Skip to content

La musica in MP3: implicazioni e problematiche

Informazioni tesi

  Autore: Lorenzo Cimiraglia
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Discipline dell'Arte, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Giuseppina La Face
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 209

Il primo capitolo è una sorta di introduzione storica mirata ad analizzare il fenomeno della fruizione musicale dalla fine del sec. XIX, fino ai nostri giorni. Tra la fine del XIX e l'inizio del XX sec. comparvero le prime macchine o meccanismi di riproduzione musicale, quali gli organetti a manovella, il fonografo, il grammofono; proprio quest'ultimo ebbe un buon successo commerciale e così cominciò l'era del disco. La fruizione di musica in casa si diffuse anche per merito della radio, negli anni '30, con la radio ed il disco si diffonde il fenomeno di un certo tipo di generi musicali che per la loro vasta diffusione sono detti musica di consumo. A partire dagli anni '60 si ebbe il fenomeno della diffusione del nastro magnetico, per la prima volta la musica può essere prodotta, registrata, copiata e a bassi costi. L'elettronica prima, il mondo del digitale poi, hanno dato l'opportunità di una diffusione su vasta scala di vere e proprie macchine di autoproduzione di musica a livello amatoriale; gli appassionati di musica possono facilmente copiare e scambiarsi la musica dei loro artisti preferiti. Infine attraverso il videoclip, le sigle, la pubblicità, la musica diventa anche un fenomeno visivo e quindi ancora più tattile, carnale, e di consumo.
Il successivo secondo capitolo introduce al mondo della musica utilizzata con la tecnica digitale ed i personal computer; una nuova era della diffusione della musica si ebbe infatti nel corso degli anni '90 con la concomitanza del formato MP3 e la nascita dei siti Internet "fai da te" di distribuzione telematica dei file; nasce così infatti, come fenomeno studentesco nei college delle università del nord america, lo scambiarsi musica in file MP3. Dai college il fenomeno si espanse a macchia d'olio diventando un fenomeno mondiale; le società dei produttori e degli editori ed autori di musica, lamentarono gravi perdite sulle vendite dei cd che venivano prima copiati, e poi distribuiti, illegalmente, da una enorme comunità di amatori e collezionisti di musica. Nel successivo terzo capitolo si descrive come il mondo legislativo si è comportato nei confronti della pirateria su rete Internet, adeguandosi con nuove emanazioni di leggi e nuovi tipi di licenze e permessi o tecniche di protezione anticopia.
Nelle conclusioni ed in appendice nelle letture, vengono riportati i pareri e le opinioni dei vari soggetti impegnati a difendere i diritti d'autore o, al contrario, di coloro che sono per la fine del copyright, visto come un sistema di privilegi che con Internet possono essere benissimo elusi. Infine vengono tracciate le nuove modalità di fruizione musicale con il mezzo computer, la tendenza è quella di accumulare sempre più brani, il collezionismo di ingenti quantità di musica è ora divenuto un fenomeno più diffuso ed accessibile a bassi costi grazie al computer e ad Internet.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Il formato di compressione audio denominato MP3 (abbreviazione dell‘algoritmo di codifica chiamato MPEG-I Layer III) permette di “alleggerire” i file musicali, ovvero di comprimere lo spazio occupato da un brano musicale nella memoria (hard disc) del computer; se prima un minuto di musica registrato nel comune formato chiamato WAV occupava 10MB di spazio su disco, ora la stessa musica viene compressa nel formato MP3 occupando 1/10 circa dello spazio iniziale, conservando una buona qualità sonora comparabile all‘originale. Questo è il principale motivo del successo di questo nuovo formato: mentre prima la scarsità di banda (ovvero la possibilità di trasmissione via cavo) e la limitata capienza degli hard disc (stiamo parlando di personal computer comunemente usati dai più) non permettevano all‘utente di caricare i file musicali dalla rete e di memorizzarli, ora, senza bisogno di macchine più potenti, questo è possibile. Un‘altra ragione del successo degli MP3 è il facile utilizzo, molto semplice di per sé e messo (per ora) in concessione (per quanto concerne lo sviluppo dei vari decoder ed encoder freeware1) dai proprietari Fraunhofer and Thomson (uno studio di ricerca tedesco), i creatori dell‘algoritmo di compressione; cosicché è stato possibile che i programmatori potessero elaborare una gran quantità di programmi gratuiti che permettono l‘utilizzo del formato MP3. Il boom è poi scoppiato in concomitanza con il successo 1 Il decoder è lo strumento utilizzato per ascoltare il file compresso, decodificare significa trasformare il file compresso in un segnale audio mentre l'encoder è il codificatore, ovvero (nel nostro caso) lo strumento per comprimere l'audio "grezzo" o "originale" ed editare i file MP3; freeware è il software a distribuzione gratuita.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi