Skip to content

In media stat Europa: televisione e identità europea nell'era della globalizzazione. Prospettive e limiti di una Tv europea.

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Matticari
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Scienze della Comunicazione
  Relatore: Mario Morcellini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 260

La definizione di un'ipotesi di progetto per la costruzione di una televisione europea tiene a fondamento strutturale l’esame, in una prospettiva storica, dei processi di sviluppo dell’unificazione europea da un lato, dall’altro l’esperienza televisiva delle realtà statuali europee (Gran Bretagna, Germania, Francia ed Italia in particolare). L’intreccio funzionale e l’evoluzione verso una dimensione sovranazionale di questi due percorsi, che hanno alle spalle lunghi periodi di separatezze, sembra convalidare in modo convincente l’ipotesi progettuale di una televisione europea. A sua volta tale iniziativa può - per una serie ampia di motivi - generare accelerazioni e qualificazione nel processo di unificazione europea: la Tv è fattore di promozione di una coscienza comunitaria allo stesso modo in cui ha favorito in molteplici realtà processi di effettiva unificazione nazionale, superando separatezze e definendo identità comuni progressivamente condivise. La televisione europea quindi come prodotto e motore, allo stesso tempo, di innovazioni diffuse nella cultura e nella mentalità ma anche nelle tecnologie, nelle infrastrutture, nei modelli organizzativi.
Costruzione europea e televisione europea trovano legittimazione non come obiettivi finali - in certo modo autoreferenti - ma, nella fase attuale, come punto di passaggio qualificato verso orizzonti planetari della comunicazione e dei rapporti tra i popoli, verso l’affermarsi della società dell’informazione. Le trasformazioni tecnologiche e dei mercati, il cammino della ricerca, la crescita culturale, sono talmente rapide (seppur a volte contraddittorie e confuse) che il cammino verso la globalità e la parallela ridefinizione del locale si affermano quotidianamente, possono essere rallentati o deviati, ma non fermati né evitati. L’idea stessa di Stato nazionale, che per secoli ha organizzato gli spazi territoriali ed identitari, è oggetto di discussione. La Tv, come elemento fondante della modernità, non può non risentire di questo processo, non può non accompagnarlo promuovendolo.
Il punto successivo e derivato è: quale modello per una televisione europea dotata di senso e ruolo? Come collegarsi al mercato (globale) della comunicazione, come competere con emittenti nazionali senza stravolgerne ruolo e funzioni, come svolgere la missione assegnata senza vivere di sole contribuzioni pubbliche? La risposta non contempla semplificazioni né modelli predefiniti, attiene, al contrario, alla complessità ed all’area della sperimentazione. Ma, poiché la televisione europea si pone quale Tv di nuova concezione e presenza, e non semplice fotocopia ingrandita a livello continentale delle televisioni nazionali, essa necessita di un progetto solido e condiviso. A tal proposito si attribuisce ovviamente un ruolo fondamentale, promotore e garante, delle istituzioni comunitarie (sebbene non si ipotizzi un modello di televisione diretta emanazione del governo comunitario). Del resto fondamentale è stato fin qui tale ruolo espresso sia attraverso il finanziamento di programmi specifici che nel lavoro di armonizzazione delle legislazioni nazionali.
Obiettivo di medio termine è quello di passare dal tempo delle televisioni europee a quello della televisione europea, non sostitutiva, bensì complementare alle televisioni nazionali e capace di avere una sua identità specifica. Il problema non è quello di ampliare l’area commerciale e di scambio o l’audience delle reti nazionali, ma di costruire un’unità organizzativa e produttiva strutturalmente sovranazionale. La scelta delle tecnologie e dei modelli produttivi, i processi di formazione dei quadri e dei giornalisti, la composizione dei primi organismi di gestione e produzione, la costruzione del palinsesto (preferibilmente monotematico e multigenere), la vocazione multirazziale e multiculturale (rapportata all’identità europea necessariamente aperta, inclusiva e differenzialista), saranno riferimenti progettuali fondamentali. Al contempo non sarà secondario il problema relativo alla definizione delle “regole”, dei controlli e delle garanzie, rispetto alle quali l’esperienza diffusa indica la necessità di una definizione previa.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE L’Europa e la Tv sono in questi anni testimoni ed attori di un medesimo irreversibile processo: il superamento della dimensione nazionale in favore di quella sovranazionale. Alla base di questa trasformazione vi sono ragioni economiche, politiche e soprattutto tecnologiche. Nel sottolineare l’impatto delle nuove tecnologie sui cambiamenti socio-culturali in corso si vuole però evitare ogni tentazione di determinismo tecnologico, perché ciò di cui si parlerà non è semplicemente “una ‘rivoluzione delle comunicazioni’ che oltrepassa frontiere nazionali e comporta pertanto un nuovo ordine europeo dei media, come molti vorrebbero farci credere. Si tratta piuttosto del processo di cambiamento che l’Europa attraversa e dentro cui industria televisiva e cultura sono, in un certo senso, intrappolate.” 1 I mass media, la televisione in particolare, giocheranno comunque un ruolo nel modellare questo cambiamento e ne saranno a loro volta modellati. Si configurano infatti nuovi spazi audiovisivi ed è interessante capire quali possibilità ci offrono e quali problemi fanno emergere. Ma non si può parlare di televisione e tanto meno di televisione europea come di un’entità astratta ed isolata dal luogo e dal tempo in cui opera. “Per capire ciò che accade alla televisione - ricordano K. Robins e A. Torchi - occorre comprendere le dinamiche della globalizzazione che modellano i territori economici e culturali, e 1 K. Robins e A. Torchi, Geografia dei media, Bologna, Baskerville, 1993, p.7.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi