Skip to content

Joseph Conrad e il Mito del Viaggio. Nostromo e Heart of Darkness tra letteratura e cinema

Informazioni tesi

  Autore: Tommaso Lippiello
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in Testi e Linguaggi nelle letterature dell'Europa e delle Americhe
Anno: 2010
Docente/Relatore: Marco Pistoia
Correlatore: AnnamariaLaserra
Istituito da: Università degli Studi di Salerno
Dipartimento: Dipartimento Lingue e Letterature Straniere
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 335

L’intento di questo lavoro è di fornire una descrizione di come le discipline dell’arte umana, in particolar modo la letteratura e il cinema, siano interconnesse tra loro. Ogni individuo infatti ha tramandato le proprie vicissitudini, sensazioni, convinzioni e credenze che erano spesso incarnate da alcuni elementi riconoscibili in tutte le realtà antropomorfe. Il mito, in maniera vagamente differente, si attuava così in contesti geo-culturali distanti e alieni l’un all’altro nei quali, adattandosi alle esigenze di sacralità dell’uomo impotente e sofferente. Una galleria mitopoietica, resa da culti della Terra Madre, della Vegetazione, dei Raccolti e della Mietitura, del Sole e della Luna, delle Acque rigeneranti e del Fuoco Purificatore, delle Rocce e del Centro del Mondo, tutte ierofanie naturali pre-monoteistiche alle quali l’umanità aspirava e per le quali ogni individuo era disposto a tutto, perfino a sottoporsi a ostili e impervi percorsi iniziatici, un iter antropico, sacro e mitico. Il Mito del Viaggio appunto. Ecco la letteratura, orale e scritta, seguire l’intero processo di creazione, attualizzazione e reiterazione del mito. La letteratura, la forma d’arte scritta, diviene il mezzo di trasmissione del mito più incisivo.
L’analisi del mito del viaggio, nonostante i cambiamenti subiti nei secoli, ma pur sempre fedele alla struttura precostituita, fatta di partenza, percorso e arrivo. Gilgamesh, Ercole, Giasone, Ulisse, Enea, i prodromi di tanti viaggiatori e viandanti. L’umanità ha avuto diverse motivazioni per viaggiare: per ragioni religiose, belliche, economiche, egemoniche, culturali e psicologiche. Tutto quanto ha fatto, osservato o appreso, è diventato quell’immane patrimonio letterario che noi oggi conosciamo come letteratura di viaggio (e sul viaggio). Poemi e narrazioni fantastiche con finalità educative, appunti e diari scientifici, semplici liste commerciali o confronti culturali. Il mito dunque come elemento irrinunciabile alla scrittura.
Partire dal mito come origo et finis, affrontarne la matrice, le varianti, per poi concentrarsi sulla specificità del viaggio. Gli elementi fondanti e le evoluzioni nella storia e nelle letterature del mondo. Esaminare uno degli autori che più di tutti ha dedicato la sua vita e la sua opera letteraria al viaggio, Joseph Conrad, marinaio e scrittore polacco naturalizzato inglese. Prima esule, costretto a viaggiare lontano dalla sua Polonia per motivi politici, poi giovane ricco ereditiero in Francia, dedito al gioco d’azzardo e a facili investimenti in poderi africani, infine l’uomo di mare che, sotto diversi vessilli mercantili, finì con il servire in qualità di capitano la Red Ensign della marina commerciale britannica e solcare così le vastità del mare. Conrad e suoi libri come anello di congiunzione pretestuoso tra la letteratura e il cinema. Conrad, qualche anno prima di morire, decise di lasciare ai posteri una mirabile memoria di sé riadattando alcune delle sue opere sia al mondo del teatro che a quello del cinema, creatura mediatica giovane e dal destino ignoto a quei tempi. Grazie a lui il cambio di rotta esegetico di questo studio è definitivo. Le sue poche lettere sull’argomento sono il ponte ideale tra letterario e filmico. Dallo scritto (letterario) si passa rapidamente al rappresentato (teatrale) e da questo subito al mostrato (cinematografico). Sia lo scrittore che il regista sono vincolati a qualcosa che accomuna ogni testo, ogni canovaccio, ogni storia insomma. Il ‘topic zero’ utile a entrambi è rappresentato comunque dal mito. Ecco dunque che temi classici e vetusti quali la vendetta, il potere, l’amore, il doppio e, nel nostro caso, il viaggio nelle sue molteplici varianti, continuano ininterrottamente a godere di nuova vita. Ecco che le opere di Conrad, appena un anno dopo la sua dipartita, iniziano a essere trasposte e diventano opere filmiche. Alla fine quasi tutti i suoi libri conosceranno la fama del cinematografo. Questo il motivo perché abbiamo deciso di analizzare più a fondo il contributo che l’autore polacco ha dato all’industria del cinema e delle arti in genere, anche se in maniera indiretta. Tra i tanti titoli prodotti per il cinema e la televisione due le opere simbolo del suo operato, legate non solo alla sua creatività ma anche a vicende che lo hanno interessato direttamente, ossia Heart of Darkness e Nostromo, una chiara prova di patto autobiografico semi-referenziale tra l’autore e il suo pubblico. Dalle lettere allo schermo e viceversa per capire come il mito, quello del viaggio, attraverso le pagine di queste due opere giunga al cinema e da qui, tornare nuovamente alle lettere per poi infine, approdare al monomito originario, chiudendo in questo modo il cerchio dal punto in cui eravamo partiti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
- 1 - Premessa L‘intento di questo lavoro è di fornire una descrizione di come le discipline dell‘arte umana, in particolar modo la letteratura e il cinema, siano interconnesse tra loro sulla base di un elemento imprescindibile non solo alla elaborazione artistica quanto alla stessa esistenza dell‘essere umano. Ogni individuo infatti, sin dalle origini, ha finito in qualche modo per raccontare e tramandare le proprie vicissitudini e sensazioni, le convinzioni e le credenze che, in fase atavica, erano spesso incarnate e ridotte ad alcuni elementi riconoscibili in tutte le realtà antropomorfe. Singoli soggetti, realtà tribali e nomadiche, civiltà più o meno evolute, ognuno aveva imperniato la propria esistenza su di un credo fatto di racconti fantastici avvenuti in un tempo lontano, ab origine, del quale riti e rituali comuni erano la diretta e reiterata riproposizione. Il mito, in maniera vagamente differente, si attuava così in contesti geo-culturali distanti e alieni l‘un all‘altro nei quali, di volta in volta, adattandosi alle esigenze di sacralità dell‘uomo impotente e sofferente, forniva la possibilità di trascendere il profano quotidiano e partecipare del divino di cui aveva bisogno. Maggiori erano le difficoltà dell‘umano soprav- vivere, maggiore il numero di luoghi, rituali, amuleti, raffigurazioni, celebrazioni e miti. Ecco dunque una galleria mitopoietica, resa da culti della Terra Madre, della Vegetazione, dei Raccolti e della Mietitura, del Sole e della Luna, delle Acque rigeneranti e del Fuoco Purificatore, delle Rocce e del Centro del Mondo, tutte ierofanie naturali pre-monoteistiche alle quali l‘umanità aspirava e per le quali ogni individuo era disposto a tutto, perfino a sottoporsi a ostili e impervi percorsi iniziatici, un iter antropico, sacro e mitico. Il Mito del Viaggio appunto. Ecco la letteratura, orale e scritta, seguire l‘intero processo di creazione, attualizzazione e reiterazione del mito. Ogni

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

apocalypse now
boitani
cinema
conrad
coppola
eliade
heart of darkness
iter
letteratura
malinowski
marinaio
mito
mitologia
monomito
nostromo
racconto
regia
romanzo
sceneggiatura
scrittore
storia
ulisse
viaggio
welles

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi