Skip to content

Il recupero necessario e il riuso possibile: restauro della chiesa di Santa Maria della Misericordia

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Gentile
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Foggia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dei beni culturali
  Relatore: AntonellaMartinelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 138

La conservazione del patrimonio architettonico è un aspetto fondamentale nella società contemporanea poiché, nonostante sia un elemento essenziale per la memoria dell'uomo, è spesso minacciato dai pericoli dell'ignoranza, dell'abbandono e dell'incuria.
In questo senso, ogni attività di tutela e conservazione risulta essere imprescindibile. In particolare tali attività si esplicano applicando i principi della "conservazione integrata", definita dalla Carta Europea del Patrimonio Architettonico come il risultato dell'uso congiunto delle tecniche del restauro e la ricerca di funzioni appropriate.
La rifunzionalizzazione degli edifici di valore storico-artistico, infatti, si configura come l'azione più efficace ad assicurare la manutenzione continuativa delle strutture e la conoscenza dell'opera, e quindi il permanere di essa nella memoria storica delle comunità cittadine. Per contro, l’esclusione dalla fruizione del patrimonio culturale genera l’indifferenza nei confronti di esso e la conseguente deleteria tendenza all’incuria.
Questa trattazione si propone di dimostrare come l’attività di restauro volta al recupero di opere architettoniche abbandonate e in stato di degrado, unita al successivo riuso delle strutture così ritrovate, sia non solo l’arma più efficace in difesa dell’identità e della memoria storiche, ma rappresenti anche l’occasione per una comunità di arricchire sé stessa sia spiritualmente che materialmente.
Per procedere alla dimostrazione di questa tesi viene preso in esame il caso particolare di un edificio religioso della città di Foggia, la Chiesa di Santa Maria della Misericordia, detta ‘Chiesa dei Morti’, ripercorrendo la sua storia dalle origini fino al progetto e ai lavori di restauro che sono attualmente in corso.
La chiesa, fondata nel 1650 ad opera della Confraternita dei Morti, rappresenta una testimonianza architettonica unica del barocco della città di Foggia, soprattutto grazie alle opere d’arte in essa raccolte, tutti notevoli esempi del rinomato panorama della produzione artistica napoletana tra Sei e Settecento, tra cui si segnalano un soffitto ligneo a cassettoni dorato, un ciclo di 14 dipinti rappresentanti le Opere di Misericordia spirituale e corporale, e soprattutto il pregevole altare in marmi policromi commessi, con statue di marmo bianco di Lorenzo Vaccaro.
Vicissitudini storiche quali la Seconda Guerra Mondiale e l’estinzione della confraternita fondatrice hanno portato alla chiusura e all’abbandono della Chiesa dei Morti, il cui recupero è giunto ad un esito positivo solo nel 2008, con l’avvio dei lavori di restauro lungamente auspicati.
Il progetto di restauro stilato si è posto il duplice obiettivo del restauro conservativo e del riuso della struttura.
Quest’ultimo aspetto pone in risalto una serie di problematiche legate ai valori che i monumenti esprimono e perpetuano e alla loro conservazione per mezzo del restauro e della tutela.
Il riuso del patrimonio architettonico, se correttamente impostato, può apportare numerosi vantaggi per la comunità, in quanto rappresenta un mezzo efficace di riappropriazione di testimonianze storiche da parte di essa.
In questo quadro, si auspica un potenziamento delle attività di conservazione e valorizzazione nel centro storico di Foggia non solo tramite interventi diretti come il restauro, ma anche incentivando l’interesse dei cittadini verso le proprie memorie storiche e favorendo la loro conoscenza e riscoperta, che sono i presupposti essenziali nel processo di formazione di un senso di appartenenza che alimenta l’attitudine alla tutela.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE La conservazione del patrimonio architettonico. Nell’ambito della quotidiana attività dell’uomo le opere architettoniche presentano uno specifico carattere che le differenzia da quello delle altre ‘arti maggiori’, scultura e pittura. Si tratta della utilitas, cioè l’attitudine di queste opere ad essere direttamente impiegate all’interno del vivere pratico degli uomini 1 . Esse hanno, dunque, una valenza utilitaria che si perpetua in virtù di quella che è la funzione precipua dell’architettura, ma altrettanto chiaramente nel corso del tempo alla utilitas si affianca tutta una serie di ulteriori valori, legati agli aspetti formali e storico-artistici dell’opera stessa. Ecco quindi che gli antichi palazzi non si limitano ad essere dei semplici edifici, ma sono altresì dei beni culturali che, in quanto tali, rappresentano un importante patrimonio per la collettività. Il Congresso sul patrimonio architettonico europeo, tenutosi ad Amsterdam nel 1975, ha stabilito appunto che “il patrimonio architettonico europeo costituisce una testimonianza della storia e della sua importanza nella 1 Cfr G. Palmerio, Il progetto di restauro, in Trattato di restauro architettonico vol 3 a cura di G. Carbonara, Torino 1996, p. 585.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

architettura
barocco
beni culturali
chiesa
confraternita
conservazione
conservazione integrata
federico ii
foggia
ipogei urbani
misericordia
morti
purgatorio
restauro
rifunzionalizzazione
riuso
tutela
valorizzazione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi