Skip to content

Una discussione etica sull'eutanasia

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Stella
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Filosofia
  Corso: Filosofia teoretica, morale, politica ed estetica
  Relatore: Piergiorgio Donatelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 152

In questa tesi verranno prese in considerazione quattro diverse posizioni filosofiche che si sono pronunciate in merito alle problematiche riguardanti l’eutanasia e il suicidio medicalmente assistito, quindi concernenti un «diritto morale a morire» . Esse non esauriscono tutto il dibattito, tuttavia le loro argomentazioni sono molto interessanti per una dialettica tra l’etica tradizionale dell’inviolabilità della vita e quella della libera scelta. Nei primi due capitoli verranno presi in considerazione gli argomenti a favore del suicidio assistito e dell’eutanasia: essi sono quelli utilitaristi e quelli liberali, analizzati attraverso la lettura critica delle opere di due dei maggiori portavoce di queste dottrine filosofiche, Peter Singer e Ronald Dworkin. Gli utilitaristi avanzano il principio di qualità della vita, in base al quale l’eutanasia va ammessa almeno in tutti quei casi in cui essa promuove gli interessi delle persone coinvolte. La tesi liberale, invece, si basa esclusivamente sul principio di autonomia o autodeterminazione: l’uomo deve poter decidere in piena autonomia come e quando morire. Il terzo e il quarto capitolo prendono, viceversa, in esame gli argomenti contrari all’eutanasia e al suicidio assistito. Essi sono quelli appartenenti ad una prospettiva kantiana del rispetto del filosofo morale David Velleman e quelli del filosofo del diritto John Finnis. Velleman nega un diritto morale a morire se esercitato in termini di costi e benefici della vita ed estende tale divieto anche per un riconoscimento giuridico. Finnis invece applica al valore fondamentale della vita umana il principio pratico “non uccidere”. La conclusione a cui si giungerà sarà che, a parere di chi scrive, sarebbe un atteggiamento di buon senso abbandonare le etiche assolutiste come quelle della sacralità della vita e quelle deontologiche basate su ragioni di principio, e abbracciare, invece, consapevolmente quelle della qualità della vita e dell’autonomia perché prendono in considerazione l’effettiva realtà delle cose e non teorizzano su un individuo astratto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5    Prefazione Scriveva il poeta statunitense Alan Seeger: « I've a rendezvous with Death […] And I to my pledged word am true, I shall not fail this rendezvous» 1 . L’uomo ha sempre avuto la possibilità di prendere un appuntamento con la morte; fin dagli albori dei tempi è stato padrone di compiere l’ultimo atto deliberatamente. Certo, è stato giudicato ora stoicamente virtuoso, ora un essere pavido; tuttavia ha sempre potuto scegliere. Oggi l’uomo post moderno si trova incatenato, invece, molto spesso alla vita, a causa di una nuova medicina, interpretata come sfida alla morte ad ogni costo; e l’uomo in questa sfida è l’unico prigioniero, prigioniero di se stesso, di un corpo che non funziona più o di una mente che ha perso la sua ragionevolezza. Uomini, donne e bambini costretti in letti d’ospedali, senza più neanche un barlume di una vita dignitosa. Chi è che asservisce così l’uomo, negandogli la possibilità di porre fine non più ad una vita ma ad una sopravvivenza? La risposta più intuitiva parrebbe essere “le leggi” le quali, effettivamente, in diversi Stati, negano la pratica dell’eutanasia o del suicidio assistito. Ma sottese a tali leggi, ci sono le cosiddette etiche della vita, che fanno di quest’ultima un bene assoluto inviolabile. E l’uomo è così costretto a mancare al suo appuntamento con la morte, ma paradossalmente manca anche a quello con la vita. Cosa allora si può fare per ridare dignità alle non più libere scelte degli individui? Una penna su di un foglio non può far molto, se non spingere qualche coscienza a sottrarsi dai dogmatismi e dall’acriticità di cui pare essere succube ora, cercare di costruire uno spazio di riflessione dove possano convivere istanze culturali, religiose e politiche diverse e dove l’autonomia personale e la libertà di scelta divengano il valore supremo.                                                             1  A, Seeger, I've a rendezvous with Death. 

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

buona morte
commissione di harvard
cure palliative
definizione di morte
dignità
diritto istituzionale a morire
diritto morale a morire
dresser
dworkin
eutanasia
finnis
kamm
kantismo
lecaldano
liberalismo
libertà
qualità della vita
reichlin
sacralità della vita
singer
suicidio assistito
tomismo
utilitarismo
velleman

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi