Skip to content

La filiera produttiva di uno spettacolo televisivo. Caso di studio “Zelig”

Informazioni tesi

  Autore: Giulio Iacobellis
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Economia
  Corso: Marketing e comunicazione
  Relatore: Luca Petruzzellis
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 66

La tesi vuole individuare la filiera produttiva di uno spettacolo televisivo, disegnandone le caratteristiche, le figure di responsabilità, le varie fasi che le idee dei creatori attraversano prima di essere messe in pratica sullo schermo e le regole tecniche o normative che regolano il funzionamento di una produzione televisiva.
La filiera industriale è l’insieme delle fasi del processo di produzione che va dalle materie prime fino ad arrivare alla soddisfazione del bisogno del cliente finale sia questo un bene materiale o un servizio.
E' inoltre composta da una serie di imprese che si caratterizzano come clienti o fornitori in base alla loro posizione a monte o a valle rispetto alle altre imprese. L’impresa perciò necessariamente si deve confrontare rispetto alla domanda con i suoi clienti diretti e con i clienti dei suoi clienti diretti, e i vari livelli della catena di produzione si influenzano l’un l’altro.
La filiera è perciò composta da una serie di figure con responsabilità legate alla fase della produzione in cui operano e che si caratterizzano in base alla loro posizione a monte o a valle rispetto alle altre figure di responsabilità. Ogni ruolo necessariamente si deve confrontare con gli altri livelli della catena di produzione in quanto si influenzano l’uno con l’altro1.
Il prodotto televisivo è particolare, in quanto intangibile è di certo un servizio ed essendo un bene culturale potrebbe essere un bene speciale2.
I beni speciali sono prodotti spesso di marca per i quali il consumatore è preparato a fare uno sforzo significativo, rifiuterà altre marche e sarà disposto a viaggiare. I prodotti televisivi potrebbero anche essere beni ad acquisto ponderato, quando lo spettatore prima di effettuare la scelta del canale vaglia bene determinate caratteristiche.3 Quindi in questo caso lo spettatore vaglierà attentamente le trasmissioni disponibili e sceglierà, ad esempio, in base al suo stato d'animo in quel momento.
In questo contesto si fa riferimento all'impresa televisiva come un'azienda operante in un settore di servizi la cui attività in senso stretto è rappresentata dalla costruzione del palinsesto e consiste, pertanto, nel disporre in successione un insieme di programmi, di una certa durata, all'interno di un intervallo temporale, secondo una logica e un ordine determinati.
Per reperire adeguate informazioni sul caso di studio, in modo da poter disegnare la filiera della produzione Zelig, ho trascorso alcuni giorni sul set allestito nel teatro Arcimboldi a Milano, dal quale è andata in onda la prima puntata della stagione 2007/08. Ho avuto modo, così, di conoscere l'ambiente e l'atmosfera nei quali un prodotto televisivo viene “assemblato”.
Per avere informazioni più specifiche sulle figure di responsabilità che costituiscono la filiera, ho elaborato un questionario di circa 14 domande per ogni tipologia di mansione.
Le mansioni sono state individuate con la definizione di artista in senso largo, in base alla classificazione del lavoro svolto.
Con artista si indica generalmente una persona la cui attività si esprime nel campo dell'arte.
Nel senso più ampio l'artista è una persona che esprime la sua personalità attraverso un mezzo che può essere un'arte figurativa o performativa. La parola viene usata anche come sinonimo di creativo. In base a questa definizione chiunque svolge una mansione in uno spettacolo televisivo può essere definito artista in quanto è parte integrante di quel processo che provvede alla produzione e distribuzione del prodotto artistico.
Infine è stato richiesto agli intervistati di correggere il diagramma della filiera produttiva adattata ad uno spettacolo televisivo, in modo tale che l'esperienza acquisita nello svolgimento del proprio lavoro potesse darle una configurazione più pratica e maggiormente specifica rispetto al caso Zelig.
In base al diagramma di una filiera industriale, le materie prime attraversano un serie di fasi interne ed esterne all'azienda mediante le quali diventano prodotto finito. Analogamente, le idee dei creatori di Zelig finiscono per diventare il prodotto artistico consumato dai clienti, quali i telespettatori.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione La tesi vuole individuare la filiera produttiva di uno spettacolo televisivo, disegnandone le caratteristiche, le figure di responsabilità, le varie fasi che le idee dei creatori attraversano prima di essere messe in pratica sullo schermo e le regole tecniche o normative che regolano il funzionamento di una produzione televisiva. La filiera industriale è l’insieme delle fasi del processo di produzione che va dalle materie prime fino ad arrivare alla soddisfazione del bisogno del cliente finale sia questo un bene materiale o un servizio. E' inoltre composta da una serie di imprese che si caratterizzano come clienti o fornitori in base alla loro posizione a monte o a valle rispetto alle altre imprese. L’impresa perciò necessariamente si deve confrontare rispetto alla domanda con i suoi clienti diretti e con i clienti dei suoi clienti diretti, e i vari livelli della catena di produzione si influenzano l’un l’altro. La filiera è perciò composta da una serie di figure con responsabilità legate alla fase della produzione in cui operano e che si caratterizzano in base alla loro posizione a monte o a valle rispetto alle altre figure di responsabilità. Ogni ruolo necessariamente si deve confrontare con gli altri livelli della catena di produzione in quanto si influenzano l’uno con l’altro1. Il prodotto televisivo è particolare, in quanto intangibile è di certo un servizio ed essendo un bene culturale potrebbe essere un bene speciale2. I beni speciali sono prodotti spesso di marca per i quali il consumatore è preparato a fare uno sforzo significativo, rifiuterà altre marche e sarà disposto a viaggiare. I prodotti televisivi potrebbero anche essere beni ad acquisto ponderato, quando lo spettatore prima di effettuare la scelta del canale vaglia bene determinate caratteristiche.3 Quindi in questo caso lo spettatore vaglierà attentamente le trasmissioni disponibili e sceglierà, ad esempio, in base al suo stato d'animo in quel momento. In questo contesto si fa riferimento all'impresa televisiva come un'azienda operante in un settore di servizi la cui attività in senso stretto è rappresentata dalla costruzione del palinsesto e consiste, pertanto, nel disporre in successione un insieme di programmi, di una certa durata, all'interno di un intervallo temporale, secondo una logica e un ordine determinati. Per reperire adeguate informazioni sul caso di studio, in modo da poter disegnare la filiera 1 J.J. Lambin, Il marketing strategico e operativo, McGraw Hill, 2004, Milano, pag.156 2 F. Colbert, “Il marketing dell'arte e della cultura”, Etas, Milano, 2000, pag.193 3 P. Kotler, G. Armstrong, Principi di marketing, Pearson, 2006, Milano, pag.286

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi