Musica e poesia: il ritmo nel son di Nicolàs Guillén

Tesi di Laurea

Facoltà: Lingue e Letterature Straniere

Autore: Marco Zanotti Contatta »

Composta da 174 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1385 click dal 10/02/2009.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Il ritmo nella poesia di Nicolàs Guillén, come specchio della cultura cubana negli anni '30, quando il SON da musica proibita diviene poesia mulatta.
Le matrici europea e africana della musica cubana, il profilo di Guillén-uomo nella Cuba dei suoi anni, il SON come forma poetica, l'analisi di alcuni componimenti di Guillén in relazione anche ad alcune loro orchestrazioni del tempo.

Mostra/Nascondi contenuto.
0 INTRODUZIONE La musica e la poesia: a proposito di questa relazione, ritengo necessario, anzitutto, operare una sorta di rivoluzione copernicana nella nostra mente, a più livelli. Va precisato che ci occupiamo, in queste pagine, di un paese colonizzato e non colonizzatore, dove la popolazione non è autoctona ma discendente di schiavi o lavoratori importati; ci troviamo nelle Antille, meta, e non partenza, di viaggi, oggetto, e non soggetto, di un secolare sfruttamento agricolo e industriale. Il tempo è l'inizio del secolo XX, quando a stento le voci di una coscienza nazionale dei popoli del Centro e del Sud America iniziano a farsi sentire nella dotta Europa e negli Stati Uniti. Per affrontare lo studio che mi sono proposto, dobbiamo, allora, spostare il nostro punto di vista dalla sponda europea a quella ispano- americana, o, se si preferisce, afro-ispano-americana, ponendo al centro l'isola di Cuba, la sua gente e il suo passato, richiamato in ogni suo aspetto. Solo attraverso questo cambio di prospettiva sarà possibile mettere a fuoco il significato che assumono alcuni concetti, ad esempio quelli di musica, ritmo e poesia. Quella che era, per un occidentale, la cultura nell'insieme delle sue manifestazioni legata alla scrittura, per l'africano, l'indiano ed il meticcio caraibici assumeva la forma, naturale e primitiva, dell'oralità, e, per questo, rimase a lungo incompresa alla civiltà occidentale. Nel primo capitolo di questo lavoro si osservano le dinamiche e le forme della musica afrocubana, partendo dalle sue origini, la cultura