Skip to content

La politica monetaria cinese: problemi e prospettive

Informazioni tesi

  Autore: Alessandro Nisi
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Economia
  Corso: Scienze dell'economia e della gestione aziendale
  Relatore: Giuseppe Ciccarone
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 58

La Banca centrale cinese fin dall'inizio del suo lavoro di attore principale nella politica monetaria ha trovato davanti a se un contesto peculiare caratterizzato da un evidente arretratezza per quanto concerne il funzionamento dei mercati finanziari e in particolar modo per quel che riguarda il sistema bancario. Si inserisce in quest'ottica il dibattito sull' Inflation targeting e sulla sua opportunità in un contesto siffatto. La liberalizzazione dei cambi ha alimentato quel processo di ammodernamento che il sistema cina ha tuttavia intrapreso, pur conservando dei vizi sistemici al suo interno. L'annoso dibattito sulla rivalutazione del renminbi viene affrontato in appendice esulando dall'obiettivo prioritario della tesi. Viene tuttavia sommariamente introdotto la querelle sul finanziamento del deficit federale statunitense da parte del sistema cina reso possibile grazie all'imponente avanzo commerciale (altra faccia del disavanzo USA) e al flusso di capitali esteri in entrata.
Dato l'avanzo di bilancia commerciale e viste le difficoltà di trasmissione della politica monetaria dovute ad un mercato finanziario sottodimensionato come fa il sistema Cina a controllare un tasso di crescita dei prezzi che in un contesto "occidentale" sviluppato avrebbe intrapreso un percorso tutt'altro che stazionario? La risposta è nella stessa arretratezza dei sistemi finanziari cinesi e in un sistema di tassi d'interesse che rende possibile avere l"a botte piena e la moglie ubriaca".

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Introduzione. La PBC ha iniziato a svolgere l'attività di banca centrale nel 1984. Attualmente annuncia tassi di crescita dell'aggregato monetario M2 coerenti con l'obiettivo del mantenimento del valore della moneta e, allo stesso tempo, di promozione della crescita. La banca centrale ha sviluppato una serie di strumenti di politica monetaria simili a quelli usati nei paesi più avanzati (riserve obbligatorie e operazioni di mercato aperto) conservando, però, anche strumenti diretti (misure amministrative). Nel 1993 è iniziata un'opera di liberalizzazione dei tassi d'interesse con l'intento di modernizzare il settore finanziario. La graduale liberalizzazione finanziaria intrapresa ha portato alla segmentazione del settore il che ostacola il libero movimento dei tassi d'interesse. La debolezza che ancora caratterizza il sistema finanziario rende complicato utilizzare strumenti di politica monetaria indiretta e rende necessarie misure amministrative dirette. La PBC utilizza gli obblighi di riserva in maniera consistente e si affida alla moral suasion per indirizzare il credito bancario. Infine è da ricordare che i cambiamenti che la banca centrale propone, inclusi quelli sui tassi d'interesse, devono essere preventivamente approvati dal Consiglio di Stato, che, dunque, limita l'indipendenza della PBC. L'efficienza dell'approccio di mercato alla politica monetaria (iniziato nel 1998, quando è stato abbandonato il controllo quantitativo del credito) è ostacolato da più fattori. Le riserve in eccesso detenute dalle banche e la segmentazione del mercato della moneta impediscono il libero gioco del tasso d'interesse nel trasmettere gli effetti delle decisioni di politica monetaria all'economia. La segmentazione del mercato rende non unitario nei suoi effetti l'intervento della banca centrale sui tassi, e le riserve in eccesso desensibilizzano il comportamento delle banche nei confronti delle decisioni di politica monetaria. Risale al modello di Mundell-Fleming l'ipotesi di “impossible trinity”, intendendo con ciò l'impossibilità di avere tasso di cambio fisso, liberi movimenti di capitale e politica monetaria indipendente. La grande sfida che la Cina deve affrontare è il mantenimento del controllo sul cambio in presenza di sostenuti afflussi di capitale in valuta estera perchè, questo ostacola l'utilizzo dei tassi d'interesse nella gestione della domanda aggregata, dato che una stretta monetaria potrebbe risultare in maggiori afflussi di capitale. I controlli amministrativi diretti sul credito hanno condizionato l'evoluzione dei tassi d'interesse permettendo alla PBC di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi