Le basi di dati geografiche in Spatial Oracle: funzioni di map-algebra

Laurea liv.I

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Gennaro Russo Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 529 click dal 24/03/2009.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.

 

 

Grazie alle potenzialità di Java e all’interoperabilità che il DBMS Oracle offre con questa tecnologia sono state sviluppate funzioni di Map-algebra che possono essere richiamate all’interno di un blocco di codice PL/SQL, rendendo del tutto trasparente e semplice l’esecuzione, dal momento che Oracle permette il caricamento delle classi Java nel suo sistema principale. In tal modo è stato possibile osservare come l’utilizzo delle grandi capacità di interoperabilità che Oracle mette a disposizione costituisce il modo più semplice e veloce per l’estensione del modulo spaziale.
Lo studio condotto, inoltre, rappresenta un valido strumento di supporto per quanti si accingono all’analisi di un dato raster se si considera che la maggior parte delle guide e dei documenti disponibili sul web trattano l’argomento, certamente complesso, in modo superficiale.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE L’evoluzione della tecnologia informatica ha coinvolto quasi tutti i campi, compreso il mondo cartografico, dove, rispetto agli altri settori, questa rivoluzione è arrivata un po’ in ritardo a causa della complessità degli strumenti necessari per la gestione dei dati geografici. Le discipline che utilizzano la cartografia come fonte di informazioni legate al territorio o come risultato di elaborazioni ed analisi sono molteplici; ne sono un esempio la cartografia catastale e topografica, l’ingegneria civile, la geografia, la scienza del suolo, la geostatistica, il monitoraggio ambientale, la fotogrammetria, il telerilevamento, la pianificazione urbana e rurale. Queste discipline, sono tutte interessate allo sviluppo di strumenti informatici in grado di acquisire, analizzare, visualizzare, recuperare e aggiornare informazioni che, attraverso un opportuno sistema di coordinate, sono collegate al territorio. L’insieme degli strumenti informatici in grado di svolgere tutte queste “mansioni” ed altre ancora costituisce un Sistema Informativo Geografico o GIS (Geographical Information System). I primi tre capitoli del presente elaborato sono dedicati alla illustrazione storica e concettuale di tali strumenti. In particolare: nel primo capitolo sono definite le fasi principali del passaggio storico della cartografia tradizionale allo sviluppo dei GIS; nel secondo capitolo sono, invece, descritti alcuni modelli di dati spaziale, quali il modello vettoriale, raster e tridimensionale; infine, nel terzo capitolo sono definiti i principali metodi di analisi spaziale sul