Skip to content

"Un giornalismo fatto di verità frena la criminalità": la battaglia di Giuseppe Fava contro Cosa Nostra

Informazioni tesi

  Autore: Mario Agostino
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Firenze
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Cosimo Ceccuti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 105

Ciò che mi ha mosso a frequentare il corso di laurea triennale in Media e Giornalismo era soprattutto capire quali principi debbano ispirare il giornalista nella sua professione. Ciò che mi ha spinto a redigere una tesi finale su Giuseppe Fava è la risposta cui sono arrivato grazie alla sua figura, risposta che affido alle parole dello stesso maestro di giornalismo: “Un giornalista incapace, per vigliaccheria o calcolo, della verità si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, le violenze che non è stato capace di combattere. Il suo stesso fallimento! Dove c’è verità, si può realizzare giustizia e difendere la libertà! Ritengo infatti che in una società democratica e libera, quale dovrebbe essere quella italiana, il giornalismo rappresenti la forza essenziale della società”. Giuseppe Fava, eclettico comunicatore, brillante nel giornalismo, nel teatro, nella letteratura, ha fornito alla mia ricerca vocazionale un esempio limpido, che definirei una delle espressioni più alte della dignità di un uomo libero con cui mi sia confrontato negli anni della mia formazione. Descrivendo la Sicilia, cui devo le mie origini, ha mostrato con libertà, onestà e competenza non solo alla classe giornalistica, ma anche a quella generale lavorativa siciliana, cosa significasse credere nella forza del proprio lavoro nel nome di principi talmente ovvi da infastidire ciò che di più ovvio esiste in Sicilia, ossia, per usare un’ espressione di Paolo Borsellino, il “puzzo del compromesso morale”. In primo luogo questa tesi si propone dunque di studiare la pagina di storia giornalistica che Fava ha scritto con la sua attività, mettendone in risalto il contributo combattivo fornito in prima linea alla Sicilia ai danni di Cosa Nostra, che affondava già da tempo immemorabile i suoi tentacoli sino al governo centrale e che il popolo siciliano doveva credere confinata al capoluogo siciliano nella romanzesca diatriba tra corleonesi e palermitani. Fava denunciò e dimostrò in realtà che la gestione di colossali appalti e traffici di droga anche sul territorio catanese era riconducibile alla presenza evidente di Cosa Nostra anche nella Sicilia Orientale. Non asservì mai la sua penna a chi avrebbe voluto usarla per scrivere “ciò che conveniva” e omettere ciò che non avrebbe mai dovuto venire alla luce, secondo la logica patronale mafiosa alternativa all’istituzione dello Stato. Per questo fu assassinato, nel 1984, da quella Cosa Nostra che la classe dirigente politica e giornalistica catanese continuò a dichiarare inesistente negando categoricamente la pista mafiosa in relazione al delitto.
Tributando dunque questa tesi ad un uomo che ha davvero amato la Sicilia e che ha illustrato la professione di giornalista, la speranza è che essa possa contribuire a fare conoscere la figura di Pippo Fava a chi ne ignora l’esistenza e che possa rammentarla a chi ne ha un ricordo sbiadito.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 Premessa Ciò che mi ha mosso a frequentare il corso di laurea triennale in Media e Giornalismo era soprattutto capire quali principi debbano ispirare il giornalista nella sua professione. Ciò che mi ha spinto a redigere una tesi finale su Giuseppe Fava è la risposta cui sono arrivato grazie alla sua figura, risposta che affido alle parole dello stesso maestro di giornalismo: “Un giornalista incapace, per vigliaccheria o calcolo, della verità si porta sulla coscienza tutti i dolori umani che avrebbe potuto evitare, e le sofferenze, le sopraffazioni, le corruzioni, le violenze che non è stato capace di combattere. Il suo stesso fallimento! Dove c’è verità, si può realizzare giustizia e difendere la libertà! Ritengo infatti che in una società democratica e libera, quale dovrebbe essere quella italiana, il giornalismo rappresenti la forza essenziale della società”. Giuseppe Fava, eclettico comunicatore, brillante nel giornalismo, nel teatro, nella letteratura, ha fornito alla mia ricerca vocazionale un esempio limpido, che definirei una delle espressioni più alte della dignità di un uomo libero con cui mi sia confrontato negli anni della mia formazione. Descrivendo la Sicilia, cui devo le mie origini, ha mostrato con libertà, onestà e competenza non solo alla classe giornalistica, ma anche a quella generale lavorativa siciliana, cosa significasse credere nella forza del proprio lavoro nel nome di principi talmente ovvi da infastidire ciò che di più ovvio esiste in Sicilia, ossia, per usare un’ espressione di Paolo Borsellino, il “puzzo del compromesso morale”. In primo luogo questa tesi si propone dunque di studiare la pagina di storia giornalistica che Fava ha scritto con la sua attività, mettendone in risalto il contributo combattivo fornito in prima linea alla Sicilia ai danni di Cosa Nostra, che affondava già da tempo immemorabile i suoi tentacoli

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi