Skip to content

I parchi naturali tra legislazione e giurisprudenza costituzionale

Informazioni tesi

  Autore: Manuela Mura
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Cagliari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Gianmario Demuro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 37

La materia dei Parchi e riserve naturali è stata fatta oggetto di un tira e molla tra centro e periferia, che ha provocato non pochi ritardi e disguidi, impedendo che si sviluppasse anche nel nostro paese un sistema di protezione della natura al passo coi tempi. Bisogna comunque ricordare il raggiungimento dell'obiettivo del 10% del territorio protetto, risultato ottenuto anche grazie all'aumentato interesse per la tutela dell'ambiente da parte della collettività e conseguentemente dello Stato.
Tuttavia le risorse finanziarie destinate ai parchi non risultano adeguate alle spese di gestione, al funzionamento dei servizi e delle numerose attività istituzionali perseguite, che vanno dalla tutela alla promozione compatibile del territori, dalla ricerca scientifica all'educazione ambientale, dal recupero del territorio al recupero e alla promozione delle culture e delle identità locali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO 1° LA LEGISLAZIONE SUI PARCHI. 1. L’assetto dei rapporti centro-periferia nel nuovo contesto “federale”. Le competenze dello Stato e delle Regioni in materia di parchi hanno sempre portato con sé numerosi problemi dovuti a cause diverse, che vanno dalla frammentazione della disciplina nel periodo precedente l’entrata in vigore della legge-quadro sulle aree protette, alla scarsa capacità del “centro” di venire incontro all’esigenze delle realtà sociali dei luoghi in cui il parco sarebbe dovuto nascere. Nel presente lavoro, vedremo come sono suddivise le competenze tra Stato e Regioni con riguardo allo strumento di protezione delle aree naturali rappresentato dai parchi dando uno sguardo anche alla giurisprudenza della Corte Costituzionale, la quale ha avuto una notevole influenza nella creazione di un modello di parchi che rispecchiasse le aspettative degli ambientalisti e nello stesso tempo divenisse uno strumento di incontro fra le diverse forme di governo del territorio. La materia ambientale e in particolare la protezione della natura e, nell’ambito che qui interessa, la materia dei parchi, è stata interessata in questi anni dalle riforme che si sono succedute in ambito legislativo e costituzionale. In particolare, la conferma mediante lo strumento referendario del testo approvato in seconda deliberazione dal Senato della Repubblica l’8 marzo del 2001 (divenuto poi la legge costituzionale del 18 ottobre 2001 n. 3, recante “Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione”) ha dato finalmente base costituzionale alle principali modifiche in senso”federalista” intervenute in questi anni nel tentativo di ammodernare la macchina dello Stato e rendere più snello e semplice, nonché più vicino al cittadino, il sistema dell’amministrazione. Anzi, bisogna affermare che la riforma costituzionale, si è sicuramente avvantaggiata nel trovare una situazione in cui l’amministrazione era già largamente devoluta alle Regioni e alle altre comunità locali. Ma oltre a dare veste costituzionale al federalismo amministrativo già realizzatosi per il tramite della legislazione ordinaria (riforma Bassanini), la revisione del titolo V determina un’importante rivoluzione del sistema, riconoscendo alle Regioni una potestà legislativa non più legata alla rigida elencazione di materie di competenza regionale fatta dal vecchio articolo 117 della Costituzione.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

legge parchi
legge quadro 394/1991
parchi naturali
riserva naturale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi