Skip to content

L'art brut tra arte e psicosi

Informazioni tesi

  Autore: Chiara Miranda
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi Gabriele D'Annunzio di Chieti e Pescara
  Facoltà: Psicologia
  Corso: Psicologia
  Relatore: Giovanni Stanghellini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 94

L’attuale psichiatria è divisa tra un approccio biologico, che riduce ogni atto umano ad una mera espressione di una funzione neurochimica delle strutture cerebrali, ed un approccio ermeneutico che si pone invece nel rispetto dell’individualità della persona, della sua particolare soggettività e modalità di essere nel mondo. Questi due paradigmi, non necessariamente devono essere in contrasto, sono entrambi necessari per la comprensione della patologia schizofrenica, che rappresenta la vera sfida della psichiatria contemporanea, in quanto racchiude in sé le problematiche di fondo comuni a tutti gli esseri umani, il conflitto tra individuo e ambiente, tra mondo interno e mondo esterno, tra natura e cultura, come scrive Lacan. L'esperienza con la psicopatologia, ci porta alla consapevolezza dei nostri limiti, il primo è la pratica dell'arte diagnostica e psicoterapeutica che non giungerà mai alla certezza assoluta. L'altro limite si trova nell'ambito del nostro mondo, mediato dalla cultura, dalla tecnica e dal linguaggio. Esso costituisce la minima base di partenza per ogni confronto con l'alterità, per ricevere o trasmettere un'esperienza, che è nostra, ma anche del paziente, ed è inoltre, condivisibile con la collettività.
Nel trattamento delle psicosi, una grande attenzione va data al controtranfert del terapeuta, egli vive nel suo inconscio una identificazione col mondo del paziente che si esprime attraverso sogni e visioni di realtà che appartengono sia al paziente che al terapeuta, nel comune delirio, si apre un dialogo su un piano diverso da quello che si ha nel trattamento delle nevrosi, l'interpretazione con riferimenti al mondo reale, non hanno senso per lo psicotico, ma è necessario un incontro, seppur delirante, che si sforzi sinceramente di comprenderne il senso umano profondo. Spesso la regressione necessaria al paziente grave è un tipo di regressione pre-verbale, e risale alle primissime fasi della vita, quando attraverso lo sguardo della madre, il bambino cominciava a costruire i primi rudimentali fondamenti del suo sé, una psicoterapia verbale, sarebbe in questi casi insufficiente, e non riuscirebbe a penetrare in profondità il mondo psicotico, inoltre è probabile che il paziente prenda le distanze da contenuti troppo angoscianti, e manifesti di conseguenza una resistenza forte alla psicoterapia.
E’ per questi motivi, che le artiterapie si sono così diffuse, numerose organizzazioni, avendo riconosciuto il valore terapeutico dell’arte, si dedicano alla promozione e alla diffusione della produzione artistica dai pazienti psichiatrici. L’uso dei segni è antico quanto l’uomo, e precede l’uso del linguaggio, ne è la sua naturale premessa. Nell'esprimere la sofferenza attraverso l'immagine, viene proiettato qualcosa che non può ancora essere integrato nello spazio intrapsichico del paziente, ma che può essere esprimibile (e quindi potenzialmente integrabile) nello spazio transizionale costituito dall'immagine, soprattutto perchè condiviso nella relazione duale con il terapeuta. La tecnica del disegno speculare progressivo, frutto della collaborazione di Benedetti e Peciccia, apre una porta sull’inesorabilità della patologia schizofrenica, da sempre ritenuta “incurabile” con la tradizionale psicoterapia psicoanalitica. Egli ci fa sperare nella possibilità di una cura alternativa all’uso massiccio dei neurolettici, che pur rappresentando un utile aiuto alla gestione di questa patologia, rimangono pur sempre una “camicia di forza chimica” che svuotano di senso e vitalità le persone che hanno la sfortuna di manifestare questa grave psicosi. Solo attraverso la pratica clinica, insieme al malato, si può cogliere un senso, anche se provvisorio, del vissuto schizofrenico. Ogni sforzo nell'approccio psicopatologico dovrebbe mirare ad una comprensione non esaustiva della patologia, utilizzando teorie complesse sulla natura umana normale e patologica, e non viceversa giungere ad una teoria della tecnica, come di frequente accade, con la presunzione di aver raggiunto una conoscenza chiara.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 L’ART BRUT introduzione (Mar sul roche) «L’arte non dorme nei letti che sono stati preparati per lei, fugge appena si pronuncia il suo nome, ama l’incognito. I suoi momenti migliori sono quando si dimentica come si chiama». Jean Dubuffet (1901-1985) L’«arte grezza», così è spesso tradotto il francese “Art Brut”, è la forma d’espressione di persone che sono sfuggite ai condizionamenti culturali e al conformismo sociale. ignoranti della tradizione, indifferenti alle critiche, unici destinatari delle proprie opere, i creatori di Art Brut agiscono d’istinto. Il termine è stato coniato per la prima volta da Jean Dubuffet, pittore e scultore francese, uomo estremamente colto, di raffinata sensibilità, con una personale posizione di tipo intellettualistico, tesa alla ricerca di un nuovo linguaggio della rappresentazione, un linguaggio totemico, libero da ogni tipo di acquisizione culturale, imperniato sulla creazione artistica e non già sul prodotto artistico, sull'atto del fare e non sul manufatto. Una ricerca che egli conduce in situazioni estreme, fuori da ogni controllo, nel mondo dei folli, o degli ignoranti, o dei primitivi. Nel 1947 insieme ad Andrè Breton e Jean Paulhan crea la “Compagnie de l’art brut” a Parigi, dove raccoglie centinaia di opere realizzate da persone sconosciute, non formate artisticamente, spesso ricoverate in istituti psichiatrici, dando loro una visibilità

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arno stern
art brut
arte terapia
benedetti
disegno infantile
disegno speculare progressivo
disturbo del simbolo
dubuffet
ermeneutica
fenomenologia
intersoggettività
peciccia
psicosi
sè separato
sè simbiotico
segno
senso comune
simbiosi
terapia familiare di bowen

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi