Skip to content

Il romanzo secentesco e i suoi generi testuali: analisi del "Cordimarte" di G. Artale

Informazioni tesi

  Autore: Sonia Baglieri
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Filologia moderna
  Relatore: Gabriella Alfieri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 284

Il presente lavoro propone lo studio e l’analisi di uno dei generi letterari più diffusi del Seicento: il romanzo. In particolare la ricerca di carattere tipologico-testuale è stata condotta su Il Cordimarte di Giuseppe Artale con il fine di individuare all’interno dell’opera artaliana tutti i tipi e sottotipi testuali in essa contenuti. Il presupposto di tale studio è la consapevolezza ormai assodata che il romanzo secentesco possa essere considerato un ipertesto di cui gli scrittori del secolo si servirono per manifestare al massimo la propria libertà d’espressione. Il romanzo barocco si configura pertanto come genere assolutamente aperto a tutte le altre forme letterarie narrative e poetiche e di sicuro interesse per gli studi critici letterari e linguistici.
Nel primo capitolo – dopo un breve quadro riassuntivo del panorama letterario e linguistico del Seicento che tocca tutti gli ambiti letterari: dal narrativo al poetico al teatrale al saggistico – tale peculiarità verrà descritta e analizzata. Il capitolo presenta inoltre un breve profilo biografico dell’autore.
Nel secondo capitolo si affronta l’analisi del Cordimarte, mentre nel terzo capitolo vengono esposti i risultati dell’analisi condotta in prima istanza sui livelli linguistici di grafia, morfologia, sintassi e lessico, mettendo in evidenza correzioni e cambiamenti che l’autore apporta al testo nel corso della revisione della prima stampa del romanzo che viene ripubblicato circa un ventennio dopo. Infine è stata condotta anche un’analisi stilistica e tipologica sul testo come contenitore di generi testuali. Il lavoro di analisi è stato svolto su un campione di 150 pagine corrispondenti al Libro I e al Libro V della prima edizione del romanzo (1660).
I risultati della ricerca dimostrano che Artale non può essere annoverato tra gli autori linguisticamente più originali e innovatori della lingua, come i toscani, ma che, come è plausibile, nelle sue posizioni si possa riscontrare l’atteggiamento linguisticamente conservatore tipico degli autori non toscani. Questo si evidenzia in particolare nella struttura sintattica del romanzo, ancora fortemente latineggiante e complessa, composta da un periodare ampio e articolato, in contrasto con la tendenza di fine secolo alla brevità e alla linearità sintattica. Allo stesso modo, sono arcaizzanti la grafia e, sebbene in minor misura, la morfologia che saranno oggetto di revisione in direzione più attuale e moderna nella quinta impressione dell’opera, datata 1679. Il lessico è prevalentemente aulico e ricco di latinismi; sono attestati anche molti arcaismi, a cui però si affiancano anche diversi colloquialismi.
Va rilevata la presenza ridottissima, su tutti i piani linguistici di sicilianismi, che saranno ulteriormente ridotti nell’edizione del 1679.
Andrà infine ricordato che il genere romanzesco eroico-cavalleresco a cui il romanzo Il Cordimarte appartiene era certamente molto praticato e di gran voga nella prima metà del Seicento e che si esaurisce proprio con Artale che ne esaspera lo stile e la struttura narrativa. L’analisi stilistica infatti ha messo in rilievo un ampio ricorso a diversi istituti retorici quali metafore iperboli, iperbati e anastrofi e a numerosi paragoni mitologici. Non mancano infatti giochi di parole, antitesi, metonimie e sineddochi di una certa originalità.
Infine, i risultati dell’analisi tipologico-testuale mettono in evidenza i diversi sottotipi testuali che si possono rinvenire nel romanzo: quello epistolare, quello profetico-oracolare e quello erotico-avventuroso, mentre alcuni brani rimandano all’oratoria forense, alla letteratura di viaggio, e sono presenti anche inserti lirici in versi. Interessante risulta la struttura “a scatola cinese” delle sequenze: le più lunghe (anche decine di pagine) sono prevalentemente diegetiche ma in forma narrativa e in quanto tali contengono al proprio interno altre sequenze diegetiche, sequenze descrittive e persino epistole e sequenze riflessive nella forma del monologo o del soliloquio.
L’Artale dunque merita attenzione, al contrario di chi ritiene l’autore uno dei peggiori scrittori secenteschi privo di qualsiasi valore artistico.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
C API T O L O 1 G IUSEPPE A R T A L E E L A L IN G U A D E L R O M A N Z O SE C E N T ESC O la diversità dello stile, più che da quella delle cose. Torquato Tasso 1.1 Il panorama linguistico- XVII secolo Il Seicento è stato uno dei secoli di maggiore crisi nella storia sociale e culturale secoli successivi, denigrato come il secolo dei pasticci (nel vero senso della parola) artistici e letterari, additato come il secolo della crisi dei valori religiosi, culturali, sociali di una tradizione classica, cattolica e rinascimentale ormai completamente in declino. È il secolo delle antitesi per eccellenza: della razionalità e della meraviglia; più assoluta e della censura più rigorosa: Come tutti i secoli, forse più di ogni altro il Seicento può offrirsi a chi lo guardi in e danno spazio alla luce, ma questa stessa luce può rovesciarsi in forme di tenebre. Guerre feroci, pestilenze, superstizioni, caccia alle streghe, inquietudini violente di pensiero e di comportamento, repressioni durissime o astutamente dissimulate e protratte, soffocano iniziative di gruppi e di persone. Il brillare delle feste, il fasto delle corti e degli spettacoli, il sorgere di città o di residenze volute e predisposte, la Roma barocca e Versailles, velano, Seicento è un secolo di revisione e di analisi: definire un diverso e nuovo rapporto col passato e con la tradizione è tema e problema continuo. Nella letteratura come nella filosofia, nella 1 scienza come nelle arti figurative, in misura e con fini diversi prevale la ricerca del nuovo. Difficile racchiudere tutte queste realtà in una parola, eppure la critica storica, letteraria, artistica un termine lo ha trovato: barocco. Tutti questi grandi e piccoli avvenimenti, questa ricerca del nuovo e della rottura con il vecchio sono inquadrati in un periodo storico molto travagliato: basti pensare alla sempre più forte e imponente presenza della Roma papale e della soffocante dominazione straniera nel                                                                                                                       1  Vares   C.,   ,               ,           Me ,  Bu,  Roma,  1985,  .  7 -­‐8;     1     ppinzoloistastalaontirbeilzonamorladtonecetteSlatonecieSladaigolodeieoiggaungilanecSe

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

artale
cordimarte
eroico-cavalleresco
generi testuali
romanzo
seicento
storia della lingua

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi