Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il sistema delle sanzioni positive e la funzione promozionale del diritto: a proposito della legislazione in materia di tossicodipendenti

La tesi si sviluppa in tre diversi ambiti:
1) ambito filosofico: excursus storico sul sistema delle sanzioni positive fino ai recenti sviluppi da parte del modello di stato interventista ed assistenzialista odierno.
2) ambito giurisprudenziale: analisi storica, strutturale e funzionale della legislazione in materia di tossicodipendenti condannati.
3) ambito scientifico: riscontri pratico-clinici dell'applicazione della legislazione attuale. Progressi, problemi, possibili soluzioni.
La conclusione è frutto di una sintesi delle analisi prodotte in questi tre ambiti.

Mostra/Nascondi contenuto.
1. Le sanzioni positive 1.1 Introduzione La funzione promozionale del diritto Ł definita come l’azione che il diritto svolge attraverso lo strumento delle sanzioni positive, cioŁ attraverso meccanismi, genericamente compresi col nome di incentivi, che mirano a promuovere il compimento di atti socialmente desiderabili1. La storia delle sanzioni positive inizia presumibilmente gi coi romani, che, come rileva Jhering2, ne prevedevano l’uso nel loro ordinamento giuridico. ¨ lo stesso giurista tedesco, partendo da tale dato, ad auspicare un rifiorire, negli ordinamenti giuridici moderni, di questa antica funzione premiale del diritto. L’auspicio, anche se in forma e misura diversa dalle sue previsioni, si Ł realizzato, rendendo quello della funzione promozionale del diritto un tema assolutamente attuale, ampiamente confacente all’affermato modello di Stato-interventista. Viviamo infatti in un’epoca in cui si assiste al predominio del modello del (presunto) Stato del benessere, che gestisce il compito di controllo sociale calibrando pene e premi, o, nello specifico, sanzioni negative e positive. Bobbio3 infatti descrive la presenza, negli ordinamenti contemporanei, di queste tecniche di incoraggiamento, come un sintomo del tramonto di una « concezione negativa dello stato custode o guardia notturna, che era a sua volta l’espressione dell’ideologia politica del liberalismo classico, che passa 1 Bobbio, N., Dalla struttura alla funzione, Nuovi studi di teoria del diritto. Edizioni di Comunit , Milano, 1977, pp. 7-8. 2 Jhering, R.V., Lo scopo del diritto, trad. it. a cura di Losano, M., Einaudi, Torino, 1972, pp. 139 ss. 3 Bobbio, N., Dalla struttura alla funzione, Nuovi studi di teoria del diritto, ed. cit., pp. 10 ss. 1

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Alessandro Cocola Contatta »

Composta da 94 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1912 click dal 12/02/2008.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.