Skip to content

Il personaggio-oggetto. Estetica e etica nel cinema di Marco Ferreri.

Informazioni tesi

  Autore: Damiano Brogna
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: DAMS -Cinema, televisione e produzione multimediale
  Relatore: Stefania Parigi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 138

Marco Ferreri è sempre stato identificato come il regista della provocazione e dello scandalo, l’uomo capace all’uscita di ogni nuova opera, fin da L’Ape Regina, di infuocare il pubblico e di dividere le masse tra applausi e insulti. Ma quando lo scandalo visionario è entrato nella quotidianità del mondo postmoderno (perdendo in pratica la sua natura offensiva), Ferreri è stato ritenuto sorpassato ed inattuale, dimenticando che la sua vera provocazione era soprattutto nella ricerca linguistica-espressiva, nella costruzione di una nuova realtà visiva, basata sulla natura concreta del corpo contemporaneo, e solo in seconda battuta veicolo di scandali pubblici e atti sociali, tra censure, manifestazioni, dichiarazioni accese.
L’elemento centrale di discussione di questo lavoro, riportato anche nel titolo, è il personaggio-oggetto, strumento narrativo e strutturale scelto come cardine dei racconti ferreriani. Derivato dalla tipologia classica del “protagonista” del racconto, il personaggio, nell’universo postmoderno disegnato da Ferreri, perde il suo valore identitario di soggetto per diventare il luogo ibrido dove converge l’organico e l’inorganico, la materia e l’immagine, l’attore e il personaggio. Da elemento narrativo si trasforma in elemento simbolico e cromatico, visivo: un radicale cambiamento di “linguaggio” – fortemente legato alle modalità espressive delle neoavanguardie artistiche – che fa di Ferreri un autore particolarmente innovativo e originale sia in ambito nazionale, sia in ambito internazionale, o quantomeno europeo.
L’analisi del personaggio scivola facilmente nell’analisi del mondo visivo ferreriano, nella riflessione sul valore dello sguardo postmoderno e antiretorico del regista, grottesco e kitsch, tuttavia incapace di liberarsi dalla concretezza documentaria della materia.
Quasi a conclusione di un percorso ciclico, l’analisi testuale riconduce all’interpretazione di alcuni temi classici ferreriani, rimarcando l’assoluta convergenza tra pensiero etico dell’autore e linguaggio con cui si esprime: i due elementi appaiono assolutamente indissolubili e indispensabili uno all’altro.
La vera provocazione di Ferreri si manifesta nelle sue immagini e nel suo linguaggio prima ancora che nelle sfide ai costumi e alle morali della vita ordinaria. E’ attraverso la costruzione delle prospettive e delle linee di fuga in cui il personaggio tenta di affermarsi e identificarsi che dobbiamo leggere la lotta dell’uomo contro le forze che in un parossismo grottesco tentano di dissolverlo: la realtà virtuale delle immagini riprodotte, gli istituti della religione, l’inafferabilità del Corpo, inteso come Natura.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione La scarsità di studi specifici sul cinema e sulla figura di Marco Ferreri rappresenta indubbiamente una grave lacuna nel panorama della critica cinematografica. Esistono soprattutto delle grosse falle esegetiche circa la tarda produzione ferreriana, a partire degli anni ’80, dalle storie “femminili” alle storie senza storia (Diario di un vizio e Nitrato d’Argento), che hanno visto un quasi completo abbandono di interesse da parte della critica, i cui motivi sono ancora da decifrare con esattezza . Marco Ferreri è sempre stato identificato come il regista della provocazione e dello scandalo, l’uomo capace all’uscita di ogni nuova opera, fin da L’Ape Regina, di infuocare il pubblico e di dividere le masse tra applausi e insulti. Ma quando lo scandalo visionario è entrato nella quotidianità del mondo postmoderno (perdendo in pratica la sua natura offensiva), Ferreri è stato ritenuto sorpassato ed inattuale, dimenticando che la sua vera provocazione era soprattutto nella ricerca linguistica-espressiva, nella costruzione di una nuova realtà visiva, basata sulla natura concreta del corpo contemporaneo, e solo in seconda battuta veicolo di scandali pubblici e atti sociali, tra censure, manifestazioni, dichiarazioni accese. Questo fraintendimento, che solo in tempi relativamente recenti viene giustamente posto all’attenzione della critica, fa sì che alla ristrettezza di studi critici approfonditi (soprattutto italiani e francesi, in maniera considerevole “dispersi” sotto forma di brevi saggi e articoli sulle riviste specializzate) corrisponda la necessità per ogni nuova ricerca di allargare la propria area di indagine, cercando di riassumere e di aggiustare le varie analisi già condotte, per trovare delle basi scientifiche di partenza e allo stesso tempo per dotarle di nuove applicazioni, per introdurle in nuovi scenari. Questo lavoro si è sviluppato sostanzialmente sotto questa ottica. Il suo elemento centrale di discussione, riportato anche nel titolo, è il personaggio- oggetto, strumento narrativo e strutturale scelto come cardine dei racconti ferreriani. Derivato dalla tipologia classica del “protagonista” del racconto, il

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

cinema del '68
cinema italiano
cinema transnazionale
critica cinematografica
estetica
gerard depardieu
grottesco
marcello mastroianni
marco ferreri
maschera
organico
postmoderno
raphael azcona
ugo tognazzi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi