Skip to content

La moda italiana nel cinema. Dal ventennio fascista alla dolce vita.

Informazioni tesi

  Autore: Paola Ferraro
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: intefacoltà con economia
  Corso: Scienze e tecnologie delle arti figurative, musica, spettacolo e moda
  Relatore: Cinzia Capalbo
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 108

Durante il mio percorso di studi mi sono trovata a studiare il linguaggio e l’importanza della moda nella nostra società.
Il cinema, come altri mezzi di comunicazione, ha sempre creato ed enfatizzato i fatti di costume, modificando il clima culturale di ogni epoca e conseguendo un enorme successo di pubblico. Il cinema, infatti, è un potente strumento di suggestione, disponendo di memorie e fascinazioni appartenute ad altri settori, ad altre gesta, ad altre epoche. Il cinematografo è, proprio per questo, fortemente legato al mondo della moda.
Moda e cinema, sono, due linguaggi che interagiscono nella produzione di un senso. Di qui nasce l’idea di questa tesi di laurea che si propone di cogliere il rapporto tra i due linguaggi.
Affrontare per intero il vasto panorama che circonda la Moda ed il Cinema si sarebbe rivelata impresa ardua, tradotta poi in qualcosa di troppo approssimativo. Per questo si è deciso di stringere il campo d’analisi alla relazione tra i due linguaggi nell’Italia fascista, giungendo di seguito sino ai primi anni ’60.
Questa tesi è sviluppata in tre capitoli. Si è diviso il lavoro per epoche storiche, analizzando di seguito il cinema, la moda e l’interazione contigua tra loro.
La prima parte dell’elaborato è dedicata al ventennio fascista: i primi film apparsi sotto la dittatura, convergendo poi verso un breve riassunto dell’industria tessile italiana e della moda negli anni Venti e Trenta. Si passano inoltre in rassegna i titoli dei cosiddetti “Telefoni bianchi”. Il capitolo si chiude con la rassegna delle giovani celebrità dello schermo e con il germe del divismo oramai radicato anche in Italia, sino all’exploit degli anni Trenta, periodo in assoluto di maggiore influsso cinematografico sulla moda.
La seconda parte dell’elaborato è centrata sul dopoguerra, la nascita del Neorealismo ed il miracolo economico italiano degli anni Cinquanta e Sessanta. Il cinema ha spesso raccontato la storia in film che hanno superato le epoche.
Gli anni Cinquanta costituirono il decennio più importante per la trasformazione del paese, del cinema e della moda. Le più famose star di Hollywood giunsero a Roma durante il ribattezzato periodo della ‘Hollywood sul Tevere’, trasformando la città non solo nella capitale del cinema, ma soprattutto della moda. I grandi sarti aprirono i loro atelier nella città eterna, legando i loro nomi alle dive italiane e straniere. Tra i maggiori creatori spiccarono le Sorelle Fontana che, con l’abito nuziale di Linda Christian, modello che più di ogni altro ebbe risonanza nel mondo della moda, diedero inizio al connubio moda - cinema.
L’elaborato si conclude agli albori degli anni ’60 con il film che più di ogni altro ha raccontato il cambiamento dell’Italia durante il Boom: La dolce vita di Federico Fellini.
In omaggio al grande regista si è voluto qui dedicargli una piccola biografia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
La moda italiana nel cinema: dal ventennio fascista alla dolce vita 3 INTRODUZIONE

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alida valli
cinecittà
cinema
cinema moda
dive
divismo
fascismo
fellini
futurismo
giorgini
hollywood sul tevere
industria tessile
lollobrigida
loren
maggiorate
mangano
moda
moda e costume
sala bianca
sorelle fontana
telefoni bianchi

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi