Skip to content

Gruppi e classi sociali nella riflessione sociologica di Karl Marx

Informazioni tesi

  Autore: Vincenzo Spagna
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Scienze Sociali
  Corso: Sociologia
  Relatore: Francesco Di Francesco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 141

Per Karl Marx, la base della realtà era la condizione di vita e di sfruttamento degli operai e delle loro famiglie che vivevano nelle città industriali inglesi, francesi e tedesche, costretti a vivere in uno scenario di sporcizia, povertà e malattia e a lavorare nelle miniere e nelle fabbriche undici, tredici o quattordici ore al giorno per sei/sette giorni la settimana, senza un momento di riposo al di fuori della disoccupazione o della morte, ma soprattutto senza alcuna distinzione tra uomini, donne e bambini.
Marx fu il vero «grande arrabbiato» del suo secolo. Colmo di sdegno per quel che succedeva alla povera gente e per l’ipocrisia e la cecità di coloro che lo ignoravano, egli rivelò nei suoi scritti cosa stava accadendo, spiegando sia l’inesorabile funzionamento della struttura economica sia gli inganni della sovrastruttura politica e ideologica. Marx fu il primo che arrivò ad afferrare le realtà del conflitto sociale invece di metterle da parte, e per questo si condannò a vivere ai margini della società. Ma fu una scelta accettata consapevolmente. Libero dalle illusioni della rispettabilità borghese, gli parve di scorgere i segni di un sistema che si avviava alla autodistruzione e dietro questo i contorni di un mondo nuovo e migliore. Karl Marx, l’uomo del conflitto, fu al tempo stesso realista e rivoluzionario. Karl Marx, che fu insieme un teorico della società ed un attivista politico, ci ha lasciato una serie di considerazioni sia di tipo filosofico, sia storico-sociologico sulle classi sociali e sul loro rapporto con la cultura. Queste, pur non dando luogo ad una trattazione sistematica, rappresentano un punto di partenza e di confronto importante anche per gli studiosi che dopo di lui hanno trattato empiricamente il problema. Anche se Marx non ha mai definito in maniera precisa il concetto di classe, le classi sociali sono al centro di tutta la sua opera. Il merito di Marx, quindi, è quello di aver fornito una teoria di come si formano le classi, partendo da premesse di tipo materialistico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Introduzione Lo studio della stratificazione sociale riveste un’importanza considerevole all’interno della sociologia classica e contemporanea. Se si escludono alcune eccezioni, il dibattito teorico sulle classi sociali, particolarmente vivo negli anni Settanta, ha sempre avuto una connotazione ideologica piuttosto marcata e, in quanto tale, non è mai riuscito a stimolare nella comunità scientifica un interesse più generale per le numerose questioni, anche metodologiche, legate all’analisi della stratificazione sociale. Analogamente, in questo settore la ricerca empirica è stata a lungo trascurata e solo ultimamente ha conosciuto un nuovo impulso grazie agli sforzi di un ristretto gruppo di studiosi. Il termine «classe» viene comunemente usato in senso generale per descrivere le strutture di disuguaglianza che caratterizzano le società moderne. Lo stesso termine viene usato da Marx, anche per indicare particolari gruppi sociali che rappresentano la «forza motrice» 1 della storia. Sebbene le forze sociali identificate da studiosi come Marx non corrispondono esattamente alle categorie occupazionali prese in considerazione da coloro che studiano le strutture di classe contemporanee, egli ha profondamente influenzato, con i suoi lavori, la definizione degli schemi delle classi attualmente in uso. Di conseguenza, le classi che compongono questi schemi vengono spesso implicitamente considerate come attori sociali collettivi potenziali o reali, ma questa pratica ha sollevato diversi problemi. 1 R. CROMPTON, Classi sociali e stratificazione sociale, Il Mulino, 1999.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bourdieu
caste
ceti
classe
classe in sè
classe per sè
classi sociali
coscienza di classe
critica di marx
engels
gruppi sociali
gusto
karl marx
popper
questionario di marx
sociologia di marx
status
sweezy
thompson

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi