Skip to content

Il trattamento dei prigionieri di guerra: da Guantanamo ai ''voli segreti''

Informazioni tesi

Peacekeeping & Security Studies
  Autore: Maria Grazia Di Cerbo
  Tipo: Tesi di Master
Master in
Anno: 2006
Docente/Relatore: Barbara Scolart
Istituito da: Università degli Studi Roma Tre
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

La definizione di prigioniero di guerra costituisce una delle parti fondamentali del diritto internazionale umanitario. Al tema sono, infatti, dedicate alcune norme basilari dello stesso. Il regime applicabile ai prigionieri di guerra è in larga parte regolato dalla III Convenzione di Ginevra, epigrafata proprio “trattamento dei prigionieri di guerra”.

All’indomani dell’11 settembre 2001, il Consiglio di Sicurezza, riunitosi d’emergenza, ha emanato la Risoluzione 1373 con cui si richiede a tutti gli Stati di adottare una serie di misure legislative, procedurali, economiche, aventi lo scopo di prevenire, proibire e punire gli atti terroristici.
L’Amministrazione Bush ha deciso di “trattenere” persone in un campo appositamente creato a Guantanamo Bay, a Cuba.
Le persone “trattenute” a Guantanamo sono definite, negli atti ufficiali, come “unlawful combatants” o come “enemy combatants”, non rientranti, quindi, nell’ambito di applicazione delle Convenzioni di Ginevra.

Con il termine “extraordinary rendition” si intende una procedura americana extra-giudiziale che comporta la consegna di sospetti criminali, generalmente presunti terroristi o sostenitori di gruppi che il Governo statunitense considera essere organizzazioni terroristiche, a Paesi che non siano gli USA per la detenzione e gli interrogatori.
In seguito a denunce di Human Rights Watch, del Washington Post e della rete televisiva ABC, è stata resa pubblica la circostanza che gli Stati Uniti consegnano persone a Paesi terzi, allo scopo di estorcere informazioni o confessioni più facilmente.
Tali consegne sarebbero avvenute per il tramite di “secret flights” che hanno solcato i cieli e gli aeroporti anche europei; ed è proprio attraverso le “tracce” lasciate da tali aerei che alcune organizzazioni per i diritti umani hanno scoperto questa pratica.
La CIA ha usato compagnie aeree private e di facciata per mantenere la segretezza sui trasferimenti di prigionieri, aggirando le procedure che altrimenti l’avrebbero obbligata a dichiarare i propri piani di volo alle autorità dell’aviazione.
L’amministrazione statunitense ha manipolato i regolamenti commerciali per poter trasferire i prigionieri in violazione del diritto internazionale, cercando di aggirare il divieto di tortura.
La segretezza che avvolge le operazioni di trasferimento dei prigionieri rende impossibile sapere quante persone sono state sequestrate, trasferite da un Paese all’altro, poste in detenzione segreta e torturate nel contesto della “guerra al terrore”. Le notizie ottenute dai governi lasciano supporre che si tratti di centinaia di persone.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Master in Peacekeeping & Security Studies - VII ediz. 2006 Università degli Studi Roma Tre 4 CAPITOLO I IL TRATTAMENTO DEI PRIGIONIERI DI GUERRA SOMMARIO: § 1. Definizione di prigioniero di guerra; § 2. Il regime stabilito dalle Convenzioni di Ginevra del 1949; § 3. Il trattamento dei detenuti: United Nations Standard Minimum Rules for the Treatment of Prisoners; § 4. UN Convention against torture and other cruel, inhuman or degrading treatment or punishment e Convenzione Europea per la prevenzione della tortura. § 1. DEFINIZIONE DI PRIGIONIERO DI GUERRA La definizione di prigioniero di guerra costituisce una delle parti fondamentali del diritto internazionale umanitario. Al tema sono, infatti, dedicate alcune norme basilari dello stesso. Lo status di prigioniero di guerra è disciplinato dal Regolamento annesso alla IV Convenzione dell’Aja del 1907; dalla III Convenzione di Ginevra del 1949 e dal I Protocollo Opzionale del 1977 (soprattutto negli articoli 43-47).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abu omar
convenzioni di ginevra
extraordinary renditions
guantanamo
marty
prigionieri di guerra
prigionieri iracheni
tortura
voli segreti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi