Skip to content

Risk Management: strategie innovative per la gestione del rischio nelle organizzazioni sanitarie

Informazioni tesi

  Autore: Paolo Onesti
  Tipo: Tesi di Master
Master in Medicina legale e funzioni peritali in ambito giudiziale
Anno: 2009
Docente/Relatore: Paola Zoccoli
Istituito da: Università Telematica Pegaso
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 71

Il Risk Management è un processo decisionale che coinvolge considerazioni di ordine politico, sociale, economico e tecnico, mediante una ponderata analisi e valutazione dei rischi. Secondo una corretta e moderna interpretazione, è una procedura finalizzata al miglioramento della qualità e lo studio degli eventi indesiderati è uno strumento utile a promuovere l’approccio al “litigation management” (gestione del contenzioso).

I vantaggi dell’adozione delle procedure di Risk Management sono numerosi:

• una maggiore efficacia della programmazione;
• un’efficiente ed efficace erogazione delle prestazioni ed allocazione delle risorse;
• un elevato standard delle prestazioni, orientate al cliente e di responsabilità nel'organizzazione;
• creatività e innovazione organizzativa;
• miglioramento della capacità competitiva e del morale dell'organizzazione;
• flessibilità nella gestione degli obiettivi;
• trasparenza nel processo decisionale.

Analizzando la genesi di un incidente, prendendo in considerazione tutti gli eventi, gli errori, i deficit che lo hanno generato, ci si accorge che la maggior parte delle cause sono dovute all’uomo, ma solo una piccolissima parte di esse è rappresentata da un vero e proprio errore umano.

Nella maggior parte dei casi, infatti, si tratta di problemi di manutenzione o di decisioni manageriali errate, o di sistemi di comunicazione inefficaci. Raramente gli incidenti sono stati causati da un unico errore, umano o tecnologico, più spesso essi sono il frutto di una concatenazione di errori ed eventi e l’operatore, responsabile dell’errore finale, non è altro che l’ultimo anello di questa catena.

È di importanza evidente che le Aziende Sanitarie possano dimostrare il proprio impegno, far conoscere le azioni intraprese e documentare i risultati ottenuti. Ciò infatti ha notevoli ripercussioni a diversi livelli dell’azione interna di governo aziendale :

• motiva il personale e ne conferma l’ impegno ad adottare metodi e strumenti per rendere più sicuro l’ambiente di erogazione delle cure di cui ha responsabilità o in cui opera;
• mantiene l’attenzione del sistema organizzativo alle esigenze di un’appropriata, ragionevole, conforme attività clinica;
• crea l’opportunità di contenere i danni economici degli eventi sfavorevoli e gli esborsi per la loro prevenzione;
• nei confronti dell’ambiente esterno ha effetti sui pazienti e sui cittadini in generale in quanto trasmette fiducia, immagine e reputazione positiva.

Un riscontro alle azioni intraprese viene ottenuto dalle Aziende attraverso l’istituto dell’accreditamento. Tale verifica verrà condotta attraverso una specifica lista di controllo che esplora gli aspetti fondamentali dell’approccio alla gestione del rischio clinico e alcuni aspetti riferibili alle aree giuridico-amministrative, applicabili alla gestione del rischio tout court.

I sistemi di valutazione della performance dovranno inoltre individuare gli indicatori utilizzabili per analisi più aggregate; la promozione della cultura della sicurezza e le competenze per l’adozione dei nuovi strumenti necessitano di azioni formative coerenti e consistenti.

Si aggiunge inoltre la necessità di sviluppare percorsi specifici di consapevolizzazione sul tema generale della sicurezza in sanità e di addestramento all’uso di strumenti specifici. Particolarmente efficace è l’utilizzo di iniziative di formazione sul campo. Si individuano inoltre come specifici campi di sviluppo delle competenze l’approccio ai percorsi di team building e di rafforzamento delle competenze di gestione delle crisi.

Alcuni temi attualmente oggetto di attenzione o che coinvolgeranno in futuro le Aziende sono :

• lo sviluppo della sicurezza attraverso l’implementazione di strumenti informatizzati in grado di garantire la tracciabilità di prodotti quali farmaci, sangue, dispositivi biomedici;
• l’avvio del sistema rapido di segnalazione di eventi infettivi epidemici o sentinella, e la produzione di linee di indirizzo organizzative per la gestione delle infezioni da struttura;
• lo sviluppo di procedure madri in campi poco presidiati (quali gestione del caso o gestione del processo clinico di utilizzo dei farmaci);
• l’introduzione o il rafforzamento nelle Aziende della competenza dello studio delle cause degli incidenti, della mediazione del conflitto e della conciliazione, e la valutazione del loro impatto organizzativo, attraverso professionisti adeguatamente formati quali infermieri con competenze in specifici settori di medicina legale ed infermieristica forense;
• il monitoraggio e la diffusione di buone pratiche la cui efficacia nella prevenzione del rischio risulti documentata;
• l’arricchimento del materiale per la formazione e l’informazione;
• il coinvolgimento dei cittadini e degli utenti nel processo di gestione del rischio;
• lo sviluppo di format per la valutazione/autovalutazione del raggiungimento dei risultati stabiliti, integrata nel processo di accreditamento.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il motto “primum non nocere” è il fondamento della deontologia sanitaria (infermieristica e medica), e la sorveglianza del rischio clinico è sempre presente nella pratica professionale. Attenzione e interventi per la prevenzione degli incidenti, degli eventi avversi e dei danni sono contestuali alla nascita dell’attività sanitaria stessa. Quando si parla di “gestione del rischio” nelle strutture sanitarie si intende il metodo con cui si affronta in modo sistematico la sicurezza. Ciò richiede la creazione di un ambito di governo dei rischi costituito da un sistema di valori e risorse, norme, procedure, comportamenti codificati e informazioni volto a limitare o eliminare i pericoli comunque presenti, in primis quelli legati all’erogazione delle cure. Si tratta di un approccio gestionale globale alla sicurezza (safety) che comprende e tende ad integrare sia aspetti statici e dinamici (definiti rispettivamente da requisiti strutturali ed organizzativi) sia le modalità di controllo degli eventi avversi (connessi a farmaci, infezioni nosocomiali, complicazioni post-chirurgiche), come tradizionalmente affrontate in ambito clinico ed in riferimento ai pazienti. L’identificazione del rischio clinico è il primo passo del processo che porta a migliorare la sicurezza dei pazienti. Ciò deve avvenire, tuttavia, in un contesto metodologico ampliato, con strumenti orientati ad allargare il campo di osservazione /azione per l’apprendimento e l’adozione di pratiche efficaci. Vengono quindi proposte azioni di governo attraverso le quali è possibile prevenire gli errori e gli incidenti. «Per

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

118 gecav bologna soccorso
accreditamento
audit clinico
consulente tecnico d'ufficio
coordinamento
ctu
evoluzione professionale
funzioni peritali
gestione dei rischi
incident reporting
infermiere forense
infermieristica
infermieristica forense
innovazione tecnologica
la failure mode and effect analysis (fmea/fmeca)
linee guida
medicina
medicina legale
onesti paolo
organizzazione
paolo onesti
risk management
root cause analysis
telemedicina

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi