Skip to content

Luigi Russolo il futurismo e la conquista dell'enarmonismo

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Bombardini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Accademia di Belle Arti
  Facoltà: accademia di belle arti di venezia
  Corso: Scienze e tecnologie delle arti figurative, musica, spettacolo e moda
  Relatore: Nicola Cisternino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 146

Con questa tesi ho voluto ricordare il percorso artistico di Luigi Russolo, pittore e musicista veneto - ma anche incisore, studioso di filosofia orientale, costruttore di strumenti - dotato di un grande temperamento futurista.
L. Russolo fu uno dei più giovani artisti del movimento, il più estremista, il più rivoluzionario, impegnato nella vita e nella società, con la sua carica ideologica e visionaria, la sua creatività e il suo spirito di ricerca uniti all’ azione di disturbo provocata dal movimento futurista - per il solo fatto di esistere – fu di enorme contributo nella musica del Novecento annullando la separazione concettuale tra suono e rumore.
L’attività sonoro-rumoristica concepita nel manifesto L’Arte dei rumori e scaturita fin dai primissimi Intonarumori - scatole di dimensioni variabili con un altoparlante, ingranaggi e una manovella azionando la quale venivano riprodotti i suoni-rumori di una città – non lasciò insensibili molti compositori all’inizio del secolo scorso, anticipò di alcuni decenni le convinzioni innovative della musica concreta ed elettronica e profetizzò le prestazioni dei primi strumenti a campionamento digitali sorti verso la fine degli anni settanta.

Il Futurismo accese una forte polemica contro il passatismo della società musicale italiana: sintetizzò nuove strutture formali per quanto riguarda il ritmo, nuove maniere di considerare e segnare il tempo, introdusse un concetto di Enarmonia, per il quale le scale armoniche dovevano accogliere le minime suddivisioni di tono e il numero massimo di suoni determinabili e combinabili permettendo nuovi accordi e nuovi timbri.

Uno dei pregi del movimento futurista fu quello di intuire la straordinaria forza della parola, dello slogan, della pubblicità, della propaganda e della contaminazione delle arti tra pittura, scultura, fotografia, musica, teatro, performance, architettura e perfino gastronomia; le “rivoluzioni” artistiche successive fecero tesoro delle intuizioni straordinarie delle ricerche futuriste, a cominciare dal Dadaismo - con la comune interazione diretta tra arte e vita – per arrivare ai movimenti artistici del secondo dopo guerra. Inoltre – non si può negare e dimenticare – che fu attraverso i Futuristi che l’Italia riuscì a inserirsi nel contesto delle avanguardie internazionali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Premessa L Europa di fine Ottocento era strettamente legata al trascendente, gli artisti si sentivano diversi e al di sopra dell uomo comune, Wilhelm Richard Wagner (1813-1883) era il musicista romantico per eccellenza, fatte eccezioni per alcune tendenze provenienti dalla Russia, che proponevano una liberazione dall influsso romantico tedesco rifiutando immagini fantastiche e suggestive. Wagner aveva concentrato i propri lavori nel teatro, immaginando l Opera come una fusione tra la poesia, la musica, la pittura e l architettura, e divent la m assima espressione del romanticismo musicale. Nel periodo immediatamente successivo alla sua morte, le rappresentazioni delle sue opere diventarono molto frequenti. Ma questo periodo di massimo splendore aveva in sØ i semi di un declino. Il Novecento port alcuni compositori ad evidenziar e una rottura con le composizioni musicali classico-romantiche, gli schemi, le strutture e le sonorit della musica vennero rivalutate sulla base dell estremo ampliamento dell armonia tonale, fino alla totalit cromatica e all uso della dissonanza, del ritmo spinto fino all irregolarit piø complessa, sviluppando sul piano dell ascolto, un effetto di erraticit sonora che sospendeva il s uono con una prospettiva onirica, mitologica, una imprevedibilit musicale. Le ricerche di Ferruccio Busoni (1866-1924) portarono nel 1909 al Saggio di una estetica musicale, dove il nuovo non doveva rinnegare il passato, una volont precisa di non rinunciare alla tonalit senza avere esplorato prima tutte le sue possibilit armoniche. Le attenzioni di Ferruccio Busoni furono concentrate sugli intervalli microtonali, resi possibili dall organo elettrodinamico Telharmonium, l antenato dell organo hammond e del sintetizzato re. Fra il 1912 e il 1913 ebbero la loro prima esecuzione il Pierrot lunaire di Arnold Sch nberg (1874- 1951) e il Sacre du Printemps di Igor’ Fºdorovič Stravinskij (1882-1971), nei quali fu evidente il metodo seriale o dodecafonico, lavori liberamente atonali in cui il rumore bianco della grande orchestra del Sacre e l intonazione parlata nel Pierrot andavano direzionalmente incontro con le idee di Ferruccio Busoni. In una conferenza del 1941 Arnold Sch nberg, che av eva ideato il genere dodecafonico (usando la serie dei dodici suoni cromatici senza ripeterne nessuno prima che la serie stessa fosse esaurita) descrisse la situazione musicale intorno ai primi del secolo: Le armonie (di Claude Debussy), prive di significato costruttivo, spesso servivano a scopi coloristici o di espressione di atmosfere e di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bach
boccioni
busoni
carrà
concerto
concreta
debussy
edgard
elettronica
enarmonismo
equabile
futurismo
intonarumori
luigi russolo
manifesto
marinetti
micro
musica
rumore
schaeffer
socialista
teatro
theremin
wagner

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi