Skip to content

Una possibilità bilingue. La Bottega d'Europa di Caterina Cangià.

Informazioni tesi

  Autore: Manuela De Rosa
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Scienze Umanistiche
  Corso: Lingue e Letterature Straniere
  Relatore: Nicola Prof. Siciliani de Cumis
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 226

Teatro e computer al servizio dell'apprendimento della lingua inglese come esperienza parallela alla realtà della lingua madre. Dalla scuola di Roma fondata dalla Professoressa Caterina Cangià, alla sfida del CLIL, Content and Language Integrated Learning, nella scuola contemporanea. La tesi affronta le problematiche metodologico didattiche dell'insegnamento della lingua straniera nella scuola primaria, passando attraverso accreditate teorie glottodidattiche per fondersi nell'immediatezza della pratica teatrale laboratoriale, fulcro della Bottega.
La possibilità bilingue è la scuola europea, nella quale a ciascun studente sia garantita la possibilità di vivere la sua vita grazie ad un doppio canale linguistico che li accompagni lungo l'intero percorso di studi, condiviso con gli allievi europei.
Il CLIL, difeso e diffuso dalla ricerca e dall'impegno della Prof.ssa Gisella Langé si pone come alternativa reale nella scuola pubblica, alla finzione della simulazione, nella quale l'allievo non raggiunge una piena autonomia e motivazione all'uso della lingua in situazioni quotidiane reali, perché limitato dal proprio sistema linguistico e culturale.
Pedagogia, glottodidattica, linguistica, si integrano e si supportano a vicenda, alla ricerca di un equilibrio che spazi dal Natural Approach di Krashen, al Learning che vivono gli studenti tra le mura dell'aula.
Utopia o possibilità? La Bottega ha realizzato il possibile nel suo hic et nunc: ai docenti del futuro la scelta di cogliere la sfida per un mondo e una mente "altra", possibile...

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione La Bottega d’Europa è una scuola di comunicazione situata nel quartiere Montesacro di Roma il cui scopo consiste nel formare alunni dai tre ai diciotto anni attraverso l’attività teatrale e la multimedialità interattiva “vissute” in lingua inglese. La realizzazione di tale ambizioso progetto è di suor Caterina Cangià, (soprannominata sisternet in virtù dell’impegno per la diffusione delle tecnologie multimediali nella didattica) una salesiana dell’ordine delle Figlie di Maria Ausiliatrice, da anni impegnata nella formazione della personalità umana basata su una visione olistica della stessa, che ne accentui le relazioni presenti nella globalità affettiva e cognitiva delle sue componenti. Suor Caterina fonda ufficialmente la Bottega d’Europa nel 1993 come associazione no-profit, ma il progetto si svolgeva in via sperimentale già negli anni Ottanta. Nata ad Alessandria d’Egitto, suor Caterina trascorre la sua infanzia immersa in una realtà multilinguistica e multiculturale, acquisendo la capacità di esprimersi in cinque lingue. Prosegue gli studi secondari in Francia e in Italia dove si unisce alle Figlie di Maria Ausiliatrice e parte come missionaria in Libano, esperienza che segnerà profondamente la sue scelte didattiche future. Nel 1981 si laurea in Scienze dell’educazione presso l’Ateneo Salesiano di Roma e nel 1992 con la tesi intitolata, un copione ipermediale nella glottodidattica infantile della lingua straniera. L’osservazione esplorativa dell’interazione bambini-computer nel contesto di apprendimento della lingua straniera facendo teatro, consegue il dottorato di ricerca. Oggi suor Caterina è docente di Didattica delle lingue moderne presso la Libera Università Maria Santissima Assunta LUMSA e insegna Nuove tecnologie a servizio dei processi di insegnamento-apprendimento presso la Pontificia Facoltà di Scienze dell’Educazione Auxilium di Roma. La prima parte del presente elaborato Una bottega “artigiana” si apre con l’introduzione della figura di suor Caterina, passando poi a descrivere il suo percorso didattico durante la missione in Libano. In seguito si addentra nella realtà della Bottega d’Europa, analizzandone le finalità didattiche, i soggetti coinvolti e le attività intraprese. Dal momento che la Bottega d’Europa accoglie studenti di varie fasce d’età, il capitolo secondo circoscrive l’analisi all’alunno della scuola primaria, facendo riferimento all’impostazione teorica esposta dalla professoressa Cangià nel testo L’altra glottodidattica. Il bambino è l’obiettivo primario del percorso didattico in lingua straniera e la comprensione della specificità del suo stadio evolutivo è il primo passo verso una definizione dell’approccio che unisce teatro e computer. La possibilità di una didattica che si configuri come didattica del “fare” in lingua straniera si basa anche sull’individuazione di una professionalità docente in grado di rispondere alle richieste di una glottodidattica che riunisca solide competenze linguistiche alla conoscenza psicopedagogica propria del docente di scuola primaria. La riflessione si inserisce in un quadro normativo e di sviluppo della scuola pubblica attualmente ancora in via di definizione, che lascia aperta la questione relativa alla professionalità del docente di lingua straniera. Successivamente l’attenzione si sposta all’interno dello spazio e del tempo, categorie che racchiudono i soggetti e le attività con le quali essi interagiscono nella Bottega.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

acquisizione
apprendimento
bambino
cangià caterina
clil
comenius
computer
content language integrated learning
didattica infantile lingue straniere
emisfero destro
europa
glottodidattica
lingua inglese
linguaggio
linguistica
multimedialità
pedagogia
scuola primaria
teatro
didattica
infanzia
inglese
drammatizzazione
bottega europa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi