Skip to content

Verso un mondo nuovo. Esperienze e riflessioni in Danilo Dolci.

Informazioni tesi

  Autore: Laura Gadducci
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2007-08
  Università: Università degli Studi di Pisa
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filosofia
  Relatore: Paola Bora
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 52

Tesi su Danilo Dolci: vita e opere, la maieutica socratica e la maieutica di Danilo Dolci, Danilo Dolci e il pensiero complesso o terzo pensiero.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Capitolo primo: il mondo atomico. Danilo Dolci Nato a Sesana (Trieste) nel 1924 1 , Danilo Dolci fa parte della generazione maturata nel post- guerra e viene inserito nella lunga lista di poeti appartenenti alla corrente neorealista 2 . In realtà, risulta molto difficile inscriverlo in una qualche corrente, sia perché in Italia la poesia degli anni '50 e '60 tende sempre di più nel tempo a svincolarsi da possibili canoni precedenti, senza tuttavia crearne di nuovi, sia perché Dolci si distacca per molti aspetti dalla generazione neorealista. Viene collocato in essa sulla base di coincidenze cronologiche e di affinità tematiche, ma l'originalità del suo pensiero lo rende svincolato da possibili cornici. Ciò che maggiormente lo contraddistingue, è il suo rifiuto di concepire l'intellettuale distaccato osservatore e critico dei fatti, slegato dall'uomo d'azione che decide e opera di conseguenza 3 . Nella vita infatti non fu solo poeta, ma “educatore, attivista nonviolento, protagonista di storiche battaglie per la democrazia e contro ogni mafia, e qualsiasi definizione rischia di illuminare solo in parte una della vicende più rigorose, intense, originali del nostro secondo Novecento.” (Raimondo Di Maio). L'originalità di Dolci sta quindi nell'essere riuscito a fare della vita una poesia continua, nei fatti e nell'azione prima che nella parola. La sua vita, intensa di episodi di importanza non solo nazionale ma mondiale, non può non legarsi al suo pensiero, né questo prescindere da essa. Sarebbe quindi opportuno, prima di affrontare le sue tematiche, illustrarne il percorso, ma per motivi di spazio verranno trattati in questa sede solo i fatti più rilevanti ai fini degli argomenti scelti: la sua formazione “autodidatta”, alcune delle iniziative da lui operate, e i libri scritti nelle occasioni menzionate. Danilo Dolci nasce a Trieste, ma il lavoro del padre ferroviere porta la famiglia a spostarsi in Lombardia, dove completerà il suo percorso scolastico: a Pavia frequenta l'Istituto tecnico inferiore come geometra, e a diciotto anni consegue la maturità artistica al Brera, a Milano. La sua famiglia è il primo ambiente in cui si possono trovare le radici del pensiero dolciano: il padre è un capostazione, nato a Brescia e dalle idee laiche, la madre invece è slava e molto legata alla Chiesa. Fra i nonni di Dolci, uno è tedesco 4 . Questa fusione di più culture caratterizza, assieme ai continui spostamenti dovuti al lavoro del padre, la formazione di Danilo, e contribuisce allo sviluppo di tratti peculiari e costanti nella sua personalità, come la 1 Aldo Capitini, Danilo Dolci, Lacaita, Manduria, 1958, cit. pg. 31 2 Adriana Chemello, La parola maieutica, Vallecchi, Firenze, 1988. cit. Introduzione 3 Giuseppe Barone, La forza della nonviolenza, Dante & Descartes, Napoli, 2000, Dedica di Noberto Bobbio. 4 Antonino Mangano, Danilo Dolci educatore, Cultura della Pace, Firenze, 1992. Nota bio-bibliografica a cura di Carmela Maiorana

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

aldo capitini
anti- mafia
complessità
comunicazione
comunicazione nonviolenta
danilo dolci
educazione
fofi
gandhi
impegno sociale
mafia
maieutica
morin
nonviolenza
pace
pedagogia
pensiero complesso
poesia
premio nobel
rivoluzione
scienza complessità
sicilia
verso un mondo nuovo
vita e opere

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi