Skip to content

La domanda di moneta in Italia

Informazioni tesi

  Autore: Mauro Masi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2005-06
  Università: Seconda Università degli Studi di Napoli
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia delle istituzioni e dei mercati finanziari
  Relatore: ErasmoPapagni
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 57

INTRODUZIONE
La moneta svolge un ruolo di fondamentale importanza in tutti i sistemi economici moderni. Se non vi fosse moneta il funzionamento di qualsiasi economia moderna risulterebbe estremamente difficoltoso. Azioni per noi ormai familiari, quali l’acquisto e la vendita di beni, si rivelerebbero pressoché impossibili. La moneta è costituita da un insieme di attività finanziari (tra cui il circolante, i depositi in conto corrente, i depositi a risparmio, e altri strumenti finanziari) dotate di caratteristiche estremamente particolari, che le differenziano da tutti gli strumenti finanziari disponibili sul mercato. La dottrina ha sempre attribuito alla moneta tre funzioni essenziali: quella di unità di conto, quella di mezzo di pagamento e quella di riserva di valore. Le tre funzioni sono ancora oggi unitamente riconosciute espressioni proprie della natura della moneta e tutte essenziali. Secondo la nuova concezione teorica, che si fa risalire essenzialmente a Keynes la domanda di moneta a titolo di riserva di valore è l’origine di effetti e fenomeni che oltrepassano il campo della moneta e coinvolgono il modo d’essere e l’equilibrio dell’intero sistema economico. La moneta, quale unità di conto rappresenta un’unità di misura rispetto a cui viene determinato il valore di scambio dei beni. L’utilizzo di una unità di conto consente di ridurre il numero dei rapporti di scambio e quindi, abbassando i costi di informazione sul valore di un determinato bene, facilita le transazioni. L’unità di conto può essere costituita da una moneta astratta, vale a dire da una moneta che fisicamente non esiste, ovvero da una moneta concreta, vale a dire da una moneta che ha consistenza fisica e che viene utilizzata come mezzo di pagamento. In quanto mezzo di pagamento, la moneta consente lo scambio
4
dei beni e questa è la sua funzione fondamentale. Una riserva di valore è un’attività finanziaria che mantiene il suo valore nel tempo. La moneta permette di trasferire potere d’acquisto nel tempo. Un individuo che possiede una riserva di valore, dunque, può utilizzare quell’attività finanziari per fare acquisti nel futuro. Vi è comunque un altro e conclusivo aspetto delle funzioni della moneta: Moneta è qualunque cosa venga generalmente accettata negli scambi. Un pezzo di carta , anche se stampato in modo magnifico, non sarà mai moneta se non è accettato nei pagamenti di beni e servizi. L’unica ragione per cui la moneta viene accettata nei pagamenti sta nel fatto che chi la riceve crede che essa possa essere spesa in un momento successivo. All’accettazione della moneta è, dunque, necessariamente collegato un elemento di circolarità: la moneta è accettata nei pagamenti perché si è convinti che anche altri la accetteranno come mezzo di pagamento. Oggetto di questa tesi è lo studio delle proprietà della domanda di moneta a livello nazionale sulla base delle nuove serie statistiche ridimensionate e armonizzate con lo schema adottato dall’Eurosistema.
In primo luogo, nel paragrafo 1, vengono descritte brevemente le procedure adottate nella costruzione del nuovo quadro statistico nazionale reso necessario per la conduzione della politica monetaria unica. Il paragrafo 2, presenta l’assetto istituzionale del SEBC e della BCE, le caratteristiche di conduzione della politica monetaria nell’UME in base al trattato di Maastricht e come sono stati precisati gli obiettivi, la strategia e gli strumenti operativi della BCE. Infine sarà dato risalto alle critiche mosse, da diversi economisti, allo schema concettuale dei “due pilastri”. Nel paragrafo 3, si ha dapprima una trattazione teorica della domanda di moneta, con particolare riferimento alle teorie di matrice Keynesiana e ai contributi sviluppati da Baumol e Tobin, con l’approccio basato sulla teoria delle scorte
5
alla domanda di moneta. Successivamente, la domanda di moneta, sarà esaminata empiricamente, prendendo come riferimento il lungo periodo. Inoltre sarà dato risalto, data l’esistenza nella realtà di costi di transazione, agli aggiustamenti dinamici ovvero, al tempo che occorre, allorché ci si allontani da una posizione di equilibrio iniziale, affinché sia conseguita la nuova posizione di equilibrio. Il paragrafo 4 affronta i problemi principali che insorgono in un'analisi della domanda di moneta. A questo, prima di entrare nel merito dell’analisi econometria, sarà dato breve accenno, nel paragrafo 5, agli studi compiuti in Italia sull’argomento. Segue, nel paragrafo 6 la descrizione della banca dati utilizzata e nel paragrafo 7 l’analisi econometria e le relative conclusioni.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE La moneta svolge un ruolo di fondamentale importanza in tutti i sistemi economici moderni. Se non vi fosse moneta il funzionamento di qualsiasi economia moderna risulterebbe estremamente difficoltoso. Azioni per noi ormai familiari, quali l’acquisto e la vendita di beni, si rivelerebbero pressoché impossibili. La moneta è costituita da un insieme di attività finanziari (tra cui il circolante, i depositi in conto corrente, i depositi a risparmio, e altri strumenti finanziari) dotate di caratteristiche estremamente particolari, che le differenziano da tutti gli strumenti finanziari disponibili sul mercato. La dottrina ha sempre attribuito alla moneta tre funzioni essenziali: quella di unità di conto, quella di mezzo di pagamento e quella di riserva di valore. Le tre funzioni sono ancora oggi unitamente riconosciute espressioni proprie della natura della moneta e tutte essenziali. Secondo la nuova concezione teorica, che si fa risalire essenzialmente a Keynes la domanda di moneta a titolo di riserva di valore è l’origine di effetti e fenomeni che oltrepassano il campo della moneta e coinvolgono il modo d’essere e l’equilibrio dell’intero sistema economico. La moneta, quale unità di conto rappresenta un’unità di misura rispetto a cui viene determinato il valore di scambio dei beni. L’utilizzo di una unità di conto consente di ridurre il numero dei rapporti di scambio e quindi, abbassando i costi di informazione sul valore di un determinato bene, facilita le transazioni. L’unità di conto può essere costituita da una moneta astratta, vale a dire da una moneta che fisicamente non esiste, ovvero da una moneta concreta, vale a dire da una moneta che ha consistenza fisica e che viene utilizzata come mezzo di pagamento. In quanto mezzo di pagamento, la moneta consente lo scambio

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi