalla gran parte dei cittadini e quindi vista come uno strumento socialmente significativo, ma al momento non ancora del tutto conosciuto.
Diventa così essenziale e urgente promuovere una più analitica conoscenza delle norme sulla privacy nella loro concretezza.
Ma il problema della conoscenza della Legge richiede ulteriori riflessioni, che partono dalla constatazione della notevole complessità della disciplina che, con provvedimenti anche di settore, ha integrato la normativa di base, specializzandola per settori di attività. L’applicazione della Legge deve essere vista nell’ottica di rispettare il dettato della norma evitando però ogni ingiustificato appesantimento burocratico, anche se il quadro dei diritti non può in alcun modo essere alterato ed anzi deve essere ulteriormente affinato, costituendo esso l’inevitabile contrappeso al massiccio diffondersi dell’utilizzazione di dati personali da parte dei soggetti più diversi.
Il rispetto della privacy è anzitutto un valore che deve entrare nei comportamenti reali delle varie categorie professionali, e tra queste anche degli operatori sanitari, anche se in attesa di una più compiuta normazione al riguardo. Tutto ciò perché nelle strutture mediche e ospedaliere sono purtroppo ancora diffuse le situazioni in cui la dignità degli assistiti viene violata.
Nell’ultimo periodo, l’evoluzione tecnologica ha permesso la creazione di banche dati di dimensioni sempre maggiori, anche in campo sanitario, che costituiscono un’opportunità di studio e ricerca; tale opportunità però non deve accompagnarsi a condizionamenti o restringimenti delle libertà individuali e collettive.
Al crescere delle banche dati della Pubblica Amministrazione, ed alle loro interconnessioni, va dedicata una particolare attenzione e cautela, per evitare che la facilità dei collegamenti di oggi faccia dimenticare la regola secondo la quale i dati possono e devono essere utilizzati solo per le finalità per le quali sono stati raccolti: sarebbe vanificata, altrimenti, un’essenziale garanzia del cittadino.
Comunque va ormai dato per acquisito che l’attenzione fortissima per le norme sulla privacy e per il relativo intervento da parte dei soggetti istituzionali sia ormai diventato un elemento stabile nel nostro panorama istituzionale.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione La vita urbana e la grande mobilità pongono le persone in una condizione nuova rispetto al passato: prima, nelle comunità rurali, ci si conosceva tutti e si sapeva tutto di tutti sotto l’impero delle vicinanze occhiute e del bisbiglio. Oggi, questo si è dissolto, tanto che qualcuno lamenta che nella nuova condizione si vive solamente accanto agli altri e non con gli altri, perdendo irrimediabilmente le autentiche relazioni umane e con esse una parte della nostra umanità. A questa visione pessimista si può contrapporre che la nuova condizione sottrae la persona alle forti pressioni sociali favorendo una maggiore estrinsecazione di sé e possibile affermazione delle proprie potenzialità. Di fatto l’uomo contemporaneo sembra apprezzare questa radicale autonomia che gli consente di scegliersi gli amici (e non subire i vicini che si trova a fianco) di spostarsi facilmente, ecc. evitando i controlli dell’ambiente. In questo senso è molto geloso delle notizie che lo riguardano, quasi come se la loro diffusione fosse una minaccia alla propria identità ed integrità. Proprio quegli strumenti che favoriscono l’autonomia possono però essere controllati rivelando così informazioni. Così ad esempio l’aeroplano aumenta la mobilità, ma è possibile anche conoscere chi ricorre a tale mezzo. Di qui l’esigenza di regolare l’accesso alle informazioni disponibili ed il problema della privacy, intesa come diritto fondamentale che ciascun cittadino ha di controllare la diffusione di notizie che lo riguardano, soprattutto se queste sono così "particolari" come quelle legate alla salute.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi