Skip to content

Tipologie edilizie mobili e provvisorie - Dall'emergenza all'architettura

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Nutile
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi di Roma Tor Vergata
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria edile
  Relatore: Claudio Greco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 95

Lo scopo di questa tesi è quello di capire come deve essere un alloggio di pronto impiego, quali devono essere i requisiti e quali caratteristiche deve possedere per risolvere al meglio i problemi relativi ad un imminente emergenza o semplicemente per far fronte a tutti quei casi in cui è richiesta una sistemazione abitativa immediata.
Nel capitolo I sono descritte alcune situazioni nelle quali serve un alloggio di tipo...
Nel capitolo II si analizza il materiale di cui dispone la Protezione Civile, i criteri di scelta attuati per intervenire al meglio e si elencano le caratteristiche intese come requisiti tecnici che tali strutture debbano possedere... Inoltre viene fatta una prima suddivisione per tipologia edilizia, elencando una serie di esempi generici diversi.
Il capitolo III introduce un discorso sulla storia delle architetture smontabili e mobili del passato, per poi presentare come casi significativi l’operato di due grandi architetti che sono dei punti di riferimento della storia dell’architettura per questo settore...
Il capitolo IV infine, presenta lo scenario contemporaneo e suddivide in tre categorie i sistemi abitativi in base a criteri ben precisi... Inoltre vengono presentati come modelli, alcuni progetti moderni, presi come casi studio e ne vengono riportate immagini, disegni, caratteristiche tecniche e per alcuni di essi anche i dettagli costruttivi.
Analizzando tutti questi punti, studiando l’evoluzione storica e tecnologica si è voluto tentare di capire se, partendo da contesti di emergenza sia possibile arrivare a dare anche una caratteristica di confort e di design architettonico a queste tipologie edilizie...

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Fin dall’antichità per l’uomo c’è sempre stato il bisogno di trovare un riparo sia di tipo temporaneo che di tipo permanente, per soddisfare le necessità di fronte ad emergenze di tipo abitativo. L’emergenza è per definizione “circostanza o eventualità imprevista, specialmente pericolosa che si presenta sotto diverse forme e richiede provvedimenti eccezionali” 1 . Dalla definizione si intuisce facilmente che le cause più gravi di emergenza sono dovute alle calamità naturali e alle conseguenze di carattere bellico, ma l’emergenza abitativa può nascere anche da altre motivazioni. Lo scopo di questa tesi è quello di capire come deve essere un alloggio di pronto impiego, quali devono essere i requisiti e quali caratteristiche deve possedere per risolvere al meglio i problemi relativi ad un imminente emergenza o semplicemente per far fronte a tutti quei casi in cui è richiesta una sistemazione abitativa immediata. Nel capitolo I sono descritte alcune situazioni nelle quali serve un alloggio di tipo temporaneo, e come vedremo, i casi sono molti e diversi l’uno dall’altro. Inoltre viene affrontato il discorso della logistica nelle situazioni di emergenza, prendendo come punto di riferimento l’operato della Protezione Civile italiana, che in Italia è l’organismo preposto a occuparsi di emergenze umanitarie, si descrivono i requisiti e i criteri per la scelta delle aree da destinarsi ad accogliere villaggi di emergenza e ne viene riportata la normativa. Nel capitolo II si analizza il materiale di cui dispone la Protezione Civile, i criteri di scelta attuati per intervenire al meglio e si elencano le caratteristiche intese come requisiti tecnici che tali strutture debbano possedere affinché risolvano per quanto possibile il problema della provvisorietà e dell’immediatezza. Inoltre viene fatta una prima suddivisione per tipologia edilizia, elencando una serie di esempi generici diversi. Il capitolo III introduce un discorso sulla storia delle architetture smontabili e mobili del passato, per poi presentare come casi significativi l’operato di due grandi architetti che sono dei punti di riferimento della storia dell’architettura per questo settore: Richard Buckminster Fuller e Jean Prouvé. Il capitolo IV infine, presenta lo scenario contemporaneo e suddivide in tre categorie i sistemi abitativi in base a criteri ben precisi, che oltre a basarsi sulle caratteristiche e i requisiti tecnici, si differenziano per il sistema di trasporto. Inoltre vengono presentati come modelli, alcuni progetti moderni, presi come casi studio e ne vengono riportate immagini, disegni, caratteristiche tecniche e per alcuni di essi anche i dettagli costruttivi. Analizzando tutti questi punti, studiando l’evoluzione storica e tecnologica si è voluto tentare di capire se, partendo da contesti di emergenza sia possibile arrivare a dare anche una caratteristica di confort e di design architettonico a queste tipologie edilizie. Si arriva alla conclusione che anche se i due ambiti sono molto diversi, guardando i progetti di architetti importanti e studi contemporanei che si impegnano in questo settore, è dimostrato che è possibile vivere con un grado accettabile di confort anche in un’abitazione di piccole dimensioni realizzata industrialmente, come è testimoniato da questo contenuto. 1 Lo Zingarelli 2005, Vocabolario della lingua italiana di Nicola Zingarelli. 1

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abitativa
abitazione
alloggio
architettura
casa
cellula
container
costruttivo
design
edilizia
emergenza
fuller
loft
mobile
montaggio
prouvè
provvisoria
sistema
smontabile
temporaneo
tenda
tipologia
trasportabile
trasporto

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi