Skip to content

Restaurare l'arte digitale

Informazioni tesi

  Autore: Gabriele Antonini
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: Giorgiozanchetti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 85

Restaurare l’arte digitale non è né un ossimoro, né tanto meno un insolito gioco di parole, bensì l’approfondimento di uno specifico argomento inerente a uno dei temi che risulta oggi essere tra i più controversi e dibattuti in ambito culturale, ossia la conservazione e il restauro dell’arte contemporanea.

Da sempre ci si pone il problema di “come”, “quanto”, e soprattutto “se” restaurare, con una varietà di risposte e di teorie che ha reso tali interventi di difficile attuazione. Lo stato di necessità riguardo questo particolare tema si è tuttavia posto in maggior evidenza da quando musei, gallerie e istituzioni di arte contemporanea hanno iniziato ad includere nelle proprie collezioni permanenti un numero sempre maggiore di opere d’arte contraddistinte dall’utilizzo di nuove tecnologie, soprattutto in ambito elettronico e informatico.

La rapida diffusione di opere cosiddette “immateriali” nei musei tradizionali ha reso palese l’insufficienza sia di competenze tecniche, sia di basi teoriche relativamente alle condizioni di documentazione, conservazione come anche di presentazione e di mantenimento di opere d’arte che utilizzano supporti e dispositivi tecnologici.

Allo scopo di garantire anche all’arte digitale un’adeguata trasmissione alle future generazioni, è necessaria una vigile attività di documentazione dell’opera, che permetta di conoscere e schedare tutte quelle particolarità ed esigenze che appartengono alla sfera oggettuale come a quella concettuale dell’opera stessa. Nel restauro dell’arte contemporanea il dialogo con gli artisti è un fatto decisivo. Conoscere le loro opinioni è fondamentale e non soltanto nello specifico di un intervento.

Per addentrarsi e comprendere meglio da un punto di vista pratico le problematiche (tecniche, artistiche, giuridiche e legislative) che ruotano intorno alla conservazione e il restauro dell’arte digitale è stato seguito e analizzato l’intervento di ripristino dell’installazione "Form in progress" di Mario Canali, datata 1997 e attualmente facente parte della collezione permanente della Civica Galleria d’Arte Moderna di Gallarate.

Attraverso l’analisi della letteratura critica sull’argomento (ancora non particolarmente estesa) e il lavoro sul campo, grazie al restauro di "Form in progress", si è tentato – nelle conclusioni di questo elaborato – di immaginare una nuova modalità pratica e teorica. Un modello strategico unificato in grado di tutelare prima di ogni cosa l’originalità dell’opera, che è “l’aura” di Walter Benjamin o “l’unità potenziale” di cui parla Cesare Brandi, in cui risiede la singolarità dell’opera d’arte; ma nel contempo di semplificare una situazione complicata, quella del restauro dell’arte contemporanea, resa ancor più difficile dai vari e diversificati metodi di approccio.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Premessa Restaurare l’arte digitale non è né un ossimoro né tanto meno un insolito, quanto lezioso, gioco di parole, bensì l’approfondimento di uno specifico argomento inerente a uno dei temi che risulta oggi essere tra i più contro- versi e dibattuti in ambito culturale, ossia la conservazione e il restauro dell’arte contemporanea. Da sempre ci si pone il problema di come, quanto, ma soprattutto se re- staurare, con una varietà di risposte e di teorie che ha reso tali interventi di difficile attuazione. Lo stato di necessità riguardo questo particolare tema si è tuttavia posto in maggior evidenza da quando musei, gallerie e istituzioni di arte contemporanea hanno iniziato ad includere nelle proprie collezioni permanenti un numero sempre crescente di opere d’arte contraddistinte dal- l’utilizzo rilevante di nuove tecnologie soprattutto in ambito elettronico e informatico. La rapida diffusione di opere cosiddette “immateriali” nei mu- sei tradizionali ha reso palese l’insufficienza sia di competenze tecniche, sia di basi teoriche relativamente alle condizioni di documentazione, conserva- zione come anche di presentazione e di mantenimento di opere d’arte che utilizzano supporti e dispositivi tecnologici1. Le installazioni digitali si usurano e si danneggiano come tutti gli altri oggetti e prodotti della nostra società e sottostanno al ritmo frenetico della civiltà dei consumi di cui esse stesse sono espressione. Rispetto alle opere 1 Laura Barreca, Definizione della New Media Art e problematiche conservative, (Roma, Galleria nazionale d’arte moderna e contemporanea, 21 gennaio 2008).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

arte contemporanea
arte digitale
arte elettronica
beni culturali
cesare brandi
computer
conservazione
correnti magnetiche
fluxus
form in progress
gallarate
installazioni artistiche
mario canali
museo
nam june paik
new media art
obsolescenza tecnologica
restauro
retrocompatibiltà
software
storia dell'arte
teoria del restauro
testamento artistico
video art

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi