Skip to content

Democrazia e crescita economica

Informazioni tesi

  Autore: Pietro Chiarello
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Padova
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Lorenzo Rocco
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 108

Quali sono le fondamentali determinanti del livello di output economico degli stati nazionali?
La questione sul perché alcuni Stati siano ricchi, mentre altri siano poveri, è una domanda che ha tormentato gli economisti almeno sin dal 1776, quando Adam Smith scrisse An Inquiry into the Nature and Causes of the Wealth of Nations.
Alcuni Stati, nonostante siano dotati di alti livelli di risorse naturali, vivono una condizione di estrema povertà (ad esempio i paesi dell’Africa Sub-Sahariana) mentre altri, con livelli più scarsi di risorse (come Hong Kong), prosperano. La comprensione di come la proprietà privata e la libertà economica permettano alle persone di organizzare le proprie attività nell’ambito dello scambio e del commercio, da cui ricavano vantaggi reciproci, ci consente di avere delle buone indicazioni su quanto l’ambiente istituzionale sia necessario allo sviluppo e alla prosperità.
Il collegamento fra democrazia e sviluppo economico è stato studiato sia da scienziati “politici” che da economisti, con differenti interpretazioni della questione, e diverse prospettive d’approccio ad essa.
L’intento di questo lavoro è di analizzare alcuni degli aspetti più importanti della relazione democrazia-crescita prendendo spunto dall’analisi degli studi empirici e teorici sull’argomento.
Sarà necessario, prima di tutto, chiarire a livello tassonomico cosa si intende per sviluppo economico e per forme di democrazia, volgendo l’attenzione soprattutto ai concetti di “diritti di proprietà”, “rule of law” e istituzioni statali e alle diverse configurazioni che i sistemi economici assumono in relazione al variare delle suddette caratteristiche.
Viene proposta, innanzitutto, una definizione ampliamente condivisa di quello che è il concetto di democrazia, facendo riferimento all’evoluzione storica di questa forma di governo, soprattutto in relazione con quella che è da sempre stata, la sua principale alternativa, la dittatura o autocrazia.
Prima di guardare ai modelli che sono stati scelti per questo lavoro, va fatta un’importante precisazione, e cioè che gli studi sulla relazione democraziacrescita economica fanno capo a due filoni principali, che traggono spunto da una domanda complessa, che vede la possibilità di spiegazioni molteplici: è la democrazia ad implicare la crescita economica? Oppure, viceversa, è lo sviluppo economico a creare le condizioni ideali per la nascita e lo sviluppo della forma di governo democratica?
Nel primo capitolo si affronteranno, innanzitutto, le questioni relative alla metodologia dell’analisi empirica, che sta alla base degli studi e delle idee economiche proposti.
Quasi tutti gli studi scientifici sull’argomento democrazia-crescita hanno basato le loro indagini su analisi empiriche di tipo cross-country, facendo uso di diversi indicatori per la misurazione dei livelli di democrazia e di crescita economica. Per la crescita economica le misure disponibili, e le più utilizzate, sono, in genere il prodotto interno lordo o altre misure “microeconomiche” come il livello del consumo di alcuni tipi di beni. Per quanto riguarda gli strumenti di misurazione del tipo di regime politico o del grado di democrazia, in letteratura esistono molti indicatori, che differiscono tra di loro per le metodologie con cui vengono determinati.
Sarà qui presentata una rassegna degli indicatori più utilizzati in letteratura.
Sarà poi presentato il modello teorico, da cui è partita la questione se sia la crescita economica a promuovere la nascita della democrazia, meglio noto in letteratura come “Lipset Hypothesis”, dal nome dell’autore che, nel 1959, compì uno studio partendo dall’ipotesi che il maggiore sviluppo economico di un paese sia condizione per la nascita della democrazia.
Saranno analizzati i lavori di Helliwell (1992) e Barro (1994), che hanno provato a verificare l’ipotesi di Lipset, trovando nell’evidenza empirica la conferma dell’idea che la democrazia trovi terreno fertile su cui svilupparsi in quei paesi dove c’è prosperità economica.
Nel secondo capitolo è proposta una rassegna dei tanti lavori che hanno avuto come oggetto l’analisi degli effetti della forma di governo democratica sulla crescita economica, con particolare riferimento a quelli riepilogati in Tabella 1.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Quali sono le fondamentali determinanti del livello di output economico degli stati nazionali? La questione sul perché alcuni Stati siano ricchi, mentre altri siano poveri, è una domanda che ha tormentato gli economisti almeno sin dal 1776, quando Adam Smith scrisse An Inquiry into the Nature and Causes of the Wealth of Nations. Alcuni Stati, nonostante siano dotati di alti livelli di risorse naturali, vivono una condizione di estrema povertà (ad esempio i paesi dell‘Africa Sub-Sahariana) mentre altri, con livelli più scarsi di risorse (come Hong Kong), prosperano. La comprensione di come la proprietà privata e la libertà economica permettano alle persone di organizzare le proprie attività nell‘ambito dello scambio e del commercio, da cui ricavano vantaggi reciproci, ci consente di avere delle buone indicazioni su quanto l‘ambiente istituzionale sia necessario allo sviluppo e alla prosperità. Il collegamento fra democrazia e sviluppo economico è stato studiato sia da scienziati ―politici‖ che da economisti, con differenti interpretazioni della questione, e diverse prospettive d‘approccio ad essa. L‘intento di questo lavoro è di analizzare alcuni degli aspetti più importanti della relazione democrazia-crescita prendendo spunto dall‘analisi degli studi empirici e teorici sull‘argomento. Sarà necessario, prima di tutto, chiarire a livello tassonomico cosa si intende per sviluppo economico e per forme di democrazia, volgendo l‘attenzione soprattutto ai concetti di ―diritti di proprietà‖, ―rule of law‖ e istituzioni statali e alle diverse configurazioni che i sistemi economici assumono in relazione al variare delle suddette caratteristiche. Viene proposta, innanzitutto, una definizione ampliamente condivisa di quello che è il concetto di democrazia, facendo riferimento all‘evoluzione storica di

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi