Skip to content

Le malattie di una società pericolosa - Percezione del rischio e Aids in un quartiere a luci rosse di Shanghai

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Zoccatelli
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi Ca' Foscari di Venezia
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Antropologia culturale ed etnologia
  Relatore: Gianluca Ligi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 305

Basandosi su un’etnografia condotta nell’area di Shanghai tra ottobre 2008 e maggio 2009, questa tesi si prefigge lo scopo di indagare il ruolo centrale dei processi socio-culturali nell’influenzare la percezione del rischio di contagio da AIDS e altre malattie a trasmissione sessuale in una moderna metropoli della Cina contemporanea. Al centro dell’analisi sono posti i discorsi formulati, a livelli diversi, attorno alla malattia: le iniziative ufficiali adottate dal governo centrale di fronte al costante aumento di trasmissioni, le parole dei medici e dei pazienti dell’ “Ospedale per le Malattie Contagiose della città di Shanghai” e, soprattutto, il punto di vista delle persone che vivono e lavorano nel quartiere a luci rosse del distretto urbano di Luwan, costituiscono lo spunto per indagare in azione i concetti e i temi fondamentali della riflessione antropologica sulla costruzione sociale del rischio.
I contenuti della tesi si articolano in quattro capitoli strutturati come segue:

1- Presentazione del problema e del tema chiave della vulnerabilità sociale, applicato allo specifico contesto della trasmissione dell’AIDS. Storia della diffusione del contagio in Cina. Analisi delle prime iniziative ufficiali per contrastarne la propagazione e del loro ruolo nella costruzione di un’immagine condivisa della malattia.
2- Problematizzazione del concetto di “gruppo a rischio” riferito alle prostitute cinesi di area metropolitana. Esame della struttura generale del fenomeno prostituzione in Cina. Presentazione della struttura e delle attività del quartiere a luci rosse di Luwan, nel centro di Shanghai. Riflessioni sull’immagine della prostituta e sul ruolo riconosciutole nelle dinamiche di trasmissione dell’AIDS; introduzione del concetto antropologico di blaming.
3- Analisi di alcune parole chiave nella costruzione del rischio di contagio in Cina (kaifang, “apertura”, luan, “disordine”); indagine dell’interazione fra i piani di spiegazione morale e bio-medica circa la trasmissione dell’AIDS. Riflessione sulle sue ripercussioni in ambito di prevenzione.
4- Ruolo della stigmatizzazione di AIDS e malattie a trasmissione sessuale; esame delle scelte di cura possibili, presentazione e struttura dell’ “Ospedale per le Malattie Contagiose della città di Shanghai”. Analisi della figura del malato (discorsi e testimonianze). Approfondimento del concetto di disonore associato all'infezione da HIV.

In appendice sono riportati i testi integrali, in originale e in traduzione, delle interviste registrate durante l’etnografia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
154 CONCLUSIONE Prima di partire per il campo, non avevo mai dato particolare credito ai discorsi che dipingevano l’antropologia come un mestiere, basato sul fare, prima ancora che sul pensare. L’immagine dell’antropologo-carpentiere, impegnato a costruire sulla propria esperienza le basi delle teorizzazioni che andava proponendo, mi aveva sì affascinato, facendo in modo che mi avvicinassi a questa disciplina, ma rimaneva comunque qualcosa di epico, distante e in qualche modo eccessivamente romantico per i miei gusti. Quando è arrivato il momento di stendere il mio progetto di ricerca, da persona pragmatica, quale sono, mi sono impegnata a disegnare profili ben concreti per il lavoro che avrei successivamente svolto: dopo aver studiato molto, ho elaborato un piano da seguire, degli argomenti da toccare, un’ipotesi da dimostrare e delle domande predisposte per raggiungere il mio scopo. Nel farlo, non avevo lasciato molto spazio al poetico artigiano di cui avevo letto nei libri, impegnato a scolpire la propria etnografia nella relazione dialogica e di scambio fra sé e il proprio campo. Preferivo pensare che, armata di una buona teoria, la pratica non avrebbe potuto fare altro se non assecondare le ottime idee che ritenevo di avere. Una volta arrivata in Cina, mi sono bastati pochi giorni per cogliere l’ingenuità di questo mio atteggiamento: oltre all’infinita serie di problemi burocratici e logistici che mi trovavo di continuo a dover risolvere, niente, sul campo, si presentava dotato della linearità che mi ero prefigurata e nulla, nel materiale che andavo accumulando, mi sembrava in grado di poter confluire entro un quadro teorico dotato di una qualche

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi