Skip to content

Il mito di Don Giovanni tra arte e psicanalisi

Informazioni tesi

  Autore: Esther Maurini
  Tipo: Laurea liv.II (specialistica)
  Anno: 2006-07
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Scienze dello spettacolo e della produzione multimediale
  Relatore: Giovanni Guanti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 110

Don Giovanni è un mito senza tempo, estremamente moderno, rielaborato innumerevoli volte in diverse epoche e da differenti personalità artistiche; nasce per il teatro e tocca il suo apice nell’opera musicale mozartiana, connubio perfetto di personaggio intramontabile e musica sublime.
Da allora in poi nessun autore che vorrà cimentarsi con questo mito potrà prescindere dall’”opera delle opere”, che ha affascinato personaggi come il filosofo Kierkegaard, i poeti Byron e Baudelaire e musicisti del calibro di Rossini, Wagner e Čajkovskij (ma anche contemporanei come Umberto Curi o José Saramago, che scrisse un altro libretto sulla base del mito, musicato da Azio Corghi), solo per citarne alcuni tra i tanti.
Il mito di Don Giovanni nasce, come accennato sopra, a teatro, per mano di Tirso De Molina, pseudonimo del frate Gabriel Téllez, che scrive El Burlador de Sevilla y Convitado de piedra durante l’epoca del Siglo de Oro (1630). Questa commedia in versi riunisce sotto la sua egida il piano realistico della commedia di “cappa e spada” e quello fantastico/simbolico del soprannaturale, che racchiude la morale finale.
Paradossalmente è un uomo di chiesa, per di più in un’umile posizione, a regalarci un personaggio intriso d’erotismo che si contrappone all’elemento soprannaturale divino con la sua carica demoniaca. Don Giovanni è l’emblema di una spensierata gioia di vivere, del piacere sensuale, dell’intelligenza strategica messa al servizio degli inganni e del disprezzo verso l’irrazionale (che comprende, naturalmente, anche la sfera del divino).
Questo personaggio è definito “il carattere più teatrale che abbia attraversato la scena spagnola”. Seduttore senza scrupoli, egli fa dell’inganno ai danni delle Donne da lui disonorate un vero e proprio vanto (da qui il titolo di “Ingannatore”). Egli non si cura delle classi sociali: seduce allo stesso modo nobili e plebee, spinto da un desiderio di conquista inesauribile mai sopito.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione Don Giovanni è un mito senza tempo, estremamente moderno, rielaborato innumerevoli volte in diverse epoche e da differenti personalità artistiche; nasce per il teatro e tocca il suo apice nell’opera musicale mozartiana, connubio perfetto di personaggio intramontabile e musica sublime. Da allora in poi nessun autore che vorrà cimentarsi con questo mito potrà prescindere dall’”opera delle opere”, che ha affascinato personaggi come il filosofo Kierkegaard, i poeti Byron e Baudelaire e musicisti del calibro di Rossini, Wagner e Čajkovskij (ma anche contemporanei come Umberto Curi o José Saramago, che scrisse un altro libretto sulla base del mito, musicato da Azio Corghi), solo per citarne alcuni tra i tanti. Il mito di Don Giovanni nasce, come accennato sopra, a teatro, per mano di Tirso De Molina, pseudonimo del frate Gabriel Téllez, che scrive El Burlador de Sevilla y Convitado de piedra durante l’epoca del Siglo de Oro (1630). Questa commedia in versi riunisce sotto la sua egida il piano realistico della commedia di “cappa e spada” e quello fantastico/simbolico del soprannaturale, che racchiude la morale finale. Paradossalmente è un uomo di chiesa, per di più in un’umile posizione, a regalarci un personaggio intriso d’erotismo che si contrappone all’elemento soprannaturale divino con la sua carica demoniaca. Don Giovanni è l’emblema di una spensierata gioia di vivere, del piacere sensuale, dell’intelligenza strategica messa al servizio degli inganni e del disprezzo verso l’irrazionale (che comprende, naturalmente, anche la sfera del divino). Questo personaggio è definito “il carattere più teatrale che abbia attraversato la scena spagnola”. Seduttore senza scrupoli, egli fa dell’inganno ai danni delle Donne da lui disonorate un vero e proprio vanto (da qui il titolo di “Ingannatore”). Egli non si cura delle classi sociali: seduce allo stesso modo nobili e plebee, spinto da un desiderio di conquista inesauribile mai sopito. E se la pastora Aminta commenta il comportamento del seduttore con la frase “la desvergüenza en España se ha hecho cavalleria”, a Donna Isabella Don Giovanni risponde di essere “un hombre sin nombre”, confidando nel fatto che nonostante la sua pessima condotta riuscirà a salvarsi l’anima facendo appello all’espediente del pentimento un attimo prima della fine. Ma in piena epoca di Controriforma ciò non sarà possibile, e Don Giovanni finirà all’inferno per mano del convitato di pietra Don Gonzalo, intermediario divino da lui ucciso mentre cercava di soccorrere la figlia sul punto di essere sedotta dal libertino.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

amadeus
arie
commendatore
da ponte
dissoluto
don giovanni
dongiovanni
donna anna
donna elvira
handke
kierkegaard
la ci darem
leporello
libertino
librettista
libretto
madamina
moliere
mozart
opera
punito
statua
tirso de molina
wolfgang

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi