Skip to content

Immagini della Sicilia: tra realtà e metafora

Informazioni tesi

  Autore: Alice Costanzo
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM)
  Facoltà: Scienze della Comunicazione
  Corso: Relazioni pubbliche e pubblicità
  Relatore: Paolo Proietti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 91

Un viaggio immaginario in Sicilia, nel tentativo di scorgere cosa la rende così mitica.
La Sicilia che cercheremo di esplorare è quella vista attraverso gli occhi di chi cerca latitudini sempre nuove. Poeti, scrittori, artisti che vivono a Milano, Roma, Bonn, daranno sempre lo stesso risultato: le loro opere parlano e parleranno sempre dell’isola lontana.
Saranno così patriarchi della letteratura come Verga, Pirandello, Vittorini, Consolo e Camilleri a raccontarci diacronicamente la Sicilia oscillando, nei loro racconti, tra la realtà e l’immaginazione di una terra mitica.
Si presuppone così che i siciliani siano diversi e in questa diversità si costruisce un immaginario collettivo che dà forma alle relazioni, agli scambi tra l’Io e l’Altro.
Questo scambio, inteso come il luogo dove si formano i modi di rapportarsi all’alterità, affonda le sue radici nell’imagologia, una scienza che studia le opinioni che popoli, nazioni, paesi, si sono creati gli uni degli altri nel corso della storia, attraverso le immagini, i luoghi comuni, gli stereotipi e i pregiudizi.
Questo lavoro si muoverà dunque attraverso un’analisi delle origini dell’imagologia, l’evoluzione delle sue teorie attraverso le varie scuole di ricerca imagologica e gli strumenti teorico-metodologici che ci saranno utili per costruire l’immagine letteraria della Sicilia.
Costruito il profilo imagologico siciliano, si affiancherà, infine, una parte antologica, analizzando un testo significativo per ogni singolo autore.
Le immagini della Sicilia tra realtà e metafora, che si delineano in questo lavoro, sono dunque insieme metodo di analisi critica e ritratto di una terra mitica, immutabile, dalle mille sfaccettature, cui Sciascia si rivolgeva dicendo «né con te né senza di te posso vivere».

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Tre: numero perfetto e finito. Tre come le punte che delimitano la Sicilia, terra fertile, ricca, al centro del Mediterraneo. Ed ecco nascere il nome antico, Trinakria, letteralmente tre punte. L'emblema è la testa di Medusa - una delle gorgoni - da cui si staccano tre gambe che si rincorrono, simbolo del sole nelle sue tre forme - dio della primavera, dell'estate e dell'inverno - ; o più semplicemente del movimento. Ed è proprio questo movimento, inteso come spostamento, viaggio, esilio ma anche nella sua antitesi di immobilismo, che ci darà gli strumenti per raccontare la Sicilia e i siciliani. Un viaggio immaginario in Sicilia, nel tentativo di scorgere cosa la rende così mitica: il sole, il grano, le colline così verdi in primavera e bruciate d'estate, il caldo, il mare cristallino, i colori, i profumi. Un mito che si riscopre oggi nell'infinita varietà dei suoi paesaggi, nei sapori genuini dei suoi prodotti, nella potenza della natura che i vulcani ancora attivi fanno sentire, nella caratterizzazione del suo popolo, che rivela come la civiltà mediterranea abbia trovato qui le sue radici. La Sicilia che cercheremo di esplorare è quella vista attraverso gli occhi di chi cerca latitudini sempre nuove. Poeti, scrittori, artisti che vivono a Milano, Roma, Bonn, daranno sempre lo stesso risultato: le loro opere parlano e parleranno sempre dell’isola lontana. Gli occhi sempre persi oltre ogni orizzonte visibile a sognare lo Stretto. Tutti a indagarne e a sviscerarne ogni zolla. Saranno così patriarchi della letteratura come Verga, Pirandello, Vittorini, Consolo e Camilleri a raccontarci diacronicamente la Sicilia oscillando, nei loro racconti, tra la realtà e l’immaginazione di una terra mitica. Ma perché questa ossessione? «La Sicilia è una terra molto intensa nelle sue contraddizioni – scrive Dacia Maraini - non a caso tanti scrittori sono siciliani. E

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi