Skip to content

Le alture del Golan nel confronto tra Siria e Israele

Informazioni tesi

  Autore: Giovanni Andriolo
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2008-09
  Università: Università degli Studi di Torino
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Relazioni internazionali
  Relatore: Fabio Armao
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 133

Contrafforte meridionale della catena montuosa dell’Antilibano, le alture del Golan sono un altipiano e una regione montagnosa di carattere vulcanico, coperti da rocce basaltiche, profondamente accidentati da wadi, letti di torrenti ora prosciugati, incastonati tra ripidi versanti che si distendono per 1.800 km2 tra Siria, Israele, Libano e Giordania. Il Golan si presenta approssimativamente di forma ovale, con una larghezza compresa tra i 12 e i 25 km, e una lunghezza massima di 67 km. Se la superficie di questo territorio è quindi estremamente modesta, anche in confronto alla piccola taglia degli Stati che lo circondano, la sua particolare topografia gli conferisce un grande valore strategico. Su un’asse approssimativa Sud-Ovest/Nord-Est, le alture si elevano in modo abbastanza regolare formando una curva convessa fino al massiccio dello Hermon. Ad Ovest, nella parte israeliana, profonde scarpate si introducono con un forte dislivello nella stretta valle di Hula, che fiancheggia il corso superiore del fiume Giordano e del lago di Tiberiade. La linea di rilievo che domina questi spazi si eleva fino ad un massimo di 700 m. Ad oriente, dalla parte siriana, l’altura presenta una pendenza meno accentuata rispetto al versante occidentale, e termina sulla pianura di Hauran, che la separa da Damasco di soli 50 km. Negli altri punti una serie di coni vulcanici si elevano su un’asse Nord-Sud seguendo la linea approssimativa di divisione formata dalle acque del Giordano e del lago di Tiberiade. Queste protuberanze naturali, che arrivano a toccare anche gli 800 m di altezza, non costituiscono degli ostacoli capaci di compromettere un’invasione: infatti, essendo separate da molti chilometri di distanza l’una dall’altra, possono essere facilmente aggirate. Di contro, si possono rivelare preziose in due sensi: innanzitutto possono diventare dei nascondigli per le forze di difesa, da cui è possibile organizzare attacchi di disturbo contro un’invasione nemica; in secondo luogo possono servire come punti di osservazione, soprattutto nel caso in cui vi siano posizionati sistemi di osservazione moderni ed efficaci.
Dal 1967 il nome alture del Golan si riferisce ad un’area di 1.160 km2, equivalente a meno della metà di quella della Valle d’Aosta, che include la parte occidentale dell’altipiano, una piccola parte della valle del fiume Giordano a Nord-Est, e, più in alto, alcune zone montagnose a Nord che discendono verso Sud-Est dal monte Hermon. Le alture del Golan fecero parte del territorio siriano fino al 1967, quando Israele si impadronì della regione durante la guerra dei Sei Giorni. Da quel momento l’area è rimasta sotto occupazione israeliana. Il territorio fu difeso da Israele nel 1973, durante la guerra dello Yom Kippur, sebbene una parte sia stata restituita alla Siria.
Attualmente la Siria continua a domandare la restituzione del territorio, sostenendo che le alture del Golan fanno parte della regione di Quneytra . Mentre fonti israeliane hanno affermato che la popolazione locale sia emigrata, il governo siriano ha denunciato come gran parte dei residenti sia stata espulsa. A partire dal 1970 sono stati costruiti nell’area conquistata nuovi insediamenti israeliani. Israele ha sostenuto il proprio diritto di restare nell’area in base alla Risoluzione n. 242 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite , che richiama a “confini sicuri e riconosciuti, liberi da minacce o atti di forza”. Nel 1981 Israele ha applicato formalmente le sue “leggi, giurisdizione e amministrazione” alle alture del Golan, con l’emanazione della Legge delle alture del Golan . Da allora la zona è stata governata come parte del Distretto Nord di Israele. Questa annessione non è internazionalmente riconosciuta e la Risoluzione n. 242 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite considera l’area come parte dei Territori Occupati israeliani.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
4 La questione delle alture del Golan e il confronto tra Siria e Israele: un’introduzione. La questione delle alture del Golan. Contrafforte meridionale della catena montuosa dell Antilibano, le alture del Golan1 sono un altipiano e una regione montagnosa di carattere vulcanico, coperti da rocce basaltiche, profondamente accidentati da wadi, letti di torrenti ora prosciugati, incastonati tra ripidi versanti che si distendono per 1.800 km2 tra Siria, Israele, Libano e Giordania. Il Golan si presenta approssimativamente di forma ovale, con una larghezza compresa tra i 12 e i 25 km, e una lunghezza massima di 67 km. Se la superficie di questo territorio Ł quindi estremamente modesta, anche in confronto alla piccola taglia degli Stati che lo circondano, la sua particolare topografia gli conferisce un grande valore strategico. Su un asse approssimativa Sud-Ovest/Nord-Est, le alture si elevano in modo abbastanza regolare formando una curva convessa fino al massiccio dello Hermon. Ad Ovest, nella parte israeliana, profonde scarpate si introducono con un forte dislivello nella stretta valle di Hula, che fiancheggia il corso superiore del fiume Giordano e del lago di Tiberiade. La linea di rilievo che domina questi spazi si eleva fino ad un massimo di 700 m. Ad oriente, dalla parte siriana, l altura presenta una pendenza meno accentuata rispetto al versante occidentale, e termina sulla pianura di Hauran, che la separa da Damasco di soli 50 km. Negli altri punti una serie di coni vulcanici si elevano su un asse Nord-Sud seguendo la linea approssimativa di divisione formata dalle acque del Giordano e del lago di Tiberiade. Queste protuberanze naturali, che arrivano a toccare anche gli 800 m di altezza, non costituiscono degli ostacoli capaci di compromettere un invasione: infatti, essendo separate da molti chilometri di distanza l una dall altra, possono essere facilmente aggirate. Di contro, si possono rivelare preziose in due sensi: innanzitutto possono diventare dei nascondigli per le forze di difesa, da cui Ł possibile organizzare attacchi di disturbo contro un invasione nemica; in secondo luogo possono servire come punti di osservazione, soprattutto nel caso in cui vi siano posizionati sistemi di osservazione moderni ed efficaci. 1 Una particolareggiata descizione fisica delle alture del Golan si trova in: W. W. Harris, War and Settlement Change: The Golan Heights and the Jordan Rift, 1967-77, Transactions of the Institute of British Geographers, New Series, Vol. 3, No. 3, Settlement and Conflict in the Mediterranean World (1978).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

acqua
alture del golan
arab
assad
damasco
egitto
giordania
golan
guerra
israele
kippur
libano
medio oriente
onu
quneitra
sei giorni
siria

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi