Skip to content

L'Attenzione di Alberto Moravia

Informazioni tesi

  Autore: Rodolfo Monacelli
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2009-10
  Università: Università degli Studi di Roma La Sapienza
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Marcello Carlino
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 65

L'Attenzione è paradigmatico del modo di Moravia d'intendere il suo essere scrittore e al tempo stesso intellettuale, capace di cogliere tutte quelle tendenze culturali che si agitavano nella società del suo tempo e di rielaborarle. Un metaromanzo scritto rifacendosi a quelle teorie che negli anni '60 vennero introdotte dalla Neoavanguardia e, in particolare, dal cosiddetto Gruppo 63.
La Neoavanguardia nasce nel 1956 con un discorso scritto da Luciano Anceschi per la rivista Il Verri rifacendosi «ai nuovi rapporti fra l'uomo e la tecnica, e alle conseguenze che la soluzione di questi critici rapporti può avere per la nostra vita e la vita stessa della letteratura». Il primo modello di gruppo organizzato della Neoavanguardia si avrà nel 1961 con l'antologia poetica de I Novissimi a cura di Alfredo Giuliani, riunendo testi poetici di Balestrini, dello stesso Giuliani, di Pagliarani, di Porta e di Sanguineti. Questi autori, pur nelle loro profonde diversità, si collegano alla lezione del Surrealismo e del Dadaismo prediligendo il montaggio, il gioco e il nonsense, e opponendosi radicalmente a tutta l'esperienza post-ermetica e neorealistica degli anni cinquanta, forniscono l'immagine di una realtà «schizomorfa», per utilizzare le parole di Giuliani, non più filtrata attraverso la prospettiva del soggetto e priva di qualunque messaggio sociale, politico o morale: «D'ora in poi [l'arte contemporanea] avrà due domini separati di discorso, quello in cui si svolge una comunicazione circa i fatti dell'uomo e i suoi rapporti[...] e quello in cui l'opera svolgerà al livello delle strutture tecniche un discorso assolutamente formale» . Una ricerca che si rifaceva in particolare alla rivista francese Tel Quel, privilegiando il linguaggio e l'innovazione formale perché, basandosi su quanto affermato da Herbert Marcuse ne L'uomo a una dimensione, la Neoavanguardia riteneva che la società industriale moderna integrava ormai ogni opposizione politica e che l'unico spazio possibile di contestazione rimasto fosse quello linguistico e letterario.
Moravia, naturalmente, apparteneva al primo dominio di cui parla Umberto Eco ma, nonostante ciò e nonostante le forti polemiche che contraddistinsero i rapporti tra Moravia e il Gruppo 63 - costituitosi sul modello del tedesco Gruppo 47 durante un convegno organizzato a Palermo dal 3 all'8 ottobre 1963 - lo scrittore romano ne L'Attenzione utilizzerà proprio le teorie sul metaromanzo ideate dalla Neoavanguardia. In particolare si rifarà a quelle ricavate dal nouveau roman della École du regard teorizzate da Alain Robbe-Grillet e da Jean Ricardou che rifiutavano il realismo e proponevano un romanzo che eliminasse l'uomo dal racconto ed esplorasse soltanto i rapporti tra le varie parti del testo. Il metaromanzo si caratterizzava come un'espressione artistica basata sull'autoriferimento e sull'autocontestazione, sulla consapevolezza critica e sull'ironia, in cui le sue varie forme andavano dal rifiuto del narratore onnisciente all'esigenza di rappresentare drammaticamente prima i fatti e poi i sentimenti, dall'identificazione del narratore con il personaggio alla scoperta del personaggio come romanzo che fa del proprio narrare l'oggetto della narrazione, fino ad arrivare all'annullamento del personaggio stesso come un entità autonoma. Una ricerca, come abbiamo visto, che si configura come l'impossibilità stessa del narrare. E proprio questo elemento sarà alla base, come vedremo, del romanzo di Moravia in cui Merighi, non sapendo scegliere tra l'agire ed il rappresentare, si chiuderà in un circolo da cui uscirà soltanto accettando il romanzo come coscienza della vita.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
L’Attenzione di Alberto Moravia 1 I. BREVE PROFILO DI ALBERTO MORAVIA Quest'anno si celebreranno i vent'anni dalla morte di Alberto Pincherle Moravia (nato a Roma il 28 novembre 1907 e morto il 26 settembre 1990). La sua importanza nel panorama culturale italiano è data non soltanto dalla sua importanza come romanziere, giornalista, critico cinematografico e saggista ma dal fatto che fu uno degli ultimi scrittori italiani capaci di accostare un impegno di tipo politico e civile al mestiere di scrittore. Nonostante le numerose dichiarazioni di Moravia stesso in cui egli distingueva nettamente il suo ruolo di operatore culturale da quello di scrittore1, la sua presenza nei dibattiti culturali del tempo e la sua statura d'intellettuale influenzarono gli interventi critici sulla sua produzione artistica, come se quel ruolo pubblico fosse un necessario complemento alla sua arte. Ciò fece sì che ogni uscita di un libro di Moravia costituisse un evento e portare un romanzo di Moravia sotto il braccio equivaleva allora ad uno status e voleva dire essere aggiornati sul presente dell'arte e della letteratura. Tra le sue innumerevoli attività va certamente citata la fondazione nel 1953 insieme ad Alberto Carocci - già direttore di Solaria e fondatore con Giacomo Noventa nei primi anni '40 della rivista Argomenti (non uscita a causa della guerra) - di Nuovi Argomenti che avrebbe dovuto rappresentare in Italia qualcosa di simile a Temps Moderns di Sartre. La rivista doveva cioè avere nei confronti della realtà italiana un'attenzione di tipo oggettivo e non lirico cercando, al tempo stesso, di rompere il dogmatismo marxista. Moravia fu dunque uno scrittore e un intellettuale che poteva essere 1 «Io mi impegno come cittadino, mai come artista», N. AJELLO, Intervista sullo scrittore scomodo”, Roma-Bari , Laterza, 1978

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

alienazione
attenzione
autentico
dialoghi
disattenzione
edipo
esistenzialismo
freud
gli indifferenti
gruppo 63
il disprezzo
inautentico
incesto
l'amore coniugale
la disubbidienza
la noia
lingua italiana comune
metaromanzo
moravia
neoavanguardia
neorealismo
nouveau-roman
populismo
sanguineti

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi